Skip to content

Aspetti e limiti della mediazione obbligatoria in tema di responsabilità medica e sanitaria. Prospettive di riforma.

La mediazione civile e commerciale alla luce del “decreto del Fare”

La mediazione ex D. lgs. 28/2010 ha visto un periodo di arresto in ragione della decisione della Corte costituzionale del 23 ottobre 2012, n. 272. La Consulta, con tale
sentenza, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della normativa della mediazione per eccesso di delega nell’emanazione del testo normativo da parte del Governo rispetto alla legge delegata, disposizione che non prevedeva l’obbligo della mediaconciliazione. La conseguenza è stata l’esclusione dell’obbligo del procedimento alternativo per tutte le fattispecie obbligatorie sancite dall’art. 5 comma 1 del D. lgs. n. 28/2010 (v. infra par. 1).

Il decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, cd. “decreto del Fare”, introduce nuovamente l’obbligatorietà dell’istituto della mediazione, apportando alcune modifiche alle precedenti disposizioni. La procedura alternativa è operativa decorsi trenta giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del predetto decreto (art. 84, ultimo comma D.L. n. 69/2013). Il provvedimento legislativo con cui è stato convertito è la legge 9 agosto 2013, n. 98. Poiché quest’ultima è in vigore a far data dal 20 agosto 2013, la nuova mediazione esplica i suoi effetti dal 21 settembre 2013.
La principale novità, come detto poc’anzi, consiste nella reintroduzione della mediazione obbligatoria nelle materie per le quali già era prevista sotto la vigenza dell’originaria versione del D. lgs. n. 28/2010. Restano escluse le controversie riguardanti il risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti: l’esclusione sembrerebbe principalmente dovuta al fatto che le compagnie assicurative, in vigenza della mediazione obbligatoria, solo nel 3,5% dei casi decidevano di comparire all’incontro con il mediatore. Anche per questa ragione, l’istituto della mediazione ha rappresentato un insuccesso di fronte all’obbiettivo, posto in essere dal legislatore, di deflazione del contenzioso civile.

D’altro canto, la nuova normativa ha operato un ampliamento in tema di risarcimento del danno derivante da responsabilità medica. Oggi, infatti, la locuzione indicata dalla disposizione è risarcimento del danno derivante da responsabilità “medica” e “sanitaria”. Con tale espressione vengono fugati i dubbi in merito alla piena sottoposizione al tentativo obbligatorio di mediazione di tutti i casi di responsabilità che coinvolgono strutture sanitarie, anche quando si tratti di errore o negligenza del medico o di carenze della struttura, nonché di tutti i casi in cui sono coinvolti i paramedici.

Alla luce di quanto suddetto, il legislatore governativo ha inteso perseguire la medesima strada ripercorsa nel 2010, facendo attenzione ad utilizzare uno strumento normativo che non entrasse in collisione con “l’eccesso di delega” (già segnalato dalla Consulta) ma che ripropone i medesimi problemi interpretativi segnalati e riguardanti i rapporti tra mediazione quale condizione di procedibilità, procedimenti sommari e procedimenti “bifasici”.

In definitiva, non si è avuto il coraggio di riformare in toto lo strumento conciliativo al fine di rimodellarlo e adattarlo alle esigenze di un sistema di civil law, quale è l’ordinamento italiano. Timide sono le novità apportate dal “decreto del Fare” e tutte legate alla figura dell’avvocato, che forse costituiscono il tentativo di placare l’avversione del Consiglio Nazionale Forense nei confronti della mediazione.

In primis, le mediazioni attivate sulle materie di cui all’art. 5 comma 1-bis, e quelle delegate dal giudice devono svolgersi alla presenza degli avvocati quali assistenti delle parti. La seconda novità riguarda l’art. 12, comma 1, e prevede che se la mediazione giunge a un accordo e tutte le parti sono assistite da avvocati, l’accordo stesso sottoscritto anche dai professionisti costituisce già titolo esecutivo. In questo caso agli avvocati spetta l’attestazione e la certificazione della conformità dell’accordo alle norme imperative e all’ordine pubblico. Resta ferma la possibilità di richiesta di omologa al presidente del Tribunale in tutti gli altri casi. L’ultima novità è contenuta all’art. 16, comma 4-bis, e attesta che gli avvocati iscritti all’Albo sono di diritti mediatori.
Gli avvocati iscritti negli organismi di mediazione, pertanto, devono essere adeguatamente formati in materia di mediazione e mantenere la propria preparazione con percorsi di aggiornamento teorico-pratici a ciò finalizzati.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Aspetti e limiti della mediazione obbligatoria in tema di responsabilità medica e sanitaria. Prospettive di riforma.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Massimiliano Gianino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Link Campus University - L'Università internazionale a Roma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Renata Saitta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi