Skip to content

"La Storia Del Doping": origini ed evoluzione del fenomeno

La storia della lotta al doping

Nel corso del XX secolo, il mondo del marketing e del merchandising ha caratterizzato fortemente lo sport facendolo evolvere da semplice "attività", quale era, a un "grande business" e modificandone quindi la sua ideologia. Il successo, da parte di un'atleta, di medaglie d'oro, acquisì un grande valore e la necessità di vincere ha messo una grande pressione ad atleti, allenatori e altre "persone del mondo dello sport" con lo scopo di diventare dei campioni.

La frase “Second is nothing first is everything” (il secondo posto è niente, il primo è tutto) di Bill Shankly, descrive perfettamente l'attuale linea di pensiero, per cui la necessità di successo ha portato ad un aumento in crescendo dei casi di consumo di droga e in numerosi casi il “doping” è stato causa di decessi negli atleti. Mentre l'uso di sostanze dopanti da parte degli atleti sembrava essere comunemente tollerata, il mondo dello sport ha preferito ignorarne il problema o semplicemente unirsi a lui.

Già nel 1910, a Vienna in Austria, dopo diversi risultati inaspettati nelle corse di cavalli, l'uso scientifico di sostanze dopanti venne dimostrato per la prima volta, da parte del chimico russo Bukowski, che isolò alcaloidi nella saliva dei cavalli.
Nel 1928 l’Amateur Athletic Federation (IAAF), è diventato la prima Federazione Internazionale Sportiva a vietare il doping nelle gare di atletica. Molte altre Federazioni Internazionali fecero seguito, ma la lotta contro il doping era ancora poco sviluppata, con un'efficacia minima. Il numero crescente di casi del doping negli eventi sportivi alla fine, ha portato le autorità a parlare pubblicamente dei danni che le droghe causassero, non solo all'individuo ma anche allo spirito sportivo.

I programmi di controllo antidoping sono stati implementati solamente negli anni Sessanta, i primi decessi per doping sembrano quasi essere state “necessarie” per sensibilizzare le autorità a questo fenomeno, al punto che, il primo grande passo nella lotta al doping è stato compiuto nel 1960, quando il Consiglio d'Europa, ha presentato una delibera contro l'uso di sostanze dopanti nello sport, mentre la prima normativa antidoping apparve in Francia nel 1963 e il Belgio ne fece seguito nel 1965. Due anni più tardi, il CIO (Comitato Olimpico Internazionale) ha istituito la relativa commissione medica per i test antidoping, con un elenco delle sostanze e i metodi vietati, che includeva soltanto narcotici e stimolanti. Questi test, vennero introdotti nel 1968 ai Giochi Olimpici in Messico e ai Giochi Olimpici invernali di Grenoble, anche se le attrezzature tecniche e le procedure di prova risultarono ancora insufficienti.

Tra la fine del 1960 e il 1970, le autorità nazionali e internazionali hanno continuato ad attuare iniziative antidoping e la maggior parte delle Federazioni introdusse le procedure dei test antidoping. In questi anni, si sviluppò l'utilizzo degli steroidi anabolizzanti, che fece seguito all'uso di anfetamine degli anni Cinquanta e Sessanta. Vennero introdotti metodi affidabili per la rivelazione di agenti anabolizzanti tra il 1974 e 1976, e queste sostanze vennero aggiunte alla lista proibita del CIO. Alla fine degli anni Settanta, a risultato di tale progresso aumentarono il numero di squalifiche per doping, soprattutto negli sport legati alla forza e la resistenza.

Nei Giochi Olimpici di Montreal del 1976, vennero riscontrati ben otto casi di positività a sostanze dopanti solo nel sollevamento pesi, di cui sette agli steroidi e uno alle anfetamine. Nel 1984 a Los Angeles, vennero constatati dodici casi in totale di doping, in svariate discipline e paesi partecipanti, di cui un italiano, Giampaolo Urlando, positivo al testosterone, nella gara del lancio del martello. La sostanza maggiormente riscontrata fu il nandrolone in sei casi diversi dell'edizione olimpica, nel sollevamento pesi e lancio del giavellotto.
Nell'edizione di Seul nel 1988, undici casi riscontrati di positività, il più importante e famoso del canadese Ben Johnson nei 100m trovato positivo allo stanozolol, un potente derivato del testosterone.

Nel 1983, i controlli antidoping hanno fatto un ulteriore passo in avanti, per l'implementazione di nuove procedure analitiche, con l'introduzione della gascromatografia e spettrometria di massa, permettendo di realizzare dei test ancora più efficaci e venne introdotto anche il testosterone nella lista delle sostanze proibite. I Giochi Panamericani di Caracas del 1983, sono stati un'ottima prova di collaudo delle nuove procedure. In questa edizione, fu storica la decisione di ritirarsi dai Giochi, senza nemmeno competere, da parte degli atleti statunitensi e canadesi, per evitare i controlli ed imbattersi in quella che sarebbe stata una positività certa.

Parallelamente all'uso di steroidi anabolizzanti, negli anni Settanta, divenne molto popolare il doping ematico, in special modo negli sport di resistenza, usato per aumentare l'ematocrito e la concentrazione di emoglobina, dal 1986 il CIO ha vietato l'utilizzo di questa pratica. Tuttavia, gli effetti ricercati, sono stati ottenuti da farmaci come l'EPO (Eritropoietina), vietato dal CIO nel 1990. Per un lungo periodo, questa sostanza non era rilevabile dai test dell'epoca, fino ai Giochi Olimpici di Sidney del 2000, dove per la prima volta, fu applicato un test di rilevamento adatto.

Un altro grande scandalo, colpì il mondo dello sport nel 1998 durante il Tour de France, portando il CIO a convocare a Losanna nel febbraio del 1999 la World Conference on Doping in Sport (Conferenza mondiale sul doping nello sport).
Il principale risultato di questa conferenza è stata la creazione della WADA (Agenzia Mondiale antidoping), il 10 Novembre 1999. Questa organizzazione venne strutturata sulla base della pari rappresentanza dell’Olympic Movement and the Public Authorities.

La WADA definisce gli standard per la lotta al doping e coordina le attività delle varie organizzazioni sportive e delle autorità pubbliche, che come obiettivo primario hanno la prevenzione dell'insorgenza del doping, tramite l'educazione e l'informazione che sono le armi più efficaci per combattere contro questo fenomeno, solo successivamente a questo viene la caccia ai sostenitori del doping. La prima lista WADA venne pubblicata per la prima volta nel 2004 e viene aggiornata annualmente.

Per sostenere il ruolo della WADA, il 3-5 Marzo 2003 si è svolta la Conferenza Mondiale sul doping sportivo a Copenaghen, in occasione della quale è stato adottato il Codice Mondiale antidoping, al fine di supportare la cooperazione internazionale tra le autorità governative e rafforzare l’armonizzazione delle politiche antidoping e delle procedure in ambito sportivo nonché, promuovere una convenzione internazionale nell’ambito della lotta al doping, difatti 183 paesi sottoscrissero la Dichiarazione di Copenaghen, frutto della Conferenza.

Questo brano è tratto dalla tesi:

"La Storia Del Doping": origini ed evoluzione del fenomeno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Alberti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Scienze delle attività motorie e sportive
  Relatore: Antonio Lombardo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

storia
olimpiadi
scienze motorie
doping
sostanze dopanti
wada
heidi krieger
ben johnson
etimologia doping
origini doping

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi