Skip to content

Misurare l'impatto ambientale della microfinanza: un'analisi su dati mix-market

Le cinque dimensioni del MEPI (Microfinance Environmental Performance Index)

Sulla base di tali indicatori, definiamo il Microfinance Environmental Performance Index (MEPI), ovvero uno strumento che permette di misurare le performance ambientali degli istituti di microfinanza.
Possiamo dire che il MEPI è un indice multidimensionale, nel senso che tiene conto di cinque aspetti fondamentali:

1) l'adozione di politiche ambientali, affiancando obiettivi ambientali agli obiettivi ufficiali dell'istituzione;
2) la riduzione dell'impronta ecologica interna all'azienda stessa, tramite ad esempio un'accurata gestione dei consumi, in termini di energia e di rifiuti;
3) la valutazione e la gestione del rischio ambientale delle attività dei propri clienti;
4) l'erogazione di microcrediti “verdi”, al fine di promuovere attività ecocompatibili e l'uso di tecnologie pulite;
5) l'attuazione di servizi ambientali non finanziari, come ad esempio le campagne di sensibilizzazione ambientale.

Queste cinque dimensioni rappresentano le strategie messe in atto dalle istituzioni di microfinanza nell'affrontare le questioni ambientali. Il primo aspetto rappresenta la base necessaria per l'effettivo svolgimento delle attività di tipo ambientale. Per quanto riguarda la riduzione dell'impronta ecologica, possiamo fare l'esempio di Apoyo Integral, in El Salvador, che ha deciso di mettersi in società con una compagnia che si occupa di acquistare carta usata da tutti i propri associati per poi riciclarla; altre istituzioni di microfinanza hanno optato per il monitoraggio dei propri livelli di consumo (energia, acqua, ecc.), decidendo poi di pubblicare i loro progressi in report annuali che seguono le linee guida del Global Reporting Initiative, organizzazione atta a promuovere la diffusione di informazioni riguardanti gli impatti sociali, ambientali ed economici derivanti dalle attività delle singole istituzioni.

Di pari importanza risulta l'attenzione data all'impatto ambientale delle attività dei clienti, aspetto considerato nel punto 3; nel valutare i rischi ambientali, alcuni istituti di microcredito utilizzano una “exclusion list”, nella quale sono elencate le tipologie di attività che l'istituto non ha intenzione di finanziare, ovvero attività illegali o considerate particolarmente rischiose per l'ambiente. Molte istituzioni che utilizzano tali liste utilizzano quelle approvate dall'International Finance Corporation (IFC), istituzione che si occupa dell'espansione del settore privato nei paesi in via di sviluppo.

Altre istituzioni preferiscono invece utilizzare strumenti per la valutazione del rischio ambientale dei loro clienti; prendiamo come esempio il caso di MicroCred, che si serve di una lista nella quale sono classificate varie attività in base al loro livello di rischio ambientale; nella categoria A sono elencate le attività che determinano alti rischi per l'ambiente, nella categoria B quelle corrispondenti a rischi intermedi ed infine nella categoria C vi sono le attività a basso rischio ambientale.

Quando parliamo di microcredito “verde” facciamo riferimento all'erogazione di finanziamenti finalizzati ad incoraggiare la creazione e lo sviluppo di attività ecocompatibili, come il riciclaggio o l'ecoturismo, o atti a supportare tecnologie ecosostenibili, quali ad esempio energia solare, biogas, motori elettrici, ecc. Per fare ciò, è importante modificare le modalità di prestito e, se necessario, fornire incentivi (ad esempio tassi di interesse ridotti) per incoraggiare i microimprenditori ad adottare comportamenti ecocompatibili.

Infine, molte istituzioni di microfinanza scelgono di attuare servizi ambientali non finanziari. Un esempio è quello di CAMIDE in Mali, che ha definito un codice di condotta ambientale il quale dev'essere sottoscritto da ogni cliente; i clienti devono piantare alberi e prendersene cura, impegnarsi in attività ecocompatibili, smettere di utilizzare buste di plastica e cercare di sensibilizzare le proprie famiglie alle problematiche ambientali. Altre istituzioni organizzano corsi di formazione per coloro che si impegnano in attività ecosostenibili. E' il caso, ad esempio, di CEPRODES, in Nicaragua, e Fundación Campo, in El Salvador, che informano i loro clienti sulle tecnologie agricole sostenibili.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Misurare l'impatto ambientale della microfinanza: un'analisi su dati mix-market

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabrizia De Rosa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Statistiche
  Corso: Statistica
  Relatore: Marcella Corsi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 43

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi