Skip to content

La nuova frontiera dell'insolvenza del consumatore

L'accordo di ristrutturazione dei debiti

L'accordo di ristrutturazione dei debiti è disciplinato dall'art.7 comma 1 della legge n. 3/2012. Invero prima della riforma l'accordo di ristrutturazione non è stato visto di buon occhio dalla dottrina. Infatti c'è chi l'ha definita un'opera ancora incompiuta, chi, ancora, una timida emancipazione dalla più tradizionale visione del rapporto obbligatorio. La dottrina aveva la sensazione che la strada intrapresa dal legislatore fosse quella giusta ma si poteva e doveva fare di più. L'accordo di ristrutturazione, fino a quel momento era previsto solo dall'art. 182 della l. fallimentare. Quindi, con la sua previsione, nella legge sul sovraindebitamento, si spoglia della sua settorialità che lo aveva contraddistinto, per entrare a pieno titolo fra gli strumenti giuridici cui debitore e creditore dispongono nella gestione dei loro rapporti; divenendo rimedio di diritto comune, col quale si generalizzano meccanismi di gestione flessibile del debito, fino a quel momento riservati a nicchie di debitori speciali. Rispetto all'art. 182 della legge fallimentare, il testo originario dell'art 7 l. 3/2012 era carente di un elemento fondamentale che rendesse appetibile l'istituto, vale a dire : la esenzione da revocatoria degli atti, pagamenti e garanzie posti in essere dal debitore in esecuzione dell'accordo. Inoltre, un altro limite, rispetto all'art. 182 l. fall., era costituito dall'assenza di consistenti agevolazioni fiscali. Con il d.l. n. 179/2012, questa empasse è stata superata. Nel dettaglio, l'art. 7 al comma primo, prevede che il debitore in stato di sovraindebitamento possa proporre ai creditori un accordo di ristrutturazione dei debiti e di soddisfazione dei crediti sulla base di un piano. Questo piano deve rispettare alcuni requisiti. In primo luogo, deve assicurare il regolare pagamento dei crediti impignorabili ai sensi dell'art. 545 c.pc.124. In secondo luogo, il piano deve prevedere il pagamento integrale, seppur dilazionabile dei tributi costituenti risorse proprie dell'Unione Europea, dell’imposta sul valore aggiunto e delle ritenute operate e non versate. Con tale previsione, il legislatore si è ispirato alla disciplina del concordato preventivo, e degli accordi di ristrutturazione, infatti il piano può avere solamente carattere dilatorio. In terzo luogo, il piano deve prevedere le scadenze e le modalità di pagamento dei creditori, che possono essere anche suddivisi in classi. Già dalla elencazione della strutturazione del piano che deve proporre il debitore, si evince che con la novella del 2012, si è inteso sostituire la vocazione privatistica, del testo originario dell'art.7, con una logica concordataria. Infatti, con l'assistenza dell'organismo di composizione della crisi, il debitore propone ai propri creditori un accordo teso alla ristrutturazione dei debiti e alla soddisfazione dei crediti attraverso qualsiasi forma. L’accordo, come su indicato, deve fondarsi su un piano dall' ossatura ben specifica. Inoltre, il fatto che la ristrutturazione dei debiti e il soddisfacimento dei crediti possa avvenire con qualsiasi forma, risponde alla logica della legge di liberare definitivamente il debitore, di permettergli un fresh start . L'organismo di composizione della crisi è un organo che deve avere determinati requisiti di indipendenza e professionalità, inoltre dev'essere iscritto nell'apposito registro tenuto presso il ministero della giustizia. Il suo ruolo principale è quello di concedere un ausilio professionale concreto nella risoluzione del sovraindebitamento, cercando di assumere una posizione di equidistanza tra le parti, anche se assomma in se competenze eterogenee che, nelle procedure disciplinate dalla legge fallimentare, sono affidate a più professionisti distinti. Il ruolo degli organismi di composizione della crisi, assume tutta la sua importanza soprattutto quando deve esprimersi sulla fattibilità del piano. Di conseguenza, il debitore, deve predisporre il piano cercando, sia di convincere i creditori, sia e, prima ancora, l'organismo in questione. Il debitore, quindi, nel rispetto dei limiti imposti dagli artt.7 e 8, può predisporre il piano come meglio crede, con un obiettivo: renderlo appetibile e quindi condivisibile da creditori e OCC. Dalle osservazioni fatte fino a questo momento, appare chiaro che il legislatore ha voluto sancire il principio di atipicità della proposta. Il dettato normativo dell'art.8 comma 1, richiama inequivocabilmente la disciplina dettata dagli artt. 124, comma 2, lettera c) e 160, comma 1, lettera a) in materia rispettivamente di concordato fallimentare e di concordato preventivo. Se si confrontano le disposizioni, non si può far a meno di notare una differenza sostanziale tra l'accordo nel sovraindebitamento e l'accordo previsto nel concordato preventivo e fallimentare : l'art. 8 non presenta la tipizzazione delle opzioni attuabili come invece nelle altre procedure. Tutto questo pone in evidenza l'importanza acquisita dall'autonomia privata nella composizione dell'insolvenza. L'art. 8 comma primo parla esplicitamente di ristrutturazione dei debiti ma questo concetto, mutuato dalla tradizione aziendalistica, non designa, solamente, la riduzione del debito potendo riguardare anche la posizione del soggetto obbligato, quella del soggetto attivo del credito nonché il tempo dell'adempimento. La soddisfazione dei crediti evoca, invece, qualsiasi mezzo, anche diverso dal denaro mediante il quale può essere adempiuta l'obbligazione. La norma non impone al debitore le modalità con cui suddividere, eventualmente, i creditori in classi. Tuttavia, per parte della dottrina, il richiamo alla concorsualità della procedura induce a ritenere applicabile la par conditio creditorum. Inoltre, pur avendo prevista la possibilità della divisione dei creditori in classi, il legislatore non ha previsto il raggruppamento dei crediti con natura giuridca e interessi economici omogenei, tuttavia è evidente che per favorire il consenso dei creditori è opportuno prevedere un paritario trattamento economico.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La nuova frontiera dell'insolvenza del consumatore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carmine D'amico
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Angelina Principe
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 213

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

esdebitazione
composizione della crisi da sovraindebitamento
fallimento del consumatore
legge n. 3 del 2012
il piano del consumatore
omologazione dell'accordo
organismi di composizione della crisi
decreto crescita-bis
disegno di legge commissione rorddorf
insolvenza, crisi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi