Skip to content

La realizzazione di un’idea imprenditoriale in campo turistico: il caso Termoli Sport Village

Architettura del villaggio

Il Termoli Sport Village è progettato secondo uno schema distinto in tre aree: ricettiva, dei servizi e sportiva. La prima è un parco ricettivo composto da bungalow, definita tale per via dell’allestimento del terreno in aree verdi, progettate nel rispetto della flora costiera e collinare della regione, ossia alberi tipici delle pinete costiere, arbusti che si adattano al clima caldo e all’aridità estiva, olivi, mandorli e siepi. Ai lati dell’area recintata, in direzione dell’autostrada e dei binari ferroviari è previsto l’impianto di alberi sempreverdi ad alto fusto, al fine di ridurre notevolmente l’inquinamento acustico provocato dalle stesse reti di comunicazione.

Per accedere ai bungalow è necessario varcare un ingresso controllato e seguire dei percorsi pedonali; tali alloggi, in totale 50, hanno una superficie unitaria di 40 mq divisi in due unità abitative con ingressi indipendenti, ognuna include una camera da letto (allestita con due letti più aggiunta del terzo su richiesta), bagno con doccia e sanitari, minifrigo, cassaforte con combinazione digitale, guardaroba, sistema di condizionamento; lo spessore delle pareti è di 100 mm più coibentazione di 50 mm, più camera d’aria, più rivestimento interno in legno/cartongesso. Hanno uno spazio circostante misto tra verde e pavimento in pietra in grado di assicurare un’adeguata riservatezza. Tre zone relax completano l’area ricettiva e rispettivamente allestite con: piscina, bar e solarium attrezzato all’aperto; amache al coperto; altalene e panchine.

L’area dei servizi è progettata all’interno di un unico edificio con determinate caratteristiche estetiche e funzionali. La struttura in progetto avrà una superficie coperta di circa 3.050 mq realizzata e attrezzata in modo da risultare completamente conforme alle leggi ed alla normativa impiantistica vigente in materia di locali aperti al pubblico in genere, consentendo lo svolgimento dell’attività in condizioni di igiene e sicurezza per tutti gli utenti. L’obiettivo progettuale è creare un centro seguendo i criteri del benessere, quindi un ambiente raffinato e attrezzato dove recuperare le condizioni ottimali della forma fisica, tonificare il corpo e ritrovare serenità, ma anche di creare un punto di ritrovo, dove realizzare un riferimento territoriale di natura sportiva e culturale.

A tale scopo sono previsti i seguenti ambienti: due piscine olimpioniche di 25 x 18 metri con profondità variabile da 1,60 a 2,10 metri, di cui una al coperto e una all’aperto dotata di coperture scorrevoli, che rendono la vasca nuotatori totalmente coperta, una vasca divertimenti con una forma sinuosa e irregolare destinata allo svago e al relax per un fruitore non necessariamente sportivo, sauna e bagno turco, una piscina idromassaggio con profondità di 80 cm richiesta per certi tipi di terapie grazie a getti massaggianti in ogni parte del corpo; un centro fitness; un centro benessere; un centro fisioterapico; ristorante/pizzeria self-service e bar; uffici gestionali; reception; area giochi per bambini; sala congressi.

Lo studio della disposizione interna è frutto della volontà di creare una struttura di tipo moderno, funzionale e al contempo con un’eccellente resa estetica finale. La progettazione della piscina all’aperto dovrà essere eseguita in modo tale da dare la possibilità di avere un solarium antistante dove i bagnanti possono liberamente accedere e inserirsi nel verde attrezzato dell'area esterna. La scelta di un impianto a copertura mobile è valida soprattutto perché il costo per la realizzazione della copertura mobile non è elevato e perché la fruibilità di questo tipo d’impianto è tale che in primavera o nella prima parte della stagione estiva, quando le piscine scoperte non sono state ancora messe in funzione, può essere usato estemporaneamente sia come impianto chiuso sia come impianto aperto. Al contrario in cattive o fredde giornate estive o del primo autunno l'impianto può essere coperto anticipandone così l'uso invernale.

Generalmente i corsi di nuoto, o meglio tutta l’attività prettamente sportiva, sono svolti principalmente durante la stagione invernale e d'estate le piscine coperte rimangono chiuse riducendone così enormemente l'uso e il conseguente ammortizzo. Questo tipo d’impianto svolge anche un’attività balneare o ludica estiva recuperando entrate che in estate sono più consistenti rispetto all’inverno. La disposizione delle varie funzioni distributive a servizio della piscina si sviluppa su un solo piano evitando così i problemi delle barriere architettoniche. Per le persone portatrici di handicap motori sono previsti due spazi/spogliatoio, uno per uomini ed uno per donne, capaci quindi di permettere ampiamente il movimento di una carrozzella e di effettuare tutte le manovre che agevolino le operazioni di svestizione della persona disabile, con annessi i relativi servizi igienici accessibili.

L’edificio, quindi, si divide in diverse sezioni: sezione pubblico, sezione attività motoria, sezione servizi di supporto, sezione impianti tecnologici, sezione La sezione pubblico è costituita dall’ingresso comune sia per i bagnanti sia per i fruitori delle sale fitness/palestra, della sala bar e del ristorante/pizzeria. Onde rispettare l’art. 6 del D.M. Int. 18/3/96, il quale prescrive che “lo spazio di attività sportiva deve essere collegato agli spogliatoi ed all’esterno dell’area di servizio con percorsi separati da quelli degli spettatori” sarà previsto un ingresso separato per gli atleti; i servizi igienici per il pubblico spettatore sono costituiti da due w.c. Il banco di ricevimento/reception servirà per far effettuare il pagamento dei biglietti d’ingresso agli utenti o al pubblico spettatore, ma soprattutto come accade in quasi tutti gli impianti sportivi, per dare tutte le informazioni necessarie agli utenti stessi e a quelli potenziali.

Nella zona bar potranno trovare posto alcuni tavolini, utili per gli accompagnatori. Gli uffici sono un ambiente necessario per la gestione del complesso e sono disposti al piano terreno subito all’ingresso della struttura. La sezione attività motorie è composta di diversi impianti natatori, la cui area di pertinenza si sviluppa tutt’intorno alle vasche su una superficie sufficientemente ampia per effettuare qualsiasi attività motoria di preparazione al nuoto. Negli altri locali sono previste le sale wellness (sala pesi, sala corpo libero e cardio-spin, sala relax); la palestra fitness ricopre una superficie di 220 mq, il percorso benessere 210 mq, alcune sale per visite e trattamenti fisioterapici di 200 mq, gli spogliatoi 100 mq, i vani tecnici depositi ripostigli 150 mq, i servizi igienici 60 mq.

La sezione dei servizi di supporto comprende lo spogliatoio per gli istruttori, ubicato all’interno degli spogliatoi atleti, seguendo la logica delle due zone a piedi nudi e piedi calzati; sono previsti due spogliatoi a rotazione per le donne e quattro per gli uomini, con annessi 12 box doccia. Sono stati previsti due gruppi di servizi igienici, uno per donne e uno per uomini, costituiti da tre servizi normali e uno per disabile, disimpegnati da un apposito antibagno secondo la normativa oggi in vigore.

In diretta comunicazione con la sala delle vasche e con l'esterno è ubicato il pronto soccorso per gli atleti a norma dell'art. 10 del D.M. 18/03/96 norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio di impianti sportivi. La sezione impianti tecnologici comprende il locale della centrale termica previsto per un generatore di calore alimentato da pannelli solari termici disposti sul solaio dell’edificio per un estensione di 380 mq, che ha le caratteristiche costruttive richieste dalle specifiche norme di sicurezza: non si trova infatti a contatto con ambienti accessibili al pubblico (sia bagnante che spettatore), ma in suddetto locale si può accedere solo dall'esterno.
[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La realizzazione di un’idea imprenditoriale in campo turistico: il caso Termoli Sport Village

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Cupido
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi del Molise
  Facoltà: Economia
  Corso: Imprenditorialità e Innovazione
  Relatore: Michele Modina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

finanza
ambiente
turismo
business plan
sistemi gestionali
unimol
villaggio sportivo
innovazioine

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi