Skip to content

Il retaggio della tradizione ebraica nella musica di Alon Yavnai e Shai Maestro

Rinascimento e polifonia

Il canto liturgico ebraico stagnò in un rigido immobilismo conservatore per secoli. Mentre la musica dell’Occidente cristiano compiva il suo tumultuoso percorso verso la polifonia, gli Ebrei difendevano orgogliosamente la foggia strettamente monodica delle proprie preghiere: tale caratteristica faceva sì che il canto restasse patrimonio dell’intera comunità, senza la necessità di affidarlo a dei professionisti, come invece accadeva presso i contemporanei cristiani (Fubini, 1994).

I primi esperimenti di musica polifonica compiuti da Ebrei si collocano nell’ambito del tardo Rinascimento italiano: il miglioramento generale delle condizioni di vita della minoranza in Italia fece sì che alcuni compositori ebrei furono chiamati al servizio nelle corti signorili. Un forte desiderio di integrazione li spinse ad abbracciare lo stile ‘moderno’, componendo canzonette, mottetti e madrigali nello stile polifonico dei colleghi cristiani; paradossalmente, ciò accadde proprio nel momento in cui infuocava la polemica, nata in seno al Concilio tridentino (1545-1563), sul ruolo della parola nell’ambito della musica sacra.

Tra gli Ebrei, il rapporto tra parola e musica è sempre stato quello di una mutua dipendenza: non può esistere preghiera senza canto e, al tempo stesso, chi canta senza pregare commette un abominio. L’idea di un’arte dei suoni autonoma, slegata dal proprio indissolubile legame con la parola, non era assolutamente concepibile: ancora nel 1976, Rabbi Obadia Yosef (si veda Shiloah, 1992, pag. 84) metteva in guardia contro “lo stile folle dei cantori che, per far udire meglio la propria voce, spezzano ogni parola in minuscoli frammenti, tanto che essa non più essere compresa”. Eppure, in quella fase, i sogni di integrazione furono più forti delle questioni dottrinali.

Il più noto di questi ‘modernizzatori’ fu il mantovano Salomone Rossi: al servizio dei duchi Gonzaga per circa vent’anni, fu autore di una raccolta di Salmi e Cantici in perfetto stile polifonico, ma in lingua ebraica.
Fondamentale fu il sostegno di Leone da Modena, rabbino di Ferrara, anch’egli fervente ammiratore del Rinascimento italiano: questi diede a Salomone il merito di aver riportato agli antichi fasti la musica del Tempio di Gerusalemme; riprese inoltre la vecchia teoria sull’origine ebraica della dottrina musicale cristiana, formulata da Immanuel Haromi nel secolo quattordicesimo: “cosa dice la scienza della musica agli altri? Fui portata via dalle terre degli Ebrei.” (si veda Harrán, 2003).

Le sue opere furono adottate da alcune sinagoghe ‘progressiste’ (tra cui quelle di Mantova, Ferrara, Padova e Casale Monferrato), non senza accese polemiche da parte dei rabbini più intransigenti. Ciò nonostante, le sue innovazioni ebbero bruscamente fine quando, nel 1630, i lanzichenecchi al soldo di Ferdinando II D’Austria entrarono a Mantova, saccheggiarono il ghetto e ne deportarono la popolazione (Fubini, 1994); è assai probabile che il Rossi sia morto in questa occasione.

Aldilà della sua intenzione di riformare la musica degli Ebrei, le sue opere non posseggono nessun tratto stilistico tipicamente ebraico e si inseriscono pienamente nella sfera della scuola rinascimentale italiana; né egli si servì di materiale tematico proveniente da motivi tradizionali (Idelsohn, 1929). Apparentemente, troppi ostacoli tecnici si interponevano all’armonizzazione dei modi della tradizione: a molti di essi mancava la sensibile, alcuni avevano un ambitus inferiore all’ottava, altri prevedevano la quinta diminuita rendendo così impossibile la formazione di una triade regolare a partire dalla tonica.

Dopo la sua scomparsa, la sinagoga di Mantova ripristinò con zelo i canti tradizionali. Più di due secoli dovettero passare prima che, con l’avvento dell’Ebraismo riformista, l’armonia fosse di nuovo introdotta nelle funzioni religiose ebraiche, per opera di compositori come Salomon Sulzer, Louis Lewandowski e Eliezer Gerowitch; quest’ultimo dimostrò grande creatività nei suoi sforzi per armonizzare i modi ebraici sconosciuti alla musica occidentale, come il cosiddetto modo ahava raba (Idelsohn, 1929).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il retaggio della tradizione ebraica nella musica di Alon Yavnai e Shai Maestro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Ceccarelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Saint Louis College of Music
  Facoltà: Jazz
  Corso: Pianoforte Jazz
  Relatore: Carlo Mezzanotte
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ebraismo
israele
etnomusicologia
analisi musicale
jazz contemporaneo
folklore ebraico
alon yavnai
shai maestro
avishai cohen
klezmer

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi