Skip to content

Il viaggio immobile: corpi, schermi e realtà virtuali

Il viaggio immobile

La tecnica, ovvero le soluzioni che l’uomo ha escogitato per combattere le avversità naturali, ne hanno permesso la sopravvivenza. Ma le singole soluzioni sarebbero rimaste fini a se stesse se i primi ominidi non fossero riusciti a comunicarle ai propri simili. In mancanza di un linguaggio articolato, le immagini furono il primo veicolo per la diffusione delle informazioni. Le prime pitture rupestri sono infatti rappresentazioni di scene della quotidianità, dei pericoli dei quali dovevano difendersi e delle soluzioni trovate. Le rappresentazioni e le immagini sono quindi tra i primi esempi di comunicazione diretta, di trasferimento di informazione e di coesione sociale in quanto permettono “di stabilizzare il mondo esterno immagazzinando sullo sfondo informazioni che sono costantemente recuperabili nel momento del bisogno” (Abruzzese, Borrelli, 2000: 25).

Anche se poi con la scrittura diventano le parole gli strumenti usati per trasportare informazione, le immagini non perdono il loro potere. Innanzitutto per la loro semplicità di lettura: le immagini rimandano direttamente alla situazione che si vuole descrivere e richiedono uno sforzo interpretativo minore rispetto alle parole. E poi perché, replicando e riproducendo il reale, svolgono quella funzione di controllo e di ricerca di sicurezza che abbiamo visto essere alla base dell’atteggiamento tecnico dell’uomo verso il mondo. Le immagini pero si dibattono da sempre tra due territori differenti, tra la tendenza a riprodurre il visibile in quanto tale e la necessità di utilizzarlo per simbolizzare l’invisibile.

L’invenzione della fotografia porta all’estremo questo dualismo: disporre di uno strumento che riproduce perfettamente la realtà, che ne offre un calco perfetto, libera al tempo stesso l’arte verso l’esplorazione dei territori della fantasia e del possibile. Questo desiderio di ricreare il mondo è soddisfatto finalmente con il cinematografo che aggiunge alle rappresentazioni l’unica cosa che le mancava per “sembrare” totalmente reali: il movimento. Per la prima volta nella storia delle arti un mezzo di espressione utilizza il reale come base e come unità significante. Bazin (1958) definisce infatti come “complesso della mummia” questa possibilità di registrare oggettivamente la vita che scorre davanti all’obiettivo della macchina da presa.

Il cinematografo è una sorta di trappola della realtà, un dispositivo necrofilo che restituisce alla vita ciò che non esiste più. Pero la grande contraddizione dell’immagine cinematografica risiede innanzitutto nell’assenza di movimento reale: il movimento è solo una ricostruzione mentale dello spettatore che riempie il vuoto tra due fotogrammi, cioè tra fotografie statiche. Grazie a quello che Munsterberg (1916) chiama “effetto phi”, in nostro occhio riesce a ricostruire un movimento apparente laddove c’è solo discontinuità e fissità.

Come di fronte ad una serie di macchie luminose accese successivamente ed alternativamente la nostra mente percepisce un tragitto luminoso continuo, allo stesso modo di fronte alla sequenza di fotogrammi ricostruisce quel movimento che la foto ha intrappolato. Poi, come evidenziato da Bertetto (2007), l’immagine filmica non è una copia diretta del reale ma una “copia differenziale” del profilmico, che è a sua volta copia del fenomeno che si vuole rappresentare. È virtuale, è un immagine simulacro che svanisce dopo la proiezione ed è priva di referente. E pone lo spettatore in una situazione ambigua in quanto percepisce “l’oggetto fotografato come assente, la fotografia come presente e la presenza di quell’assenza come significante” (Metz, 1980: 60).

Nonostante queste considerazioni, la storia della riflessione sul mezzo cinematografico oscilla continuamente nella dicotomia tra una cinema votato al realismo ed uno che privilegi i mondi della fantasia. Il testo filmico si basa su un sistema che non ha niente a che vedere con la percezione umana. Il montaggio è un linguaggio convenzionale che serve a inscrivere (suture) lo spettatore nel discorso filmico. Il M.R.I (Modo di Rappresentazione Istituzionale) che si instaura nel cinema classico (e segna il passaggio dal cinematografo al cinema) intenta generare una serie di soluzioni che creino uno “spazio abitabile” (Burch, 2001) dove lo spettatore possa proiettare la propria corporeità e partecipare attivamente alla costruzione di senso.

La virtualità dell’immagine, la creazione di uno spazio abitabile e la proiezione della corporeità sono concetti che avvicinano le VR al cinema e viceversa. Inoltre le caratteristiche di fruizione delle tecnologie virtuali sembrano ricalcare la situazione dello spettatore nel dispositivo cinematografico. Solo con la completa immobilità può aver inizio il viaggio.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il viaggio immobile: corpi, schermi e realtà virtuali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Leone
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Silvia Leonzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi