Skip to content

La Sindrome di Alienazione Genitoriale: Violenza Invisibile sui Minori

Dall’affidamento esclusivo all’affidamento congiunto

Non ci sono dati consistenti che dimostrino quanto il padre sia meno competente della madre, ma è un dato comune che i padri non affidatari diventino meno presenti nella vita dei figli dopo la separazione, in quanto il cambiamento di residenza, lo status socio-economico, un secondo matrimonio o una nuova convivenza sono fattori maggiormente legati alla figura maschile. L’affidamento esclusivo alla madre sembra, invece, garantire il benessere psico-fisico-affettivo del bambino, è vista come la soluzione più facile e comoda e nella maggior parte dei casi da provvisoria diventa definitiva.

Una premessa è importante fare. La qualità della relazione tra genitori e figli dopo la separazione dipende dal tipo di vicinanza/distanza emotiva che esisteva, dal grado di conflittualità precedente la separazione, dall’effetto che ha avuto questo cambiamento sulle vite di tutti e dalle risorse sfruttate nella fase post-separazione; tutti questi elementi sono importanti per garantire l’opportunità o meno di mantenere i contatti. Una soluzione più equa a differenza dell’affido esclusivo o “alternato”, che si sta affermando sempre più, è l’affidamento “congiunto”. Tuttavia, benché questa ipotesi sia contemplata dalla nostra normativa in sede di divorzio, ottenerla comporta numerose difficoltà e richiede requisiti particolari: primo fra tutti il consenso di entrambi i genitori.

L’affidamento congiunto o “custodia associata” è entrato in vigore in Italia con la legge n. 54 del 16 marzo 2006 e definisce quella situazione in cui, a seguito della separazione coniugale e in assenza di un contenzioso tra i coniugi, i figli non sono affidati esclusivamente all’uno o all’altro genitore, ma sono inseriti in un’identica relazione con entrambe le figure parentali. In questo modo è possibile garantire la partecipazione di entrambi i genitori al processo di sviluppo del figlio e promuovere il suo reale interesse. A differenza dell’affidamento alternato in cui i genitori alternativamente gestiscono e curano i rapporti con il figlio, indipendenti l’uno dall’altro, nel nuovo istituto, i genitori sono ambedue coinvolti nelle decisioni che sono condivise e ponderate; inoltre un ulteriore vantaggio dell’affidamento congiunto è la neutralità del rapporto, in quanto non c’è chi vince e chi perde permettendo un rapporto tra i due ex coniugi più disteso oltre che equilibrato nel farsi carico della cura della prole.

Ma chi più di tutti ne trae i vantaggi positivi è il minore che potrà attenuare le sue ansie, affievolire i conflitti dovuti alla crisi di lealtà, mantenere entrambi i suoi due punti di riferimento e prospettarsi un’esperienza familiare che rientri nella norma. In passato la giurisprudenza ha inteso congiunto esclusivamente l’usufrutto sui beni della prole anche se nell’articolo 155 c.c. la prima parte del primo comma afferma “il giudice dichiara a quale dei coniugi i figli sono affidati”, e la seconda parte dello stesso comma consente al giudice di adottare ogni altro provvedimento “con esclusivo interesse morale e materiale della prole”.

Ma i presupposti per poter applicare la custodia associata sono molteplici, innanzitutto i coniugi dovranno manifestare le loro reali motivazioni senza che siano influenzate dalla sfera emotiva ma indirizzate al reale interesse della prole, dovranno mostrare idonee capacità genitoriali, rispetto reciproco nel confronto e nella negoziazione e stima ricambiata, poiché sono elementi che permettono di palesare un’effettiva ostilità che spesso viene celata, inoltre si considerano la vicinanza delle abitazioni, l’età e il numero della prole.

Non si più certo dire che l’affidamento congiunto sia la soluzione migliore in assoluto. Le difficoltà si osservano nel periodo iniziale di adattamento, dove il bambino si sente timoroso nel mantenere lo stesso legame affettivo con entrambi i genitori, altre volte, i problemi sono legate all’interesse dell’adulto non esclusivamente diretto ai figli ma a continuare quella lotta coniugale, oppure la possibilità di una nuova relazione di coppia.
Gli accordi che si raggiungono tra i genitori rispecchiano la formula con cui il giudice dichiara i termini, i tempi, le modalità dell’affidamento congiunto.

Al riguardo, si ipotizzano tre possibili forme:
* la stabile convivenza del figlio con uno dei genitori, con diritto di visita dell’altro, il figlio rimane comunque affidato fisicamente ad un genitore, ma l’altro ha una cresciuta funzione di controllo,
* la convivenza alternata del figlio presso il padre e la madre,
* la convivenza alternata dei genitori con il figlio nell’abitazione di quest’ultimo.

Nel 2010 l’89,8% delle separazioni con figli è stata in scelta dell’ affido condiviso, modalità ampiamente prevalente dopo la sua introduzione e ciò attesta la sua funzione propositiva in vista del benessere del minore.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La Sindrome di Alienazione Genitoriale: Violenza Invisibile sui Minori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Lia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Annamaria Rizzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

separazione
lavaggio del cervello
mediazione familiare
pas
legge 54/2006
sindrome di alienazione genitoriale
richard gardner
figli contesi
isabella buzzi
teoria dell'attacamento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi