Skip to content

L'Italia, il Mediterraneo e il Canale di Suez. L'idrovia, il Risorgimento italiano e gli equilibri internazionali 1830-1882

L’Italia pre-unitaria riscopre il Mediterraneo. Un nuovo paradigma culturale

Nel novembre del ’55 la spedizione Negrelli-Lesseps sbarcava ad Alessandria e si mise subito all’opera, compiendo, sulla base degli studi del 1847 dell’ingegnere trentino e i rilevamenti fatti dall’Ammiragliato britannico della baia di Suez, una serie di ricognizioni sul terreno. Il 2 gennaio 1856 la sottocommissione, convinta dell’attuabilità del progetto, presentò a Said una relazione preliminare in cui si raccomandava il taglio diretto dell’Istmo. Rassicurato dal responso, il khedivè emanò tre giorni dopo il secondo firmano, che nei suoi 23 articoli confermava e sviluppava i concetti contenuti nei 12 articoli del precedente documento. Un passo decisivo e, per le sorti dell’Egitto, fatale. Incautamente, oltre a confermare a Lesseps il “potere esclusivo” di costituire e dirigere la Compagnie Universelle, il sovrano fissava in 99 anni la durata della concessione, a partire dal giorno dell’inaugurazione dell’opera. Inoltre si stabiliva che il governo egiziano:

«Senza assumersi alcuna responsabilità e senza offrire garanzie di sorta per l’esecuzione dei lavori, avrebbe percepito il 15 per cento degli utili netti della Compagnia; il resto degli utili sarebbe stato diviso nella misura del 10% fra i soci fondatori, e il restante 75 sarebbe spettato alla Compagnia.... il firmano stabiliva anche gli oneri, le agevolazioni, le modalità per l’esecuzione dei lavori e le concessioni dei terreni necessari autorizzando la Compagnia a percepire i diritti di transito. Appare perciò evidente che la Compagnia veniva ad avere diritti e vantaggi di gran lunga superiori agli oneri che si assumeva nei confronti dell’Egitto, che lasciava gratuitamente i terreni necessari all’esecuzione dei lavori. Said lasciava poi all’amico de Lesseps l’usufrutto, esente da ogni imposta, dei terreni incolti che si sarebbero potuti bonificare nella zona del canale e concedeva la possibilità di estrarre gratuitamente dalle cave demaniali il materiale necessario per i lavori. Come se non bastasse, alla Compagnia veniva assicurata l’importazione, in franchigia doganale, delle macchine e di ogni attrezzatura occorente per l’impresa» .

Se per Lesseps fu un successo pieno, per Negrelli — rimosso, come già accennato, dagli incarichi nel ’55 — la fortunata spedizione significò la fine di un incubo. Il 15 gennaio 1856, quattro giorni dopo il ritorno in patria, venne ricevuto cordialmente da Francesco Giuseppe che volle essere accuratamente ragguagliato sullo stato del progetto e sulla situazione egiziana. Per decisione sovrana il 17 febbraio l’ingegnere venne reintegrato nell’amministrazione e nominato Ispettore generale delle ferrovie austriache. Tanto bastava all’onesto scienziato trentino. Le decisioni della Commissione ebbero una straordinaria risonanza in tutt’Europa. Anche in Italia. Da tempo, nonostante la perdurante opposizione del governo britannico e l’alternante attivismo asburgico, i governanti di Torino, Napoli, Firenze e, persino, i reggitori della teocrazia romana avevano compreso l’importanza dell’opera e le conseguenze economiche di un collegamento tra i due mari, ma il ritardo culturale delle classi dirigenti, la perifericità geopolitica, le arretratezze strutturali dei diversi Stati avevano impedito ogni serio intervento sulla questione. Con l’eccezione del regno Sardo — investito dalla modernizzazione albertina e, soprattutto, dal successivo sforzo cavouriano — , tutto rimase sottotraccia, sospeso.

Nel 1855-56, gli insperati successi di Lesseps riaccesero l’interesse delle maggiori realtà statuali della Penisola e l’idea del Canale divenne presto argomento di stretta attualità, offrendo ai politici più avveduti, ai ceti imprenditoriali più avanzati e alle avanguardie scientifiche la speranza d’inserirsi — in modi magari differenziati e disomogenei — nella grande trasformazione epocale in atto. Obbligatoriamente, il Piemonte saubaudo, unica realtà dinamica peninsulare, divenne un punto di riferimento per l’opinione pubblica e l’interlocutore principale della Compagnie Universelle. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Italia, il Mediterraneo e il Canale di Suez. L'idrovia, il Risorgimento italiano e gli equilibri internazionali 1830-1882

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Valle
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Univeesità degli Studi di Torino
  Facoltà: Storia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Silvano Montaldo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

geopolitica
mediterraneo
canale di suez
egitto
napoleone iii
risorgimento italiano
imperialismo britannico
luigi negrelli
ferdinando de lesseps
pietro paleocapa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi