Skip to content

''Water, water everywhere'': l'acqua in Coleridge, Conrad, Eliot e Joyce

Il mare come luogo ancestrale

"Il mare è il luogo del non luogo, dello spazio che non è uno spazio; è il mondo delle paure ancestrali, del sogno, dell'inconscio".

Da sempre il mare possiede una fora di attrazione e allo stesso tempo di repulsione che induce gli uomini ad amare e contemporaneamente a odiarlo.
Ogni cultura vede nell'oceano un dio contro cui l'uomo non può vincere: il pensiero va subito a Ulisse che senza l'aiuto di altre divinità nulla avrebbe potuto verso l'ira di Poseidone.

Ancora nella religione ebraico-cristiana Dio è anche divinità del mare: nel Salterio, Davide si rivolge a Dio chiamandolo Signore Dio del mare. La vita e dio stesso derivano dall'acqua: il mare è fonte di cibo, il pescatore diventa simbolo di vita e di rinascita, non a caso Jessie Weston scrive che "the Fish is a life symbol of immemorual antiquity, and that the title of Fisher has from the earliest ages, been associated with Deities".

L'oceano dunque, in questa ottica, è un elemento positivo e benevolo. Ma, almeno fino alla fine del Settecento, esso rimane un elemento ambivalente, uno spazio di vita, ma anche uno spazio di morte: "il mare è stato per secoli, nell'immaginario collettivo, uno spazio che si sottrae alle leggi dell'uomo. Come tale, in grado di suscitare paure e suggestioni simboliche che richiamano la sciagura, il disordine". L'oceano è regno della vita così come zona di morte.

Il mare, per il suo mistero e la sua ambivalenza, è da sempre protagonista di miti, leggende e racconti più disparati, non a caso per la maggior parte delle popolazioni e ancora per gli uomini contemporanei occidentali "it had the numinous, phantasmic quality that has helped make it an archetypal symbol for the realms of imagination, representation, and faith".

Il grande numero di leggende che ancora oggi sopravvivono riguardanti fantastici abitanti e mostri del mare derivano presumibilmente da ricordi di antiche mitologie, da errori naturalistici nati a causa della mancanza di mezzi scientifici, e da racconti di marinai che vollero vedere in fenomeni naturali e animali strane creature e fenomeni magici. Secondo le favole e i racconti che si tramando fin dall'antichità, nell'oceano si trovava la regione delle anime, la dimora di esseri fantastici dal triste aspetto, di divinità tremende, di mostri immani, di spiriti malvagi […] Fu creduto dimora […] dimora di fate e giganti, di animali enormi che cingono la terra, di troll, di sirene, o di misteriose divinità.

Tra i vari esseri fantastici che popolano il mare, le più famose sono certamente le sirene del Mediterraneo e le loro cugine nordiche mermaids: in entrambi i casi, la loro specialità era ammaliare i marinai per poi trascinarli nelle profondità marine. Il loro corrispettivo maschile sono i mermen, più consueti nella mitologia nordica, i quali rapivano le fanciulle della terra per portarle nei loro palazzi situati nelle profondità del mare e farne loro spose. A onor del vero, le leggende sulle sirene sono molto varie e contraddittorie, poiché non sempre vengono dipinte come esseri malvagi, come ad esempio le Haff-fru dell'Islanda le quali prendono per sé i corpi dei naufraghi che non ritornano più in superficie.

Un altro famoso mostro marino è il kraken: simile a un'enorme piovra, si diceva potesse raggiungere le dimensioni di un'isola, i cui tentacoli erano in grado di affondare una nave intera senza lasciare scampo all'equipaggio. Suo simile è il leviatano, enorme serpente con il potere di controllare le maree. Infine, sono da citare i fantasmi del mare: sono le vittime del mare, i quali si aggirano in acqua o sulle spiagge lamentando il loro triste destino, oppure appaiono sulle navi uccidendo i marinai; per esempio in Bretagna si pensa che il suono minaccioso del mare sia causato dalle grida di dolore e di spavento dei naufraghi. L'oceano era dunque visto come un luogo, se non un essere vero e proprio, pieno di vita e non silenzioso, governato da leggi e volontà proprie. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

''Water, water everywhere'': l'acqua in Coleridge, Conrad, Eliot e Joyce

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rossana Pasian
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Elena Anna Spandri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

donne
acqua
morte
eliot
conrad
joyce
coleridge
titanic

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi