Skip to content

Il resoconto come strumento della formazione riflessiva in psicologia. Un'indagine empirica.

La competenza narratologica: narrare per pensare e organizzare

La capacità di resocontare è una vera e propria competenza, una competenza narratologica, che consiste nella capacità di pensare l'esperienza vissuta e di organizzare relazioni (Montesarchio e Venuleo, 2009).

La narrazione innesca processi di sense-making, indirizzando una ricerca di significati all'interno di uno spettro di significati possibili (cfr. Pulvirenti, 2005); essa è una pratica finalizzata al riconoscimento e alla riflessione intorno ai processi simbolici che fondano il testo.
Il resoconto è lo strumento narrativo per eccellenza, è un testo relazionale che nasce ed è determinato da un contesto e racconta una specifica costruzione della realtà attraverso le categorie interpretative di chi lo produce.

È uno strumento necessario per pensare le emozioni implicate entro la relazione psicologico-clinica (Carli, 2007), emozioni agite collusivamente nel qui ed ora di una specifica relazione tanto dal cliente quanto dallo psicologo.

Questa centratura sulle emozioni non deve essere intesa come un'esposizione diaristica, ma come un ripensamento delle categorie simbolico-affettive che organizzano il rapporto agendo come generatrici di senso.

Il resoconto mette in relazione il piano degli aspetti emozionali con quello degli obiettivi: le emozioni diventano indicatori da cui partire per governare l'implicazione propria e dell'altro e per co-costruire gli scopi della relazione professionale. La riflessione sulle fantasie agite infatti permette di interrogare la domanda del cliente, dunque serve allo psicologo per fornire il proprio servizio.

La capacità di resocontare è un importante obiettivo della competenza psicologica proprio perché è intesa come la possibilità di andare oltre quanto è avvenuto nella relazione, dando senso ai processi culturali-organizzativi che la fondano - mediante l'utilizzo di categorie e modelli capaci di guardare a tali dimensioni.

“Il resoconto è un'elaborazione linguistica delle emozioni vissute entro la relazione, attraverso categorie psicologico cliniche che permettono di interrogarsi e costruire il senso degli eventi” (Margherita, 2008, p.189).

La competenza a resocontare può essere assimilata alla funzione psicologica in quanto ricerca e riformula il senso di un'esperienza (Giornetti, Loporcaro e Sarubbo, 2011).
La resocontazione è qui proposta come un momento di sospensione dell'azione per riflettere sugli agiti emozionali (propri e del cliente – singolo, gruppo o organizzazione) e in questo senso identifica la funzione riflessiva dello psicologo, ma ciò non vuol dire che sia utilizzata da tutti in questo modo. La resocontazione spesso è un ulteriore agito, piuttosto che una rielaborazione dell'esperienza o uno strumento per “riflettere su”.

Il resoconto infatti “non possiede in sé criteri che ne possano organizzare l'uso, prende forma ed orientamento in funzione dei modelli professionali e simbolici di chi lo [scrive]” (Venuleo, 2008, p. 181).

Lo psicologo resoconta ciò che ritiene utile e pregnante osservare, riportare, interpretare rispetto al testo del cliente – un testo che comunque è generato in uno spazio simbolico situato ed intersoggettivo. Ciò che è reso rilevante scrivere nel resoconto dipende dalla teoria di riferimento che organizza l'osservazione dei fenomeni e le categorie con cui essi vengono letti.

Si può dire che il resoconto sia l'incarnazione nel linguaggio di categorie mentali preverbali: nel resoconto mediante il linguaggio precipitano rappresentazioni condivise del caso, dell'azione professionale, del rapporto.

Resocontare l'esperienza si configura dunque per lo psicologo come esplicitazione della dimensione rappresentazionale a se stesso, all'altro che partecipa all'intervento e alla comunità scientifica (cfr. Carli, 2007). In relazione a quest'ultimo tipo di destinatario, il resoconto serve ad esplicitare una riflessione sulle condizioni in cui si esplica l'azione dello psicologo e a delineare nuove linee di sviluppo che trascendano le componenti episodiche della relazione. La produzione di resoconti contribuisce a precisare lo statuto scientifico della psicologia clinica, traducendosi in una circolarità che va dalla prassi alla sua ridefinizione (Lancia, 1990).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il resoconto come strumento della formazione riflessiva in psicologia. Un'indagine empirica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Serena Bianco
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Claudia Venuleo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi