Skip to content

Lo Spiritual, il Gospel e il Blues come nuclei tematici fondamentali per lo sviluppo del Jazz

Il Blues: il canto religioso si trasforma in musica profana

Altro elemento fondamentale per lo sviluppo del Jazz è il blues inteso come musica profana. Il Blues è un genere musicale che ha sempre origini nero-americane ma la cui cospicua diffusione è individuabile nel periodo degli anni che precedono la secessione (1861-1865). Il termine deriva dell’espressione “to feel blue” ovvero “essere malinconico” e indica la musica che nasce dalla sintesi di fattori afferenti alla cultura di lavoratori rurali nero-americani, con vaghi elementi della tradizione musicale europea. Le prime forme di blues, almeno nelle strutture che oggi conosciamo, ebbero quindi origine proprio nel periodo in cui la schiavitù si era consolidata nel sud degli States e si rivelarono come una sorta di corrispettivo profano dello spiritual: infatti c’è tra queste forme d’arte una matrice comune afferente ai canti dei campi (field hollers) e ai già citati work song, canti di lavoro che dettavano il tempo alle fasi operative e contemporaneamente avevano l’effetto, quasi mantrico, di alleviarne la fatica.

Nasce così una musica che già nel nome blues (triste) racchiude ed esprime le sue caratteristiche più significative. Sostanzialmente queste nuove espressioni musicali si fondavano su un sostrato espressivo e contenutistico alimentato dalle voci dei lavoratori e dei condannati ai lavori forzati che davano vita a peculiari caratteri melodici, orali ed espressivi. La struttura è molto semplice, simile a quella dei work song con cui il blues è imparentato. Ma contrariamente ai canti di lavoro, segnati da frasi brevi e lunghezza costante, il blues (non dovendo essere di aiuto alla coordinazione dei movimenti) può permettersi una maggiore libertà.

Sotto l’aspetto squisitamente musicale, il blues, almeno nella sua forma più comune, è composto da dodici battute in tempo pari. Nato come un semplice canto senza accompagnamento (eccettuato, forse, un battito di mani), in seguito compie il balzo evolutivo annettendo l’uso di strumenti musicali. Un’apertura che alcuni critici rigorosi giudicano addirittura come perdita di importanti valori originali. I testi raccontano principalmente di amori sfortunati, di situazioni dense di erotismo e sensualità, di storie di fuga, di prigioni e delitti. Con la fine della guerra di secessione, il blues intraprese un percorso evolutivo: i nero-americani godevano di una vita più libera che consentiva loro di adoperare con maggiore elasticità sia l’inglese che la loro stessa lingua.

Agli schiavi prima era vietato esprimersi nella lingua madre, suonare le percussioni, praticare i loro riti religiosi animisti e musulmani. Tra il 1870 e il 1930 si definì la composizione più canonica del blues. E con l’abolizione della schiavitù, all’uso della voce modulata si unì l’accompagnamento con strumenti semplici, come il banjo, l’armonica e la chitarra. Il successivo passaggio evolutivo si ebbe laddove fu più stretto il rapporto dei musicisti blues con la cultura europea e con l’uso di nuovi strumenti quali ad esempio ottoni, ance e pianoforte. I primi dischi degli anni Venti furono linfa vitale per la diffusione e il successo di personaggi quali Ma Raney, Bessie Smith, Sarah Martin, Robert Johnson, Blind Lemon Jefferson, Leadbelly, Big Bill Broonzy, e altri. Si attestò per di più la figura del blues singer che si esibiva con il suo gruppo personale.

Contemporaneamente, tramite il boogie-woogie, il blues si aprì anche ad esecuzioni meramente strumentali, dando un contributo determinante alla venuta al mondo del jazz. Iniziò così la fase di crescente diffusione popolare dei race records, principale prodotto discografico destinato ai neri, sino alla crisi provocata dal crollo di Wall Street ed agli anni della grande depressione. Nel frattempo, masse sempre più cospicue di nero-americani si erano spostate dalle immense distese rurali del Sud verso le città industrializzate del Nord, soprattutto Memphis e Chicago, ove si affermò il “blues metropolitano”, spesso fortemente elettrificato, che ebbe molti e illustri esponenti tra i quali vanno almeno ricordati Jimmy Reed, John Lee Hooker, Muddy Waters e B. B. King.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lo Spiritual, il Gospel e il Blues come nuclei tematici fondamentali per lo sviluppo del Jazz

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Scalici
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2013-14
  Università: Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo
  Facoltà: Conservatorio Vincenzo Bellini di Palermo
  Corso: Canto Jazz
  Relatore: Gaetano Riccobono
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

blues
jazz
ragtime
gospel
spiritual
bebop
charlie parker
duke ellington
ray charles
progenitori del jazz

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi