Skip to content

La perizia psichiatrica nell'autore di femminicidio

Ciò che uccide non è amore

Quello che normalmente viene visto in termini possessivi, non ha niente a che fare con l'amore, arrivare a capire il perché l'uomo, che dice di amare la propria donna arriva al punto di ucciderla è un sistema alquanto complesso, normalmente inserito con l'etichetta di delitto passionale o affettivo, dietro questa forma di delitto si nasconde un affettività maligna e possessiva nei confronti dell'altro, caratterizzata dalla distorsione della realtà, tanto da considerare l'altro come un “oggetto”, ciò che sta alla base di questi uomini è la fragilità, la frustrazione, l'immaturità e la dipendenza; nella maggior parte dei casi sono uomini che scaricano i loro problemi esistenziali all'interno della coppia, ciò che li tiene in vita è il controllo, che hanno sulla partner, per questo motivo viene considerato inaccettabile un presunto o reale abbandono, in molti casi si tratta di un soggetto con disturbo borderline di personalità, caratterizzato da manipolazione e ambivalenza affettiva, la loro autostima aumenta in direzione all'annientamento dell'autostima della vittima-partner.
Dalle frasi umilianti si passa a rompere gli oggetti, sbattere le porte, tirargli i capelli, pugni, calci, questo tipo di violenza non lasciando segni è la più difficile da denunciare perché non riporta dati evidenti.
Lo stereotipo culturale descrive questi uomini come coloro che sono affetti da una patologia mentale, tossicodipendenti, alcolisti.

Studi recenti hanno invece dimostrato che sono uomini normali, appartenenti a qualsiasi area geografica, e a qualsiasi età, e con gli altri sono abbastanza generosi e tranquilli, e non hanno subito abusi o violenze in famiglia, il motivo che li spinge a tale brutalità è il controllo totale, come spiega Ruben De Luca:

“Questo processo di oggettificazione della donna è facilmente riscontrabile nei comportamenti di controllo ossessivo messi in atto dall'uomo e comprendenti atteggiamenti che impediscono alla partner di dedicarsi ad attività extradomestiche, di uscire con gli amici di lavorare, di spendere soldi autonomamente”.

Ci sono evidenti differenza tra coloro che vogliono cancellare la vittima quindi la uccidono perché la vedono come colei che compromette la loro vita, e coloro che invece uccidono per rabbia e gelosia, da quest'ultimo aspetto abbiamo spesso casi di omicidi-suicidi, mentre nel primo caso è improbabile che l'uomo si tolga la vita anzi fa in modo di depistare le indagini, in modo tale da far credere agli inquirenti che si tratta di una scomparsa, infatti si dimostrano del tutto distaccati e freddi alla vicenda come se non avessero commesso nessun crimine, l'unica emozione che fanno trapelare è l'autocompiacimento, per il fatto di essere al centro dell'attenzione, sono dei narcisisti, non si sentono colpevoli per ciò che hanno fatto, convinti di non aver fatto nulla di sbagliato, anzi vedono loro stessi come delle vittime, con troppa frequenza si pensa spesso a delitti d'impeto ma non è così, perché nella maggior parte dei casi, nascondono il fatto, l'omicidio viene premeditato e si camuffa anche la scena del crimine, effettuando il così detto “staging”, le forze dell'ordine pensando a un suicidio non fanno gli opportuni accertamenti del fatto, ma le prime ore dall'accaduto l'omicida può trovarsi in una fase ancora del tutto fragile, e questo è veramente prezioso per trovare la soluzione del crimine. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La perizia psichiatrica nell'autore di femminicidio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Katia Alario
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Eugenio Aguglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autore di reato
perizia psichiatrica
femminicidio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi