Skip to content

Valutazione dell'efficacia del trattamento psicoterapeutico psicodinamico nei pazienti borderline

Borderline come Organizzazione di Personalità

Come abbiamo visto, contestualmente agli studi di Gunderson, Kernberg (1975) arrivò alla definizione di borderline non come categoria nosografica ma come organizzazione di personalità, affrontando il tema sotto un profilo strettamente psicodinamico, integrando psicologia dell’Io e teoria delle relazioni oggettuali.
Kernberg individua tre organizzazioni di personalità patologiche: psicotica, borderline e nevrotica. I criteri che permettono di identificare e differenziare le tre organizzazioni di personalità sono:
* integrazione dell’identità;
* meccanismi di difesa;
* esame di realtà.

Lo strumento psicometrico per analizzare e identificare la tipologia di organizzzione di personalità è l’Inventory of Personality Organization (Kernberg, Clarlin, 1995). L’organizzazione borderline si colloca nella zona intermedia tra psicosi e nevrosi e può essere di alto o di basso livello (in relazione alla maggiore o minore vicinanza al versante psicotico o nevrotico).

Il borderline ha un discreto grado di diffusione dell’identità, ma a differenza dei funzionamenti apertamente psicotici preserva in buona misura la differenziazione tra le rappresentazioni di sé e degli altri.

E’ prevalente l’utilizzo dei meccanismi di difesa primitivi (scissione e identificazione proiettiva) per la paura dell’abbandono e il senso di colpa legato all’aggressività.

L’esame di realtà è intatto, a meno che non ci si trovi in presenza di situazioni fortemente stressanti.

L’organizzazione borderline è per Kernberg una struttura sottostante a diversi disturbi di personalità (narciso, antisociale, schizoide, paranoide, infantile e ciclotimico) e ciò secondo Gunderson (2005) ha contribuito a generare ulteriore confusione rispetto alla già scarsa chiarezza legata al termine borderline. La teorizzazione di Kernberg risolve o ricomprende in qualche maniera la problematica dell’elevata comorbilità del DBP con altri disturbi di personalità. Il tema della comorbilità è ben evidenziato negli studi raccolti da Oldham (2006).

Oltre ad avere contribuito alla stesura dei criteri diagnostici del DSM-III, il pensiero di Kernberg è fondamentale anche per la definizione di borderline riportata nel PDM (2006), dove il termine borderline è visto nella sua accezione strutturale e di funzionamento e non come entità nosografica autonoma.

Nel PDM i disturbi di personalità sono valutati con approccio multidimensionale, multiassiale e prototipico e collocati in asse P. Di seguito riportiamo le declinazioni delle due prospettive (organizzazione e configurazione) attraverso le quali viene valutata la personalità nel PDM:

1. organizzazione di personalità:
• sano: assenza di disturbo
• nevrotico: rigidità nell'uso ristretto di una particolare gamma di meccanismi di difesa, o da funzionamenti disturbati solo in alcune specifiche aree di funzionamento (sessualità, autonomia, rabbia ecc.);
• borderline: caratterizzati di difficoltà relazionali ricorrenti, incapacità di provare un'intimità profonda e autentica nelle relazioni, sensazioni intense di angoscia e grave depressione, alta vulnerabilità alle dipendenze di vario tipo.

2. tipo di configurazione:
• sana;
• disturbata.

Dai tre livelli di organizzazione di personalità viene omesso il livello psicotico. I tre tipi di funzionamento sono considerati trasversali a tutti i quindici disturbi di personalità proposti dal manuale.
Il livello di gravità dei disturbi è determinato in relazione alle seguenti capacità:
• Identità: vedere se stessi e gli altri in modi articolati, stabili e precisi;
• Relazioni oggettuali: mantenere relazioni intime, stabili e soddisfacenti;
• Tolleranza degli affetti: fare esperienza dentro di sé, e percepire negli altri, l'intera gamma degli affetti appropriati a una certa età;
• Regolazione degli affetti: regolare impulsi e affetti in modi che favoriscono l'adattamento e la soddisfazione, con un ricorso flessibile a difese o strategie di coping;
• Integrazione di Super-Io, Io ideale e Ideale dell’Io: funzionare secondo una sensibilità morale coerente e matura;
• Esame di realtà: comprendere, anche se non necessariamente conformarsi a, le nozioni convenzionali di ciò che è realistico;
• Forza dell’Io e Resilienza: rispondere in modo positivo agli stress e riprendersi sa eventi dolorosi senza difficoltà eccessive.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Valutazione dell'efficacia del trattamento psicoterapeutico psicodinamico nei pazienti borderline

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Staderini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Federico Dazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 132

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

borderline
yeomans
bateman e fonagy
lineham
psychodynamic interpersonal therapy
dialectichal beahvioural therapy
transference focused therapy
mentaliztion based therapy
general psychiatric management
dynamic deconstructive therapy

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi