Skip to content

Il contratto di rete

La causa del contratto di rete

"Accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato" [C. Scognamiglio], questa è la causa del contratto di rete. Questo sembra più un concetto economico che giuridico e alquanto vago ed indeterminato, che è molto vicino alla finalità soggettiva piuttosto che alla funzione economico-sociale del negozio. Poter definire quindi la causa del contratto in sede di sottoscrizione sembra un mero esercizio sintattico, il quale non è complicato, fondamentalmente può ricomprendere di tutto.

La questione è che gli imprenditori si aggregano con il contratto di rete, nelle intenzioni del legislatore, per perseguire attraverso la rete un obiettivo e questo deve essere davvero perseguito e soprattutto deve essere realizzabile, non certo poter affermare di conseguirlo con certezza ma quanto meno in base agli obiettivi ed ai conferimenti, chi è chiamato al suo controllo di legalità deve ravvisare in esso elementi credibili.

Nelle intenzioni, sempre del legislatore, il contratto di rete ha una causa ben precisa quindi, ossia quella di porre tra i pilastri di un accordo tra imprenditori lo sviluppo delle loro aziende, accrescerne la redditività attraverso diversi gradi di integrazione che come è stato già accennato, nel caso del contratto di rete, questo assume dei caratteri tali da non essere precisamente inquadrabile tra le categorie contrattuali esistenti, bensì con questo contratto se ne crea una nuova che non ha precisa connotazione, ha natura come variamente definito “transtipica”.

La sua natura è molto importante ricordarla tra gli elementi della “causa”, difatti è per questa sua natura, che ne deriva una fattispecie tipica ma sicuramente nei contenuti anche vaga che non è né un consorzio (ma gli somiglia) né una società (dato che ne richiama aspetti fondamentali), questa è capace di ricomprendere molteplici tipi di collaborazione. Da ciò si desume che i due aspetti determinanti per verificare la sussistenza della causa sono il programma e la dotazione patrimoniale. Questi due aspetti diranno se gli obiettivi programmatici sono realizzabili, se chi li deve realizzare li può davvero realizzare ed infine se la dotazione patrimoniale, almeno quella al momento della stipula sia adeguata.

Da tenere in considerazione è la condizione in cui versano le imprese italiane, le quali sono estremamente preoccupanti, la loro capacità di essere competitive con i concorrenti stranieri si riesce a misurare su pochi comparti produttivi, costi eccessivi e tassazione elevata ma soprattutto una scarsissima propensione all’innovazione ne ostacolano fortemente lo sviluppo. Creando uno strumento come il contratto di rete c’ê chi scorge un certa intrusione nella libertà negoziale degli imprenditori, ma d’altra parte la stessa estensione alla rete di agevolazioni previste per altre tipologie di cooperazione ne ribadisce l’utilità, creando collaborazioni "attinenti all’esercizio delle proprie imprese ovvero a scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica". A questo proposito si potrebbe parlare anche di causa di rete.

Un aspetto che include le ragioni della causa sono rapporti interni alla rete, i benefici che ne devono ricavare i partecipanti "individualmente e collettivamente", questi non trovano specifiche regole nel dettato normativo, se ne possono desumere i caratteri dal testo contrattuale, in questo, gli imprenditori definiranno in base alla tipologia di apporto, al loro ammontare, se economico, al ruolo ed il peso di ogni partecipante la propria causa.

Grazie alla presenza, facoltativa, di un organo comune si può costantemente controllare l’andamento della rete: questo è fondamentale dato che la concreta possibilità che un partecipante si veda costretto per le più svariate ragioni a dover abbandonare la rete è da tenere sempre in considerazione, questo può determinare l’irraggiungibilità dello scopo ed il conseguente scioglimento della rete oppure una semplice defezione che non comprometterà il proseguo della collaborazione.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il contratto di rete

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Dario Fiorenza
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Fabrizio Piraino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 77

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

start up
distretti industriali
consorzio
efficienza aziendale
contratto di rete
nuove idee imprenditoriali
competitività aziendale
cooperazione tra imprenditori
unione tra imprenditori
successo economico aziendale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi