Skip to content

Il prestito marittimo e il divieto di usura

La condanna dell’usura nel Medioevo

Come già anticipato, nella storia vi è da sempre traccia di divieti posti al fine di scoraggiare i prestiti gravati da interessi, il più delle volte considerati veri e propri crimini.
Durante l’Impero Romano si sentì comunque la necessità di praticare le usure, poiché come visto per i prestiti ad alto rischio per il finanziatore – come nel caso del prestito marittimo – era naturale prevedere tassi d’interesse, anche molto elevati, in un certo qual modo commisurati al pericolo corso (c.d. pretium periculi).

In realtà, quando Roma si legherà indissolubilmente con il Cristianesimo, né sposerà i principi e quindi farà propria anche la condanna del prestito ad interesse.
E come visto in precedenza, nella legislazione giustinianea si ritrovano i primi “massimali” relativi all’usura su base annua. Tali massimali, con gli Imperatori bizantini Niceforo (802-811) e Basilio I (867-886), si trasformeranno addirittura in divieti assoluti per i
sudditi di riscuotere interessi.

Tuttavia, dopo l’anno mille, il tasso ufficiale d’interesse praticabile era andato aumentando progressivamente in base al corso della moneta; questo sta a significare che, malgrado la condanna religiosa del prestito ad interesse, i vari nomoteta bizantini succedutisi nel corso dell’Alto Medioevo, in un ottica realistica, non tentarono mai sul serio di proibire le usure, bensì scelsero di autorizzarle per meglio controllarle.
Nella seconda parte del Medioevo, denominato dagli storici Basso Medioevo o Medioevo Pieno, si condannò più aspramente la pratica del prestito oneroso.

I vari Pontefici succedutisi all’epoca, per mezzo dei concili ecclesiastici Lateranense II (1139), Lateranense III (1179), Lateranense IV (1215), e poi ancora con il Concilio di Lione (1274) e il Concilio di Vienne (1311), ribadiranno la condanna dell’usura, anzi, minacceranno la scomunica all’usuraio cristiano non pentito, indegno addirittura dei sacramenti e del funerale religioso.

A quell’epoca non mancavano schiere di teologi e canonisti, i quali affrontando l’argomento in chiave etica e aristotelica, erano in genere contrari a qualunque forma di usura (e quindi anche a quella praticata nel prestito marittimo), che veniva paragonata ad un vero e proprio furto. Tra i seguaci di questo atteggiamento si possono annoverare filosofi – esponenti della Scolastica – del calibro di San Tommaso d’Aquino (1225-1274) e Alberto Magno (1193-1280).
Ma, per l’oggetto di questo lavoro, è da menzionare certamente la Decretale Naviganti del 1236, di Papa Gregorio IX, il quale definì usurario, e quindi contrario all’etica cristiana, il profitto preteso dal mutuante nel foenus nauticum.

È proprio questo divieto che assunse un peso non secondario nell’indurre – coloro che per mare traevano i loro profitti – a mascherare il vecchio contratto di prestito marittimo in altre forme negoziali capaci di sfuggire, e quindi sopravvivere ancora per secoli, alla condanna dell’usura.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il prestito marittimo e il divieto di usura

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giancarlo Messina
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master di 1° livello in diritto bancario e finanziario e normativa anti usura
Anno: 2016
Docente/Relatore: Paolo Fuoco
Istituito da: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

usura
monti di pietà
prestito marittimo
foenus nauticum
decretale naviganti papa gregorio ix
pecunia traiecticia
reato d'usura
condanna usura
prestito a cambio marittimo genova
giancarlo messina unige

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi