Skip to content

Eco Street Art, la pubblicità a servizio dell'ambiente

Urban Art

Eccoci dunque all'ultima tecnica della Street Art presa in esame nella nostra ricerca.
“[…] La Street Art è per molti versi un atto di riappropriazione della città, una pratica libertaria che tende costantemente allo sconfinamento e alla propria ridefinizione semantica. Le modalità espressive incontrate finora sono certo quelle più utilizzate dagli street artists, tuttavia non esauriscono un quadro più complesso e dai confini incerti. Correndo il rischio di banalizzare, riassumeremo tutto ciò che si discosta dalle categorie sopracitate col termine di Urban Art. Il concetto di installazione urbana, che pure contraddistingue la quasi totalità di questo “altro”, è tuttavia in parte limitante, perché esclude le azioni performative, presenti anch'esse nel mare magnum della Street Art.[…]” (Dogheria, 2015)

Non avendo definizioni esatte e precise inerenti all'urban art non ci rimane che riportare qualche suo esempio esplicativo.
Una prima dimostrazione di urban art possono essere le laser tags, chiamate anche dagli esperti del campo 3d architectural mapping, ovvero delle immagini luminose, immateriali e temporanee, realizzate partendo da immagini reali e, tramite un software e un apposito proiettore laser, ingigantite su enormi edifici, compresi ponti e grattacieli.
Questa tecnica appartiene ancora alla bidimensionalità ma nonostante ciò risulta ad oggi, a mio parere, una delle forme di comunicazione più spettacolari di sempre. Per citare un esempio famoso e degno di nota in ambito pubblicitario, l'iniziativa della Nokia nell'illuminare un intero proiettandoci sopra grafiche per il lancio del Nokia Lumia ha di certo lasciato letteralmente a “bocca aperta” tutti i presenti.
Queste simulazioni virtuali, nascendo addirittura da tecnologie militari, spesso e volentieri abbracciano la musica, o per meglio dire si sincronizzano alla perfezione con essa, per accrescere emozione, suspense ed effetto sorpresa.
Come sostiene il sito - www.architetturaecosostenibile.it - “il 3d architectural mapping rappresenta la nuova frontiera di arte pubblica digitale destinata alla massa. In connubio con il light design, video art, animazione 3d, sound design e teatro, rappresenta, per aziende desiderose di nuovi clienti inconsapevoli e impressionabili, una grandissima forma di pubblicità. Per tale motivo, i grandi marchi internazionali – con budget da capogiro– hanno utilizzato tali tecniche per il lancio di prodotti o nuovi sedi (H&M e Samsung ad Amsterdam, HP ePrint & TRON, Ralph Lauren a Londra, BMW a Singapore, Sensodyne a Istanbul…).“

Rimanendo nell'illusione della tridimensionalità , spesso i murales prima descritti appartengono di fatto al 2D, grafiche che seppur d'impatto prendono vita su muri, pareti, superfici quindi piatte. L'urban art, spesso e volentieri invece rientra nel 3D o, per meglio dire, oltre ad innesti fisici di oggetti,figure umane scolpite o quant'altro, da qualche anno artisti dotati di competenze tecniche fuori dalla norma trasformano figure 2D in immagini e scenari del tutto interpretabili come tridimensionali, lasciando spesso e volentieri osservatori e visitatori allibiti, in pieno visibilio.

Avvalendoci ancora una volta di Dogheria:”Si chiama iperrealismo, a tutti gli effetti una delle caratteristiche più salienti dell'Urban Art e, in generale, di molta Street Art. Esso agisce con l'artificio sull'idea di spettacolare, di meraviglioso e d'inaspettato, specialmente quando si coniuga col gigantismo della pittura murale. Tuttavia, sebbene più ricercato e nascosto, anche nel formato minimo può lasciare esterrefatto lo spettatore occasionale.”

Nello specifico questa arte si definisce 3D Pavimenti Art e, nel gergo, tale tecnica è detta anamorfismo, per la quale gli esponenti principali, i suoi maestri, sono Edgar Müller, Eduardo Relero, Julian Beever, Manfred Stader e Kurt Wenner

Questa tecnica appena nata, grazie alla sua spettacolarità ed all'attrazione istintiva che richiama nelle folle di passanti, è già entrata a far parte nelle campagne pubblicitarie di alcuni brand quali Levis, Smart, Reebook ed altri ancora. La speranza per un futuro non troppo remoto, è che questa forma d'arte possa interessare anche marchi meno potenti, con meno disponibilità economiche, per divulgare bellezza fruibile agli occhi della gente.
La posizione di fanalino di coda la Urban Art se la aggiudica non per una sua ipotetica e relativa importanza bensì in quanto tale forma d'espressione artistica è di fatto l'ultima arrivata, la meno conosciuta ma allo stesso tempo, parere prettamente personale, una di quelle forme di Street Art che mostra le maggiori potenzialità, specialmente se trattata nel rapporto con la comunicazione pubblicitaria.

Oltre a laser tag ed immagini 3D realizzate da artisti ancora non troppo famosi nella Street Art (unicamente per una questione di tempo, non di certo per la mancanza d'appeal), un terzo esempio di urban Street riconoscibile invece stavolta a livello globale, ricollegabile quindi all'impronta di un unico artista, è l'applicazione di “mosaici” di varie dimensioni raffiguranti figure aliene. L'artista in questione ha origini francesi ed il suo nome coincide con la sua fonte d'ispirazione: un videogames con tecnologia a 8 bit degli anni Ottanta sugli alieni, conosciuto al nome di Space Invaders. “[…] I suoi mosaici – le cui tessere simulano i pixel del videogame – vengono posizionati solitamente ad alcuni metri da terra in strade di grande passaggio, per ottenere la massima visibilità. Ogni opera viene fotografata ed inserita in un'apposita mappa interattiva presente sul sito dell'artista, che registra una ad una tali “invasioni”. Recentemente Invader ha realizzato opere in grado di fungere da QR code intellegibili dagli smartphones. Nonostante gli arresti per le sue opere pubbliche, quasi sempre illegali, Invader ha collaborato negli anni anche con varie istituzioni internazionali; tra queste, l'Europan Space Agency, grazie ala quale nel giugno 2014 è riuscito a portare le sue creature aliene a bordo della stazione spaziale internazionale (ISS), per mano dell'astronauta italiana Samantha Cristoforetti. […]” (Dogheria, 2015)

Questo brano è tratto dalla tesi:

Eco Street Art, la pubblicità a servizio dell'ambiente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alex Marchi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Comunicazione ed Economia
  Corso: Pubblicità, Editoria e Creatività d'Impresa
  Relatore: Maurizio Mercurio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi