Skip to content

Immaginazione e immaginario: Sartre e il concetto di immagine

Immaginazione e coscienza immaginativa

Paolo Spinicci nella sua opera Simile alle ombre e al sogno, afferma che

noi uomini siamo accomunati da un particolare "atteggiamento rispetto alle immagini", un atteggiamento che può cambiare e che si è scandito in varie forme nella storia della nostra cultura, ma che è caratterizzato da una peculiare "vicinanza" alle immagini e dalla convinzione che esse abbiano comunque molto da dirci. Non è ovvio che sia così e soprattutto non si comprende come ciò sia possibile se ci si ostina a rinchiudersi nella dimensione "puramente percettiva" delle immagini. Questa dimensione è centrale [...] ma non basta per spiegare che cosa ci faccia sentire le immagini così vicine e ciò che raffigurano così prossimo a noi. [...] Guardare non basta: è necessario disporre la scena raffigurata in una trama immaginativa che ci consenta di fare come se le presenze che occupano lo spazio figurativo fossero capaci di una vita propria, seppure soltanto nello spazio racchiuso dalle virgolette dell'immaginazione.

In questo contesto, egli ribadisce poi che l'immaginazione, pur essendo legata alle raffigurazioni, non incide sul mondo reale, ma agisce in un universo differente. A differenza di quanto appena detto, la percezione fa riferimento solamente alla realtà in quanto consiste nello studio di un oggetto a partire dall'esistenza fisica dell'oggetto stesso.

Come già analizzato in precedenza, immaginazione e percezione costituiscono due diverse forme di coscienza inconciliabili l'una con l'altra dal momento che la percezione pone il proprio oggetto come esistente e presente, mentre l'immaginazione come irreale ed inesistente; di conseguenza caratteristica propria dell'immaginazione è il fatto di non poter essere ridotta a percezione.

Sartre dopo una breve precisazione riguardo l'uso della parola «coscienza» passerà, nel primo capitolo de L'immaginario, alla rassegna delle caratteristiche fondamentali dell'immagine. Ciò che si appresta a fare dunque è una fenomenologia dell'immagine attraverso la produzione di immagini, la riflessione su di esse e l'esposizione delle loro caratteristiche.

Appare ormai ovvia la prima di queste peculiarità: l'immagine è una forma di coscienza. Riconosciamo in quest'affermazione “la guida” che ci ha permesso di prendere le distanze da quella illusione d'immanenza che ha accompagnato le teorie passate riguardo il concetto di immagine. Per illusione d'immanenza si intende la tendenza a considerare l'immagine come un oggetto e a porre l'immagine stessa all'interno della coscienza.

La riflessione gioca un ruolo fondamentale nella ricerca e nella descrizione dell'immagine, infatti Sartre in questo caso condivide il pensiero di Descartes secondo cui «una coscienza riflessiva ci fornisce dei dati assolutamente certi». Proprio grazie ad essa giungiamo alla conclusione secondo cui l'immagine rappresenta semplicemente il rapporto tra coscienza ed oggetto, o per meglio dire, rappresenta un certo tipo di rapporto tra questi due. La riflessione ci insegna che immagine e percezione differiscono tra loro in quanto costituiscono due modi diversi attraverso cui la coscienza si rapporta con l'oggetto, infatti oggetto dell'immagine e oggetto della percezione sono identici. In sintesi dunque l'immagine non è altro che un rapporto.

La seconda caratteristica riguarda il fenomeno di quasi-osservazione, come viene definito da Sartre. «Il nostro atteggiamento verso l'oggetto dell'immagine potrebbe essere chiamato “quasi-osservazione”. In effetti ci troviamo nell'atteggiamento dell'osservatore, ma è un'osservazione che non apprende nulla».

La nostra coscienza immaginativa ci pone in uno stato nel quale l'immagine che noi abbiamo di un oggetto non ci insegna nulla, o per meglio dire, non ci insegna nulla di nuovo; ne deriva tuttavia una conoscenza dell'oggetto immediata e certa. Per quanto riguarda la percezione il discorso è differente, infatti non fornisce un sapere immediato e certo così come accade nella coscienza immaginativa, dove al contrario abbiamo un sapere che si forma lentamente.

Nella percezione, dall'osservazione di un oggetto deriva un'ipotesi: mentre nell'immaginare un oggetto abbiamo una visione totale di quest'ultimo derivata dal fatto che l'oggetto mi appare nella sua essenza per ciò che esso è realmente, nel percepire è possibile osservare l'oggetto solamente un lato alla volta dovendo necessariamente, come afferma Sartre nel suo saggio, girare intorno ad esso per poterne avere una considerazione totale.
In sintesi, se percepisco un oggetto, questo mi appare in una serie di proiezioni che potrebbero poi modificare la mia ipotesi a riguardo, mentre se penso lo stesso oggetto avrò un'unica immagine immediata e certa.

Ogni tipo di coscienza stabilisce il proprio oggetto in un certo modo: la coscienza immaginativa (a differenza della percezione che pone il proprio come esistente) implica un atto posizionale e, attraverso questo atto, essa può porre l'oggetto come inesistente, come assente, come esistente altrove oppure può semplicemente non porre l'oggetto come esistente (sospensione o neutralizzazione della tesi): è dunque l'atto posizionale che costituisce l'immaginazione.

Riguardo questa sospensione, è ciò che accade per esempio quando vedo un uomo da lontano venire verso di me e faccio un'ipotesi sull'identità dell'uomo affermando che egli potrebbe essere una persona di mia conoscenza: la mia intenzione mira direttamente a Pierre nella sua corporeità, al Pierre che esiste in questo momento in un determinato posto. In questo modo però l'immagine creata dalla mia coscienza implica necessariamente un nulla essendo l'immagine caratterizzata non da Pierre bensì dalla mia intuizione di Pierre; è dato dunque come “intuitivo-assente”: è assente all'intuizione ma allo stesso tempo si afferma in essa.

Questa situazione ci pone in uno stato di ambiguità nel quale «cerchiamo inutilmente, con la nostra convinzione verso l'oggetto, di far nascere in noi la convinzione che esso esista realmente»; l'immagine che abbiamo di Pierre risulta essere forte e viva, ma l'oggetto si presenta come non essente, quindi come un nulla. La terza caratteristica dunque consiste proprio nel porre l'oggetto come un nulla da parte della coscienza immaginativa.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Immaginazione e immaginario: Sartre e il concetto di immagine

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Iacopo Domizi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Filosofia e Scienze dell'educazione
  Relatore: Adriano Ardovinio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi