Skip to content

L'Isis tra rivoluzione e terrorismo

L'Isis e Al Qaeda: analogie e differenze

L'Isis presenta quindi alcune differenze con un movimento terroristico e per avvalorare ancora di più questa affermazione è possibile mettere in luce gli elementi che lo distinguono dall'organizzazione terroristica internazionale più nota: Al Qaeda. Come già sottolineato precedentemente, Al Qaeda è il predecessore di ciò che sarebbe poi diventato l'Isis ma tra le due organizzazioni intercorrono numerosi elementi discordanti. Una prima differenza piuttosto rilevante, riguarda il possesso di un territorio. Sebbene Osama Bin Laden abbia utilizzato l'Afghanistan come base per il suo regime, egli non ha mai avuto un ruolo politico o un controllo preciso su quel territorio.

Al contrario l’Isis governa varie zone in Siria e Iraq e ha dimostrato di saperle amministrare come una vera entità statale e ha saputo sfruttare appieno le risorse presenti per autofinanziarsi. Al Qaeda invece necessita di fondi per poter sopravvivere non potendo più attingere al denaro della famiglia Bin Laden dopo la morte del suo leader e spesso vengono reperiti attraverso i rapimenti. Inoltre, al Baghdadi a differenza di Bin Laden esercita un importante ruolo politico e spirituale tanto da essere riconosciuto come capo del Califfato che il leader di Al Qaeda immaginava come il culmine di un percorso che avrebbe potuto realizzarsi solo con la raggiunta unità nel mondo islamico.

Ulteriori differenze si presentano sul piano dell'organizzazione militare poiché se Al Qaeda ha da sempre colpito i propri nemici attraverso attentati di matrice terroristica come dimostrato dagli avvenimenti dell'11 settembre 2001, le truppe dell'Isis sono invece formate da combattenti regolari che si scontrano con i propri nemici in modo convenzionale e questo è evidente dai conflitti avvenuti sia con l'esercito iracheno sia con le truppe di Bashar al Assad in Siria senza però una totale assenza di una componente terroristica. I due movimenti hanno obiettivi diversi: Al Qaeda ha colpito solo gli occidentali e gli arabi che riteneva essere loro complici mentre l'Isis ha dichiarato fin dal principio di voler distruggere gli islamici eretici o infedeli anche se quanto accaduto durante gli attacchi terroristici che a Parigi il 13 novembre 2015 hanno provocato la morte di centinaia di civili uccisi in luoghi pubblici per mano di uomini armati e kamikaze, sembra smentire questa affermazione.

Infine, è possibile riscontrare delle disuguaglianze anche dal punto di vista della rappresentazione che questi due gruppi hanno nell'immaginario collettivo. Osama Bin Laden è stato sempre raffigurato in una grotta o comunque il un locale neutro che non facesse trasparire il luogo preciso, armato di kalashnikov mentre diffondeva i propri messaggi rivolgendosi a una telecamera. Il leader di Al Qaeda dopo gli attentati dell'11 settembre attuò una ritirata strategica dal contatto pubblico per evitare la cattura mantenendo però un vivo contatto con i suoi affiliati e con il resto del mondo attraverso comunicati audio o video. Proprio questa latitanza forzata rappresentò uno dei problemi principali per l'esercito americano che non conoscendo la sua posizione precisa necessitò di più tempo per procedere alla cattura.

L'Isis invece è legato a una pubblicità della propria immagine diffusa attraverso l'uso dei social network, è dotato di un addetto stampa e ha addestrato i suoi guerriglieri a combattere fisicamente. L'Isis quindi non si nasconde, ma al contrario impone violentemente la propria presenza in modo tale da rendere ancora più saldo il controllo sul territorio.

Nonostante tra questi due gruppi intercorrano numerose differenze è anche opportuno sottolineare alcuni aspetti comuni a cominciare dalle origini, infatti sia Al Qaeda sia l'Isis nascono a seguito di una guerra: il primo dall’invasione della Russia in Afghanistan e il secondo dall’invasione americana in Iraq. Entrambi i gruppi adottano la violenza come strumento di propaganda ed entrambi hanno obiettivi che non rimangono circoscritti ai confini nazionali come per esempio il raggiungimento della jihad globale intesa come guerra santa dell'Islam contro tutti gli infedeli del mondo che elimini definitivamente l'influenza occidentale nel mondo islamico e che crei un'unità sotto un califfo, autorità sia politica sia religiosa.

Infine, i molteplici attacchi perpetrati da cellule terroristiche dell'Isis a Parigi hanno gettato il mondo intero in una sorta di déjà vu che ha catapultato le persone a quell'ormai lontano 11 settembre 2001 quando le Torri Gemelle di New York si accasciavano al suolo e la minaccia di Al Qaeda si faceva viva e prepotente.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'Isis tra rivoluzione e terrorismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Musolino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Pavia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Francesco Battegazzorre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

scienze politiche
rivoluzione
laurea
tesi
triennale
note
stato islamico
is
isis
islamic state of iraq and sirya

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi