Skip to content

Analisi e riflessioni sulle tendenze dei consumi in Italia tra '800 e '900

Gli spazi del commercio

Le origini: Mercati, Fiere e Botteghe
L'attività commerciale è stata da sempre al centro della vita urbana. Fin dai tempi dell'agorà dell'Antica Grecia, dove l'individuo poteva partecipare ad assemblee cittadine ma anche acquistare merci di varia provenienza, gli scambi di beni primari avevano bisogno di luoghi adatti. Le piazze del Medio Evo erano il luogo predisposto ad accogliere il mercato, manifestazione periodica che serviva a soddisfare la richiesta di beni da parte di una società in rapida crescita.

Spesso i mercati erano specializzati, come le piazze delle Erbe di Vicenza e Mantova, le corti delle Uova e del Pesce e le piazze dei Cocomeri, della Legna e delle Erbe di Lucca. Si stavano sviluppando anche le fiere, in ragione del notevole incremento della domanda di beni creata dell'elevata espansione demografica avvenuta in Europa nel corso del X e dell'XI secolo. In origine le fiere radunavano compratori e venditori solo in particolari occasioni, come le feste religiose, ed erano per questo solitamente collocate vicino alle chiese. In breve tempo però esse diventarono un'occasione di scambio internazionale importante per mercanti di zone anche molto distanti tra loro. Si può quindi affermare che, mentre i mercati svolsero essenzialmente una funzione di approvvigionamento per gli abitanti delle città, le fiere rappresentarono il canale di collegamento principale tra i vari mercati europei, tra le città e la campagna e tra le zone di produzione e quelle di commercializzazione e consumo.

Le botteghe dell'epoca medievale erano ancora costituite da piccoli laboratori artigianali, un deposito e da uno spazio per la commercializzazione delle merci. Le botteghe appartenenti ad uno stesso settore merceologico si concentravano lungo una medesima via o uno stesso quartiere, come nel caso degli armaioli di Milano situati in via Armorari o degli orafi di Firenze, che si trovavano in via degli Orafi. Il consumatore entrava per soddisfare la propria esigenza di approvvigionamento di beni di prima necessità e di beni di lusso. Si stava via via delineando una differenziazione tra due tipi di commercio: uno più diffuso e riservato al popolo e uno rivolto ad un'élite che acquistava anche beni voluttuari come stoffe preziose e gioielli. La funzione “espositiva” delle botteghe rimase però a lungo secondaria.

Solo attorno al XVIII si cominciò a comprendere l'importanza di attirare il cliente grazie alle vetrine che dovevano esporre la merce: era quindi fondamentale non avere un negozio «anonimo», ma facilmente distinguibile dagli altri esercizi commerciali. Fu pertanto necessario modificare il rapporto che esisteva da secoli tra la bottega e le vie percorse dai potenziali clienti: già nel Settecento si cominciò a chiudere con dei vetri le aperture delle botteghe che davano verso la strada, creando così delle primitive forme di vetrina. Nacquero così numerosi contenuti di abbellimento: vetrine di cristallo, lanterne in oro, specchiere, candeliere e colonne scolpite.

Si doveva attirare la clientela e per farlo la vetrina doveva divenire una sorta di palcoscenico per esporre la merce. Nasceva così il negozio moderno, che iniziò a delocalizzare fuori città il laboratorio dove venivano realizzati i prodotti. La vendita si trasferì all'interno del negozio, dove le merci avevano da questo momento il prezzo esposto ed erano accessibili al pubblico, non più stipate nel retrobottega. A partire dal 1850 fu possibile installare lastre di vetro più grandi che combinate con l'illuminazione artificiale interna e i numerosi specchi appositamente posizionati permettevano di dare maggior risalto agli articoli, da questo periodo anche venduti confezionati, non più prodotti su ordinazione. Nella seconda metà dell'Ottocento nacque inoltre la moderna concezione di design, vale a dire la disciplina che si occupa della progettazione degli oggetti al fine di migliorarne le qualità funzionali e soprattutto estetiche.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Analisi e riflessioni sulle tendenze dei consumi in Italia tra '800 e '900

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Edoardo Pasotto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Giulio Ongaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi