Skip to content

Rinforzo vicario: strutture cerebrali correlate e relazione con empatia

Ruolo della Somiglianza nel Rinforzo Vicario

Mobbs e colleghi (2009) si sono domandati cosa spingesse i telespettatori dei quiz televisivi a provare piacere nell’osservare degli sconosciuti vincere grosse cifre di denaro. Hanno supposto che tale fenomeno fosse causato dalla percezione di familiarità e vicinanza. Pertanto, è stato ipotizzato che i telespettatori simulassero gli stati mentali dei concorrenti, ma solo se riuscivano ad identificarsi con loro (Mobbs et al., 2009). Dunque, Mobbs e colleghi (2009) hanno testato l’ipotesi che osservare un concorrente socialmente desiderabile ottenere una vittoria, avrebbe modulato il sistema del rinforzo e che questa esperienza di rinforzo sarebbe stata a sua volta modulata dal grado di similitudine percepita con il concorrente stesso. L’esperimento consisteva nel mostrare a dei volontari, dei filmati di collaboratori che rispondevano a quesiti di natura personale, sociale ed etica. L’obiettivo era di presentarsi in modo tale da apparire socialmente desiderabile o indesiderabile.

Dunque, veniva chiesto ai volontari di valutare la piacevolezza (“likeableness” il termine usato dagli autori) dei due individui rappresentati nel video, tramite un apposito compito (Mobbs et al., 2009). Successivamente, vi era la fase sperimentale, durante la quale i partecipanti osservavano gli stessi concorrenti intenti in un gioco in cui dovevano decidere se una carta coperta potesse essere maggiore o minore di una seconda carta, anch’essa coperta; chi indovinava vinceva un premio in denaro. Le probabilità di vincere erano uguali per entrambi i concorrenti.
Per l’ultima parte dell’esperimento, i partecipanti stessi eseguivano il gioco. Durante la fase sperimentale, i volontari venivano monitorati tramite fMRI. Infine, veniva chiesto loro di fornire dei giudizi soggettivi su quanto visto.

Risultati:
° I volontari riportavano di percepire sé stessi come più simili al concorrente socialmente desiderabile (da qui in avanti CSD);
° I volontari riportavano maggiormente gratificante (“rewarding” il termine usato dagli autori) nel vedere il CSD vincere;
° Correlazione tra somiglianza percepita, piacevolezza (“agreeableness” il termine usato dagli autori) e gratificazione nel vedere il concorrente vincere.

Dati fMRI:
° Attivazione delle striato ventrale (NAcc) durante la visione del CSD che vinceva e quando i partecipanti vincevano giocando personalmente;
° Attivazione della VMPFC e della vACC in correlazione ai giudizi di somiglianza per il CSD, rispetto al concorrente socialmente indesiderabile (da qui in avanti CSI);
° Correlazione tra connessione di NAcc e vACC e l’osservazione del concorrente ritenuto simile (CSD) che vinceva contro il CSI.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Rinforzo vicario: strutture cerebrali correlate e relazione con empatia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Daneluz
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Emanuela Bricolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

empatia
bandura
corteccia prefrontale ventromediale
corteccia cingolata anteriore
rinforzo vicario
apprendimento sociale
strutture cerebrali rinforzo
tesi rinforzo
tesi empatia
elaborazione cerebrale empatia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi