Skip to content

Trattamento riabilitativo con Wii Balance Board in pazienti con malattia oncologica dopo impianto di protesi mammaria

Wii Fit™ e Biofeedback

Il sistema Wii Fit™ è un biofeedback visivo basato sulla realtà virtuale. Il sistema di gioco Wii Fit™ (Nintendo Wii™, Nintendo Co Ltd, Minami-ku Kyoto, Japan) è costituito da un software per il gioco, la console Wii, connessa a un televisore al plasma, dal WiiMote e dalla Wii FitBalance Board (WBB).

Il WiiMote (Telecomando Wii o Wii Remote) è un controller da tenere in mano, simile a un telecomando. Il WiiMote può essere utilizzato tramite laser come puntatore virtuale oppure per simulare azioni mediante un accelerometro in esso contenuto. La WBB è una piattaforma di forza larga 51 cm e lunga 31.6 cm, con uno spessore di 5,32 cm. E’ collegata alla Wii tramite collegamento bluetooth. La rilevazione delle forze è effettuata tramite estensimetri posizionati nei quattro piedini. La piattaforma è in grado di misurare lo spostamento del CoP (Centre of Pressure) sia in direzione antero-posteriore (COP-x) che in latero-laterale (COP-y), basandosi sulle forze verticali rilevate dai quattro estensimetri. Young et al. hanno dimostrato che esiste una correlazione molto alta tra il peso registrato da ogni sensore ed il peso reale applicato sopra ognuno di esso.

La Wii Balance Balance è stata posta a 2m dal televisore, al quale è stata precedentemente collegata la Console Nintendo® Wii, in un ambiente tranquillo e senza distrazioni.

Numerosi studi hanno indagato l’uso dei cosiddetti exergame (exercise based computer games), i sistemi di video giochi per facilitare l’allenamento, incrementare l’equilibrio e incoraggiare l’esercizio fisico. Tali sistemi, tra cui anche il sistema Wii, sono poco costosi, in genere graditi dal paziente e possono essere utilizzati anche al domicilio. A livello clinico e riabilitativo la Wii Balance Board si sta affermando sempre di più come strumento affidabile per la valutazione ed il miglioramento dell'equilibrio o del rischio di caduta, come attestato da numerosi studi che ribadiscono i vantaggi quali l'economicità, la reperibilità, la facilità di utilizzo e trasporto.

Ciò è sostenuto anche da Ruff et al. che hanno proposto una review circa l’utilizzo degli exergame nei setting ortopedici, mettendo però anche in luce la contraddittorietà dei dati conclusivi per la presenza di diversi protocolli e differenti modalità di utilizzo. Il trattamento con Wii Balance Board è già stato utilizzato in numerosi contesti riabilitativi, ad esempio sindrome di Parkinson, Sclerosi Multipla, emisindromi cerebrovascolari, patologie ortopediche, con beneficio per i pazienti. Nella riabilitazione tali strumenti sono stati utilizzati nel training dell’equilibrio e nel recupero funzionale in diverse categorie di pazienti. Esempi sono il miglioramento dell'equilibrio e del cammino, valutato con Dynamic Gait Index in pazienti con sindrome di Parkinson, oppure della Berg Balance Scale in pazienti cerebellari o con lesione cerebrale acquisita.

Miglioramenti nella Berg si hanno anche in pazienti anziani, come dimstrato in una review sistematica: la WBB utilizzata da pazienti anziani si rivela un’ottima alternativa ad esercizi per il miglioramento dell'equilibrio e del controllo posturale oltre che della fiducia in se stessi. Uno studio di Siriphorn e Chamonchant attesta che un programma di esercizi con Wii in giovani adulti sovrappeso migliora significativamente i parametri dei limiti di stabilità, i tempi di reazione, la forza nei gruppi muscolari degli arti inferiori (flessori anca, flessori ginocchio, flessori dorsali caviglia, plantaflessori caviglia). Suggerisce quindi che un programma di esercizio con WBB può essere utilizzato per migliorare l'equilibrio e la forza musolare dell'arto inferiore. Uno studio condotto su adulti sani ha dimostrato che l'allenamento di equilibrio con realtà virtuale Wii è utile, in quanto vi è un'aumento dell'attività muscolare di tibiale anteriore e gastrocnemio mediale valutata elettromiografcamente, i principali muscoli utilizzati negli spostamenti del centre of pressure in antero-posteriore e medio-laterale.

Alcune review evidenziano comunque punti contraddittori sull'effettiva efficacia. Ad esempio le performance motorie possono essere inferiori rispetto all’intervento del fisioterapista, pur sottolineando come strumenti di realtà virtuale possano incoraggiare l’attività fisica, essendo divertenti e coinvolgenti per i pazienti, incrementando la motivazione all’esercizio fisico e garantendo una buona aderenza al trattamento anche in autogestione. Le review dimostrano quindi come i dati siano inconcludenti rispetto al miglioramento delle performance motorie se confrontati ai trattamenti convenzionali, anche in relazione alla presenza di molteplici protocolli di trattamento con durate ed esercizi differenti. Tutti gli studi sono invece concordi nell’indicare gli exergame come utili nell’incrementare la motivazione all’esercizio fisico e l’aderenza al trattamento domiciliare e la possibilità di utilizzare tale metodica in alternativa ai metodi convenzionali, quando tali metodi siano difficilmente applicabili. Per quanto riguarda l’utilizzo degli exergame nei soggetti affetti da cancro, una ricerca su Pubmed consente di rinvenire alcuni studi, nessuno dei quali è stato però effettuato su donne mastectomizzate.

Uno studio pilota dell’Ospedale Universitario di Halle in Germania ha valutato l’utilizzo della console Wii nei soggetti ricoverati per neoplasia; i soggetti sono stati trattati con sedute di 30 minuti per cinque giorni. Nonostante il campione limitato (7 pazienti) e la scarsa significatività metodologica, è interessante rilevare come lo studio abbia evidenziato che gli exergame abbiano motivato i pazienti ad incrementare la loro attività fisica quotidiana. Un altro studio pubblicato nel gennaio 2016 ha evidenziato come gli exergame possano essere utilizzati con successo nei pazienti sottoposti a interventi di toracotomia per neoplasie del polmone.

Tali pazienti hanno potuto beneficiare di un trattamento domiciliare di facile utilizzo, trasportabile e poco costoso, con esercizi mirati al ricondizionamento dopo l’intervento. Considerando il quadro di vita dei pazienti oncologici, per le caratteristiche della malattia e delle cure (affaticabilità, cure antiblastiche con riduzione delle difese immunitarie, necessità di frequenti ricoveri e trattamenti invasivi), essi necessitano di un trattamento riabilitativo coinvolgente, che sia momento di distrazione dal dolore e dalle cure e che possa essere effettuato eventualmente anche al domicilio: la Wii Fit ha permesso di coniugare tali necessità.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Trattamento riabilitativo con Wii Balance Board in pazienti con malattia oncologica dopo impianto di protesi mammaria

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Fumagalli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Fisioterapia
  Relatore: Angela riccioli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

virtual reality
reconstruction
breast cancer
mastectomy
oncologic rehabilitation
wii balance board

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi