Skip to content

La garanzia dei diritti negli Stati Uniti dopo l'emergenza dell'undici settembre 2001

Misure adottate negli Usa contro il terrorismo islamico prima dell’undici settembre 2001

Già prima dell’undici settembre 2001 gli Stati Uniti avevano subito attentati con un elevato numero di vittime, alcuni dei quali rivendicati dall'estremismo islamico.

Il 23 febbraio 1993 nell'esplosione di una bomba nei garage sotterranei del World Trade Center perirono sei persone e circa un migliaio furono i feriti. In seguito furono arrestati e condannati quali responsabili della strage quattro fondamentalisti islamici. Questo attentato evidenziò i limiti dell'ordinamento riguardo alla propria capacità di garantire la sicurezza dei propri cittadini e colpì l'opinione pubblica soprattutto per la centralità del luogo in cui era stata piazzata la bomba.

Il 19 aprile 1995 un attentato presso il palazzo federale di Oklahoma City, a distanza di soli due anni dalla bomba al World Trade Center, pose nuovamente alle istituzioni americane il problema, in questo caso aggravato dall'elevato numero di morti, della sicurezza negli Usa. Nonostante il terrorismo islamico non fosse coinvolto nell'organizzazione dell'attentato, compiuto da un fanatico americano di estrema destra, le istituzioni statunitensi sentirono l'esigenza di rivedere le proprie strategie di lotta al terrorismo.

II Congresso, in particolare, a fronte dell'esigenza di intensificare i controlli per impedire il ripetersi di attentati tanto gravi e destabilizzanti, dopo un anno di dibattito e di riflessione approvò, il 24 aprile 1996, l'Antiterrorism and Effective Death Penality Act 1996.

Le previsioni della legge antiterrorismo del 1996 anticipano in molti punti le disposizioni dell'Usa Patriot Act 2001, in quanto lo scopo perseguito è lo stesso: evitare altri atti terroristici sul suolo statunitense, garantendo la sicurezza dei cittadini, e punire in modo esemplare i colpevoli, introducendo tra i reati anche la progettazione di attentati.

Oltre che dal panico, l'adozione dell'atto fu favorita dalla consapevolezza delle lacune legislative dell'ordinamento statunitense in tema di terrorismo, nell'illusione che una normativizzazione del fenomeno avrebbe risolto il problema. Diversamente, anziché aumentare il livello di sicurezza nel paese, le misure adottate con l'Antiterrorism Act del 1996 favorirono il processo di "ridimensionamento" delle libertà civili.

Tra le misure che perseguono tale obiettivo va menzionato il guilt of association, un retaggio delle misure adottate durante il Maccartismo nei confronti degli iscritti al Partito Comunista Americano, in base al quale il supporto o l'adesione a gruppi o associazioni designati come terroristici dal Segretario di Stato diventa fattispecie di reato. Questa disposizione, che affida alla discrezionalità delle istituzioni la valutazione della pericolosità di un’associazione per l’ordinamento, ha trovato poi nuovo e pericoloso vigore con l’approvazione dell’Usa Patriot Act 2001.

La mancanza di criteri oggettivi per inserire un’associazione nel registro delle organizzazioni terroristiche rappresenta un pregiudizio per le associazioni che operano rispettando la legge, e che non compiono atti violenti e in contrasto con il Governo, in quanto potrebbero essere vittime di discriminazioni politiche. La definizione di organizzazione terroristica contenuta nella legge è volutamente vaga, al fine di permettere alla polizia di svolgere controlli più "approfonditi" nei confronti di un maggior numero di soggetti e associazioni.

Con la legge antiterrorismo del 1996 ha subito un forte cambiamento anche la legislazione sull’emigrazione, rispetto alla quale sono state previste limitazioni in materia di ingresso e di permesso di soggiorno. Relativamente agli stranieri presenti sul suolo americano, la legge li ha resi vittime di una decurtazione dei diritti processuali e li ha assoggettati a maggiori controlli, sia all’interno che ai confini della Federazione.

I poteri dell'Fbi sono stati ampliati per permettere indagini più approfondite e capillari nella ricerca de terroristi e delle loro organizzazioni. Inoltre sono proseguite le investigazioni, i controlli e le infiltrazioni dell'Fbi, iniziate nella seconda metà degli anni Ottanta, nei confronti di associazioni contrarie e contestatrici in merito alla politica governativa, nonché i controlli dei registri di consultazione dei libri nelle biblioteche pubbliche.

La tutela delle libertà civili prima della tragedia dell'undici settembre 2001 era dunque già stata compressa in seguito a gravi attentati che avevano posto gli Usa, all'indomani dal crollo dell'Urss e la fine della Guerra Fredda, di fronte ad un nuovo ordine di problemi e ad una nuova tipologia di nemici.
E’ possibile in questo senso leggere l’Usa Patriot Act come una legge finalizzata a garantire sicurezza a scapito dei diritti civili più aspra della legislazione del 1996, probabilmente anche per la gravità delle perdite umane subite dagli Usa, ma collocabile in un percorso politico affine.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La garanzia dei diritti negli Stati Uniti dopo l'emergenza dell'undici settembre 2001

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Simona Materia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Francesco Cerrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 171

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi