Skip to content

Aspetti e problemi relativi al mantenimento della lingua

Approcci dall’alto: alcuni programmi di rivitalizzazione linguistica più importanti

Molti linguisti sono d’accordo nel ritenere i programmi di immersione linguistica la migliore soluzione per rivitalizzare le lingue. Essi partono infatti dal presupposto secondo il quale il miglior modo di apprendere una lingua è creare un contesto nel quale la lingua, e solo quella lingua, venga usata costantemente. Tale contesto è un campo artificiale in cui la lingua in pericolo viene usata per la comunicazione quotidiana tra i partecipanti e per le attività didattiche. Gli studenti, in genere bambini e adolescenti, sono affiancati da parlanti anziani, che sono i veri insegnanti della lingua. Realizzare questi programmi non è sempre possibile. È necessaria la presenza di alcuni elementi essenziali nelle comunità per la buona riuscita di tali programmi. Per prima cosa occorrono parlanti base da portare all’interno del programma. L’approvazione della comunità è un altro elemento indispensabile: il programma è destinato infatti a fallire se vi è disapprovo all’interno di un gruppo influente nella comunità. E infine il supporto economico: l’immersione totale richiede materiali pedagogici. La reazione di questi materiali si basa non solo su supporti economici ma anche sulla cooperazione dei parlanti adulti della comunità. Esistono diversi tipi di programmi di immersione totale. Uno dei più importanti è il “Language nest” (nido linguistico). Questo tipo di programma è stato utilizzato per la rivitalizzazione della lingua Maori ed è anche uno dei programmi meglio documentati. La lingua Maori entrò in contrasto con l’inglese e nel 1970 era una lingua in via di estinzione. Il “Te Kohanga Reo” fu creato nel 1980 per trasmettere la lingua Maori dalla vecchia generazione alla nuova. Altri programmi simili sono l’Hawaian language nest, il Blackfeet revitalization program e il Mohawk revitalization program.
I programmi di immersione parziale sono programmi bilingui in cui alcune lezioni sono impartite nella lingua locale e altre nella lingua di uso più diffuso (inglese o spagnolo). In genere le lezioni in lingua locale consistono nell’insegnare la lingua stessa mentre la lingua più diffusa viene usata per tutte le altre materie. La lingua locale viene quindi insegnata come lingua straniera o L2. Questi programmi sono utilizzati quando la comunità è incapace o non è veramente intenzionata a spendere tutto il tempo, gli sforzi e le risorse necessarie (...)

Questo brano è tratto dalla tesi:

Aspetti e problemi relativi al mantenimento della lingua

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Nardella
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Carmela Perta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi traduttologica
inversione della deriva linguistica
lingue in via di estinzione
metodi bottom up
metodi top down
metodo ad immersione
modello di morte graduale delle lingue
pianificazione linguistica
reversing language shift

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi