Skip to content

Il ruolo dell'infermiere nella prevenzione del suicidio in ospedale: una revisione critica della letteratura.

Il suicidio nell’ambito ospedaliero

Il Sistema Sanitario Nazionale Italiano (SSN) ed il Ministero della salute hanno come obiettivo primario quello di offrire il livello massimo d’assistenza, in termini di qualità e sicurezza, su tutto il territorio nazionale ponendo in particolar modo attenzione sulla prevenzione e la sicurezza delle cure. Con l’Intesa del 2008 ed il Decreto Ministeriale dell’11 dicembre 2009 è stato istituito il Sistema Informativo per il Monitoraggio degli Eventi Sentinella nella Sanità (SIMES), con l’obiettivo primario di garantire qualità e sicurezza alle cure del SSN nonché un monitoraggio degli eventi sentinella con il fine di ridurre l’evento stesso.

Il sistema SIMES permette alle aziende, alle regioni, e alle province autonome di segnalare: gli eventi sentinella, le cause e i fattori contribuenti. Questo permettere al Ministero della Salute l’elaborazione periodica dei dati e la produzione di un rapporto di monitoraggio. Nel 2015 è stato pubblicato l’ultimo rapporto sugli eventi sentinella, il 5° rapporto di monitoraggio, che prende in riferimento al periodo tra il 2005 ed il 2012, in tale rapporto le segnalazioni che sono state raccolte e validate sono state 1918 nonostante vi sia una sottostima complessiva dei dati dovuta al sistema di reporting. Dalla raccolta dei dati è emerso che il suicidio o il tentativo di suicidio occupano il secondo posto in termini di frequenza negli eventi sentinella con 295 casi (15,4%), preceduto soltanto dalle cadute accidentali con 471 casi (24,6%).

All’interno di questo rapporto sono inoltre indicati gli esiti per ognuno degli eventi sentinella, in particolar modo il suicidio ed il tentativo di suicidio risultano essere l’evento che ha come esito principale la morte. Su 295 casi 205 riescono a portare a termine con successo il suicidio e quasi il 70% degli eventi comportano il decesso del paziente mentre i restanti 90 comportano diverse complicanze cliniche nonché ulteriori costi per il SSN:

-- Coma: 5
-- Disabilità permanente: 2
-- Rianimazione cardiorespiratoria: 2
-- Richiesta di trattamenti psichiatrici e psicologici specifici in conseguenza di tentativi suicidio o violenza subita nell’abito della struttura: 24
-- Stato di malattia che determina un prolungamento della degenza o una cronicizzazione: 6
-- Trasferimento in un’unità semi-intensiva o di terapia intensiva: 22
-- Trauma maggiore conseguente alla caduta del paziente: 5
-- Altro: 22

Mettendo a confronto il 4° ed il 5° rapporto di monitoraggio degli eventi sentinella risulta che: tra il 2011 e il 2012 il numero di segnalazioni è aumentato passando da 407 a 476 e questo in parte è dovuto dall’aumento degli eventi sentinella ma anche da una maggiore integrazione con l’utilizzo del sistema di segnalazione SIMES. L’aumento delle segnalazioni non va soltanto percepito come aspetto negativo bensì come una maggiore attenzione da parte del personale ad identificare e segnalare gli eventi avversi. Il suicidio ed il tentativo di suicidio presentano ancora una frequenza piuttosto elevata rispetto ad altri eventi di entità minore, che nella maggior parte dei casi non comporterebbero la morte, è comunque impensabile ridurre il fenomeno a 0 ma è di estrema importanza identificare i fattori contribuenti e gli interventi specifici da mettere in atto.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dell'infermiere nella prevenzione del suicidio in ospedale: una revisione critica della letteratura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Giba Enrici
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Massimiliano Meli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi