Skip to content

Ruolo di REST nella rigenerazione muscolare

La funzione di REST nei neuroni adulti

Regolazione della neurotrasmissione
Ad oggi, lo studio della funzione di REST si è focalizzato principalmente sul suo ruolo nel differenziamento neuronale, mentre sua funzione nel cervello adulto rimane elusiva. REST è espresso a bassi livelli nei neuroni del sistema nervoso adulto, circa 50-100 volte in meno rispetto alle cellule non neuronali.

L’identificazione dei geni contenenti NRSE/RE1 ha rivelato che REST è potenzialmente in grado di reprimere geni coinvolti volti nella trasmissione sinaptica e nella segnalazione mediante canali ionici/recettori. In particolare, geni codificanti proteine delle vescicole sinaptiche come la sinapsina I, la sinaptopsina, le sinaptotagmine II, IV e VII, la sinaptobrevina II e la proteina SNAP25 (appartenente alla famiglia delle proteine SNARE) sono stati identificati come target di REST in diversi sistemi cellulari, suggerendo che la neurotrasmissione dei neuroni adulti dipende dalla derepressione dei geni codificanti proteine essenziali coinvolte nella trasmissione sinaptica.

Esperimenti condotti con cellule di feocromocitoma di ratto PC12 indicano che REST, a basse concentrazioni, potrebbe funzionare come regolatore chiave del sistema neurosecretorio. Infatti, topi transgenici overesprimenti REST nelle cellule β pancreatiche hanno mostrato una riduzione della secrezione di insulina con conseguente significativa riduzione dei livelli plasmatici di questo ormone. Basandosi sul fatto che REST svolge un ruolo importante nel controllare la secrezione nelle cellule endocrine, REST potrebbe anche avere un ruolo fondamentale nel rilascio di neurotrasmettitori attraverso la regolazione di geni che codificano per proteine coinvolte nel processo di esocitosi.

Mantenimento dell’integrità neuronale
La delezione di REST nei neuroni del prosencefalo postnatale è risultata in un’accelerata epilettogenesi, implicando che un basso livello di espressione di REST nei neuroni è essenziale per il mantenimento delle funzioni neuronali. È stato dimostrato, infatti, che l’espressione di REST protegge i neuroni maturi dell’ippocampo. REST è quasi assente nei nuclei dei neuroni corticali e dell’ippocampo di individui con malattia di Alzheimer e si localizza all’interno degli autofagosomi insieme a proteine misfolded.

Nel cervello di topo, la delezione condizionale di REST incrementa la degenerazione e la morte cellulare dei neuroni. Questi dati dimostrano che REST ha un ruolo neuroprotettivo, essenziale per il mantenimento dell’integrità e della sopravvivenza neuronale. L’attività neuroprotettiva si basa sulla repressione di geni proapoptotici e di geni coinvolti nella malattia di Alzheimer. Inoltre, REST è in grado di conferire resistenza allo stress ossidativo.

I livelli di REST nei neuroni adulti aumentano progressivamente nei nuclei dei neuroni corticali e dell’ippocampo di individui anziani in buona salute, a causa, probabilmente, di un aumento della frequenza del signalling di Wnt, salvaguardando le funzioni cognitive durante l’invecchiamento.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Ruolo di REST nella rigenerazione muscolare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Scopelliti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze e Tecnologie
  Corso: Biologia molecolare e cellulare
  Relatore: Graziella Messina
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

satelliti
muscolo
cuore
differenziamento
rigenerazione
distrofia
hdac
rest
nrsf
cardiotossina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi