Skip to content

CINA: Il ruolo degli investimenti diretti esteri e la strategia di investimento in Italia: i casi di ChemChina e Haier Group

Gli investimenti cinesi nel panorama italiano

Nell’immaginario occidentale, anche in seguito alle gravi difficoltà economiche e finanziarie, la Cina è associata ad un paese “contenitore”, che assorbe gli investimenti esteri e in cui la presenza di imprese italiane è cospicua. Tuttavia, negli ultimi anni, si è registrato un trend differente: l’aumento degli investimenti cinesi in Italia. Un’inversione di tendenza che, Pietrobelli, Rabellotti e Sanfilippo (2011), chiamano effetto “Marco Polo”: come Marco Polo si recò in Cina nel tredicesimo secolo e riportò, in Italia, importanti scoperte scientifiche e tecnologiche, come l'uso di bussola, il denaro e il carbone; così, nell’epoca odierna, le imprese cinesi investono in Italia e ottengono vantaggi unici, come l’accesso al mercato europeo, know-how manageriale, conoscenze tecnologiche.

Tra il 2008 e il 2012 gli investimenti diretti dell’Italia all’estero sono stati pari a circa 30 miliardi di euro, in linea con la rilevazione effettuata nel periodo 20032007. Nello stesso periodo gli IDE destinati al nostro paese si sono sostanzialmente dimezzati (da circa 20 a 10 miliardi). Tuttavia, nel 2014 le operazioni di investimento diretto estero in Italia sono tornate a crescere permettendo di contabilizzare 291 operazioni per un valore di 21,9 miliardi, 4,9 miliardi in più rispetto al 2013. Se, nello specifico, si considera la dimensione Cina,

Evoluzione degli investimenti diretti esteri cinesi in Italia
Per l’Italia come paese di destinazione degli IDE cinesi, è possibile individuare tre fasi:
1) Dagli anni ’70 alla prima metà degli anni ’80 si sono osservati investimenti di punta, il primo è stato la creazione di un ufficio commerciale di Air China nel 1986;
2) Dalla metà degli anni ottanta alla fine degli anni novanta, i casi di investimento cinese in Italia sono stati sporadici;
3) A partire dagli anni 2000, grandi player globali cinesi sono entrati nel mercato italiano e si è registrato un numero crescente di acquisizioni.

Consultando i dati, aggiornati alla fine del 2015, sono presenti 231 gruppi industriali e finanziari cinesi in 417 imprese italiane, dando lavoro a più di 22 mila persone, per un giro d’affari che supera i 12 miliardi di euro. La crescita della presenza cinese in Italia è aumentata considerevolmente negli ultimi anni: nel 2015 gli investitori cinesi sono cresciuti del 32% rispetto all’anno precedente (22% se si includono gli investimenti operati da Hong Kong). Il giro di investimenti è stato ripartito equamente tra industria (24%), servizi (26%), commercio (29%), costruzioni (21%).

Tali investimenti sono possibili in quanto entrambi i Paesi basano la loro economia sul settore manifatturiero creando, de facto una sovrapposizione tra i settori industriali in cui entrambi sono specializzati. Le filiere di piccole e medie imprese italiane nel Nord Italia corrispondono in gran parte alle filiere di provincie chiave quali Zhejiang e Guangdong. È importante specificare che la maggior parte delle aziende cinesi intenzionate ad investire in Italia, generalmente hanno già effettuato investimenti in altre nazioni europee.

Questo brano è tratto dalla tesi:

CINA: Il ruolo degli investimenti diretti esteri e la strategia di investimento in Italia: i casi di ChemChina e Haier Group

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marika Costanzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Mediazione Linguistica e Culturale
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Giorgio  Castoldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi