Skip to content

La terza via nella gestione delle crisi d'impresa: gli accordi di ristrutturazione dei debiti

Accordi di ristrutturazione, piani attestati di risanamento, concordato preventivo: una difficile convivenza

Proseguendo nel ragionamento si precisa che l'introduzione dell'istituto qui oggetto di studio comportò varie incertezze tanto da parte degli operatori giuridici quanto da quelli economici, e dubbi interpretativi sia in relazione agli aspetti formali che sostanziali, nonché nella definizione della natura giuridica e dell'ambito di applicabilità dello stesso. Questo permette allora di affrontare la seconda difficoltà presentata nella conclusione del paragrafo sulla finalità degli accordi.
Si è già più volte affermato come questi vennero accolti con fatica al momento della introduzione, infatti solo successivamente ad un'organica riforma nel 2007 (quando fu maggiormente chiaro che il legislatore propendeva nel configurarli come un istituto autonomo) essi furono annoverati tra gli strumenti volti a favorire la composizione negoziale della crisi insieme ad altri due istituti: il "vecchio" concordato preventivo e il "nuovo" (perché introdotto anch'esso con la riforma del 2005) piano di risanamento attestato ex art 67, comma terzo, lett. d), legge fallimentare. Attualmente questi strumenti rappresentano i tre momenti nei quali si esplicano le Procedure di composizione negoziale della crisi d'impresa, mentre inizialmente l'annovero in questa triade non è stato affatto immediato né intuitivo e quindi certamente non condiviso in modo unanime. Era incerta la definizione del rapporto che intercorreva tra gli accordi, i piani attestati e il concordato, e permaneva l'incertezza anche nella definizione dei contesti in cui l'imprenditore poteva ricorrere agli uni in luogo degli altri.
Seguendo allora l'impostazione proposta da S. Bonfatti (procedendo con un crescendo a seconda del grado di "giurisdizionalizzazione" presentato da questi strumenti) si effettua qualche considerazione sull'evoluzione del rapporto tra questi istituti di composizione della crisi, presentandone le principali differenze e punti in comunanza tra gli stessi.
I piani attestati di risanamento ex lettera d), comma terzo, art. 67 della legge fallimentare, consistono nell'adozione, in modo autonomo da parte dell'imprenditore, di specifiche misure atte a ripristinare la capacità reddituale dell'impresa al fine di risanare l'esposizione debitoria della stessa, attraverso la ripresa della capacità di autofinanziamento. Esso quindi adotterà tutte quelle misure operative-commercialigestionali,
volte a ripristinare o almeno a favorire una ripresa economica al fine di evitare il dissesto. Quindi i piani attestati si configurano come atti unilaterali del debitore ed escludono alcun intervento diretto da parte dei creditori o terzi, poiché la loro ingerenza è solo marginale e finalizzata a disciplinare singoli e specifici affari.
Conseguentemente non è necessaria il raggiungimento di una maggioranza per l'approvazione del piano in quanto non vi è alcun riconoscimento di un ceto creditorio come nella procedura fallimentare. Infine anche l'esecuzione del suddetto piano rimane esclusivamente in capo al debitore, non vi sono esplicite sanzioni in caso di mancata o parziale realizzazione se non le generali norme di protezione dei creditori previste nel codice civile, non vi è alcuna ingerenza di organi preposti al controllo della procedura.
Infatti non si presenta nessuna delle tre caratteristiche essenziali affinché si possa riconoscere il carattere procedurale. Da cui l'autorità giudiziaria ha un ruolo nullo perché non c'è una procedura dove esplicare le proprie capacità né risulta necessario il suo intervento per un'efficace conclusione operativa del contenuto dei piani, se non in via eventuale e a posteriori. Infatti l'intervento del tribunale può avvenire solo in un momento successivo alla formazione ed esecuzione dei piani, solo in caso di fallimento, ed anche in questo caso non potrà pronunciare alcun giudizio di merito sui punti del piano. Esso ha l'esclusivo compito di verificare che quegli "atti, i pagamenti e garanzie concesse" siano posti in essere "in esecuzioni di un piano che appaia idoneo a consentire il risanamento", riprendendo il dettato della lettera d), comma terzo, dell'art. 67, perché allora possano rientrare nella casistica normativa dei piani attestati di risanamento. Solo in questo caso essi sono "non soggetti all'azione revocatoria" garantendo allora il debitore e i terzi, che entrano in rapporti con lo stesso per l'esecuzione dei suddetti piani, qualora venga dichiarato successivamente fallimento.
Quindi è possibile verificare già che non vi è alcuna concorrenza tra i piani di risanamento e gli accordi di ristrutturazione, specialmente considerando che essendo i primi atti di tipo unilaterale, l'esclusione dei creditori può pesare notevolmente nel momento di esecuzione delle misure del piano. Non vi è, infatti, alcuna possibilità per il debitore di impedire o bloccare eventuali procedure esecutive individuali o cautelari promosse da creditori scontenti. Al contrario invece si vedrà che negli accordi l'imprenditore gode di un c.d. "ombrello protettivo" particolarmente ampio che garantisce una decisa tutela contro l'avvio di queste misure. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La terza via nella gestione delle crisi d'impresa: gli accordi di ristrutturazione dei debiti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Scanferla
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Mauro  Pizzigati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fallimento
autonomia negoziale
concordato preventivo
crisi economica
crisi impresa
accordi ristrutturazione debito
tutela pubblicista
soluzione negoziale crisi impresa
piani attestati di risanamento
182 bis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi