Skip to content

La coltivazione della canapa in Italia problematiche e prospettive

Il già presente mercato dei grow shop: il paradosso del dibattito

Focus d'obbligo sulla situazione attuale in Italia è da farsi sui cosiddetti growshop; negozi rivenditori di semi di cannabis terapeutica a scopo ludico. Il problema relativo alla vendita di semi di cannabis è dettato dall'art. 82 dpr 309/90 secondo il quale: ”chiunque pubblicamente istiga all'uso illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, ovvero induce una persona all'uso medesimo, è punito...“ [38]. Dopo molte peripezie avute dai commercianti di semi detti “growshoppers” la Corte suprema ha stabilito che la vendita dei semi di cannabis, di per sé, non costituisce ipotesi di reato; fissando, i termini entro i quali non è ravvisabile un comportamento penalmente rilevante. Tali termini sono lo svolgimento di “un'attività di vendita asettica, cioè priva di elementi di corollario, che la corroborino quale espressione di una volontà divulgativa dell'uso di stupefacenti”.

”La contestualità temporale della vendita di semi assieme a libri, dvd illustrativi specifiche modalità di coltivazione, fertilizzanti e, più genericamente strumenti atti a favorire la coltivazione appare circostanza sintomatica di una situazione di illecito.”

Ora se per quanto concerne i libri ed i dvd si può convenire con il giudizio della Suprema Corte; dubbi permangono in relazione agli strumenti agricoli menzionati, proprio per il loro carattere di fungibile utilizzo, anche in favore di coltivazioni di natura differente da quella illecita. Si può tuttavia senza entrar nel merito delle decisioni della Corte evocare la sussistenza di un vero e proprio concorso punibile solo ove alla vendita di semi si accompagni:
a. L'indicazione di specifici consigli su modalità, tempi ed organizzazione della coltivazione;
b. La partecipazione con sopralluoghi del terreno messo a coltura;
c. La fornitura di prodotti specificatamente concepiti per detta attività, vale a dire, quindi, atteggiamenti sintomatici della volontà di partecipare concretamente all'altrui condotta illegale [107].

Ora ragionando in termini meno giuridici e contorti vista l'assurdità della fattispecie, la traduzione letterale del termine growshop è ”crescita negozio”; vendendo tali locali semi di marijuana dovrebbe venir spontaneo notare la dissonanza della decisione della Cassazione e della normativa vigente con ciò che sono questi negozi. Un'altro, solito classico problema del diritto del Bel Paese. Di fatti le procedure da assolvere per aprire un growshop non sono altre che quelle richieste per l'apertura di un normale negozio, niente di più. Per prima cosa occorre fare la segnalazione certificata di inizio attività (scia) e aprire una partita Iva. Nel caso poi si abbia intenzione di vendere anche alimenti a base di canapa occorre essere in regola con le norme e le autorizzazioni richieste per la somministrazione di prodotti alimentari preconfezionati e rispettare la normativa sul. I semi e l'oggettistica per la coltivazione e per fumare rappresentano ancora il core business di ogni growshop, ma l'importanza e la richiesta di merce quali appunto i prodotti alimentari a base di canapa continua a crescere, rappresentando fette sempre più importanti dei ricavi. Il commercio online è sempre più sviluppato in ogni settore, e naturalmente questo vale anche per il settore della canapa.

Questo non significa tuttavia che aprire uno shop online sia più vantaggioso del negozio fisico. Per allestire un e-commerce che funzioni infatti, occorre investire molte energie e studiare le migliori strategie per essere ben indicizzati nei motori di ricerca. Inoltre su internet la guerra dei prezzi è spietata e praticata direttamente dai fornitori dai quali ci si procura semi ed altro; il margine di guadagno su ogni prodotto venduto è notevolmente inferiore alla vendita fisica. Preferibile quindi il contatto con il cliente che deve tuttavia essere per legge il più distaccato possibile. Così ovviamente non è, Il growshop è un negozio come tutti gli altri e i clienti chiedono ovviamente informazioni; solo un imprenditore desideroso di fallire non darebbe consigli. È il paradosso completo dello status quo. I fornitori di tali prodotti attualmente non hanno ancora creato catene di franchising con il proprio marchio sull'insegna proprio a causa della situazione legale; il più delle volte fanno la prima mossa per piazzare la propria merce nei growshop dato che l'Italia rappresenta comunque data la sentenza della cassazione nuove quote di mercato. La scelta sui fornitori soprattutto se inesperti non è affatto semplice. Nei 301 growshop attivi in Italia un economista un medico e in definitiva un politico con un minimo di amor di patria, possono tuttavia solo augurarsi che vi siano imprenditori ben consci e ferrati su ciò che vendono [108].

Nello scegliere i fornitori comunque, un growshopper potrebbe essere portato a pensare che a parità di prodotto la scelta debba ricadere su quello più economico, ma il prezzo non è tutto. Alcuni particolari fanno infatti la differenza, tra questi citiamo le politiche verso i resi, le possibilità di effettuare pagamenti dilazionati, i corsi di formazione sui prodotti, gli aggiornamenti sulle novità tramite cataloghi e newsletter, la vicinanza della sede. Visto il momento embrionale del mercato una forte diversificazione dell'offerta e quindi dei fornitori in definitiva è l'ideale per attrarre il maggior numero e varietà di clienti nel proprio negozio; riavvicinando sempre più le persone al mondo della canapa. Infine nello gestire un growshop occorre avere la consapevolezza che quello che si fa è innanzitutto un atto politico. Il settore dei growshop infatti marcia di pari passo con quello dell'antiproibizionismo e i nemici della canapa sono anche i nemici di questi negozianti. Se si ignora questo semplice assunto si rischia di fare un pessimo servizio alla causa della legalizzazione, di conseguenza, anche alla propria attività commerciale. Da dissuadere fortemente quindi, coloro che comprano semi per creare marijuana da immettere sul mercato a pagamento.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La coltivazione della canapa in Italia problematiche e prospettive

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Cavallaro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Giovanni Belletti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

canapa
cannabis
coltivazione
thc
marijuana
cbd
ikhemp
federcanapa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi