Skip to content

Oltre il PIL: Valutazione del benessere attraverso indicatori di tipo quantitativo

Indicatori di tipo quantitativo alternativi al PIL

Attraverso l’analisi delle dodici raccomandazioni, presentate all’interno del Rapporto Stiglitz, si nota come la misura del reale livello di benessere di un individuo sia un elemento di difficile comprensione e analisi, in quanto, oltre a dipendere dalla sfera privata dell’individuo, è anche influenzato da una molteplicità di elementi, in alcuni casi di difficile valutazione.
Nasce, così, l’esigenza di realizzare indici per il calcolo del benessere, adottando un approccio che sia il più ampio possibile e consideri al suo interno, oltre al benessere economico, anche gli elementi influenti sulla qualità della vita di un individuo. Chiaramente, il processo di realizzazione degli indicatori di benessere ha riscontrato non pochi problemi.

Il primo problema nella realizzazione di tali indicatori, risiede nella difficoltà di aggregare in un unico elemento una vasta gamma di informazioni. Per poter aggregare i dati ottenuti, si ricorre solitamente alla media ponderata, i cui pesi sono basati su personali giudizi di valore e, in quanto tali, poco oggettivi. Inoltre, nell’operazione di aggregazione si ha una contrapposizione fra informazione e sintesi. Se, da una parte, rappresentare il livello di benessere con un unico numero è di semplice ed immediata lettura anche per un pubblico meno esperto, dall’altro, esso genera una perdita di informazioni specifiche.

Altro ostacolo è dato dalla diversità di elementi considerati rilevanti al fine di valutare e analizzare la qualità della vita.
Ad esempio, un individuo che vive al di sotto della soglia di povertà, darà maggior rilievo alla sanità rispetto ai rapporti sociali, tranquillamente evitabili. Viceversa, un ragazzo con più elevate possibilità economiche darà maggior peso ai rapporti sociali anziché alle condizioni ambientali. Quindi, per poter avere degli indicatori pienamente affidabili è necessario che alla loro realizzazione, partecipino più attori possibili. Non a caso, la Commissione è stata criticata per esser quasi esclusivamente composta da economisti. Per poter individuare al meglio i reali valori di una società e definire gli elementi influenti sul calcolo del benessere servirebbero, oltre agli specialisti, anche gente comune.

Nonostante siano passati sette anni dalla pubblicazione del Rapporto, gli indicatori presentano ancora oggi delle piccole incongruenze anche se qualche passo in avanti è stato fatto. Sulla base delle raccomandazioni elaborate dalla Commissione Stiglitz-Sen-Fitoussi sono stati realizzati una serie di indicatori, suddivisibili in tre categorie, in base alla loro relazione con il PIL: indicatori correttivi, complementari e sostitutivi al PIL.
Tra gli indicatori correttivi ricadono tutti quegli indici che correggono il PIL, aggiungendo anche gli aspetti influenti per il benessere degli individui. Tra gli indicatori di tipo correttivo ci sono l’ISEW (Index of Sustainable Economic Welfare), il GPI (Genuine Progress Indicator) ed il GS (Genuine Savings).

Gli indicatori complementari, invece, si affiancano al PIL con l’obiettivo di individuare ed analizzare gli aspetti relativi al benessere e al progresso sociale. In questa categoria risiedono l’HDI o ISU(Indice di Sviluppo Umano), il BES (Benessere Equo e Solidale,sviluppato dall’ISTAT e dal CNEL), il PIQ(Prodotto Interno di Qualità). Taluni indicatori si differenziano da quelli correttivi in quanto considerano il PIL e gli aspetti relativi al benessere in maniera distinta. Infine, ci sono gli indici che si sostituiscono completamente al PIL come l’ESI-EPI (Enviromental sustainabilty and performance indexes), il QUARS(Qualità Regionale dello Sviluppo) e l’HPI (Happy Planet Index).

Lo UNDP (Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) elabora, a cadenza annuale, una rassegna di tutti gli indicatori sviluppati nel mondo per valutare il livello di benessere di un paese. Dalla rassegna emerge come l’industria degli indicatori sia particolarmente fiorente, al punto che, nel 2008 si contano circa 140 indicatori, 50 in più rispetto all’anno precedente. Analizziamo in dettaglio alcuni di questi indicatori.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Oltre il PIL: Valutazione del benessere attraverso indicatori di tipo quantitativo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Lastella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Politecnico di Bari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Nicola Costantino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pil
isew
happy planet index
quars
limiti pil
indicatori alternativi
coefficiente gini
valutazione benessere
genuine saving index

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi