Skip to content

La Controcultura Hippie di metà anni Sessanta e i Valori Post-Materialisti

Ascesa e declino del movimento giovanile

Nel ruolo di osservatore esterno, e tenendo in considerazione la 'teoria dei sistemi sociali' di Niklas Luhmann, per indicare il rapporto che intercorre tra cultura di massa e controcultura nel corso degli eventi, descriverò il movimento hippie in modo ambivalente:
1. lo considererò “controcultura” qualora dovessi descriverlo in rapporto alla cultura predominante, selezionando ciò che è identificabile con la società americana e da cui il movimento si differenzierà con concetti e ideali totalmente alternativi rispetto a essa.
2. lo considererò “cultura” qualora dovessi descriverlo dal suo interno, tenendo conto che il movimento è un “sistema” che si differenzia dalla società, da cui però non si esclude, ma con cui cerca un confronto e, quindi, è un “sistema aperto” (attraverso “continui rapporti di scambio con l'ambiente”) che tenta di cambiare l’ambiente sociale sul piano della cultura.

Riprendendo, allora, i concetti, definiti nell'introduzione di “cultura” e “controcultura”, posso sostenere come gli hippie possano essere considerati al tempo stesso cultura e controcultura.
Si potrà notare come la rivoluzione degli hippie punti non al cambiamento radicale della società tramite la presa al potere o una lotta di classe (come le rivoluzioni borghesi di inizio '900), ma a una nuova consapevolezza della realtà che debba partire dal singolo individuo.

Prima di affrontare quelle che saranno le tappe storiche degli hippie, tra la metà e la fine degli anni Sessanta, voglio ricapitolare le varie correnti presenti a San Francisco, che andranno a formare e influenzare ciò che saranno i concetti, gli ideali e i pensieri del movimento giovanile:
- Movimenti pacifisti, per i diritti civili delle donne, contro la segregazione razziale e contro il nucleare;
- San Francisco Renaissance (che comprendeva artisti bohémien e i beatnik);
- Diggers (il cui contributo all'interno della comunità è stato già descritto e sarà decisivo per la sua organizzazione);
- Merry Pranksters (fondamentali per la diffusione delle droghe e della cultura psichedelica in generale);
- Giovani (universitari o nomadi, saranno principalmente loro i protagonisti del cambiamento)

Ho già individuato nella città californiana lo sviluppo del principale movimento culturale. Tuttavia, per essere più preciso, il luogo in cui gli hippie andranno a svilupparsi si individua all'interno di San Francisco in un quartiere, quello di Haight Ashbury, un'ex quartiere borghese decaduto, con affitti economici e situato vicino a un'università, che sarà trasformato dai Diggers in rifugi, case collettive, cliniche, negozi, sale concerto, in cui i giovani potessero trovarsi, confrontarsi e condividere le proprie idee. Particolare da sottolineare è che, ad alloggiare in questo quartiere, oltre ai giovani, vi erano anche gli artisti e i musicisti, che suoneranno nei vari live. Saranno i The Charlatans, Jefferson Airplane, Country Joe and the Fish, Big Brother and the Holding Company e Grateful Dead.
Questo indica la stretta relazione tra musica e movimento, e per l’assenza di distinzioni interne. Artisti e giovani vivevano giornalmente assieme, in un continuo scambio e confronto.

Altra caratteristica, forse la più significativa, sarà che la musica non è ancora trasformata in merce, si materializza solo negli spettacoli pubblici o nel tempo libero degli artisti in cui sperimentano suoni e tecniche nuove.
Questi artisti acquisiscono popolarità in virtù dei concerti, a differenza dei musicisti popolari che devono l'esser famosi ai metodi utilizzati dal mercato: la tecnica del plugging (consistente nel “ripetere qualcosa sino a che questo diventi riconoscibile per farlo accettare”) e la trasformazione della musica in merce (che ha come conseguenza l'acquisto feticcio, da parte dei fan, degli album o di oggetti di consumo pubblicizzati). L'industria di massa e i guadagni che essa potrebbe comportare nell'ambiente musicale, almeno in questo periodo, non saranno necessari né per il successo degli artisti, né per la diffusione del genere. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Controcultura Hippie di metà anni Sessanta e i Valori Post-Materialisti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Alfarano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Valentina Cremonesini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi