Skip to content

L’immersività nell’arte - La realtà virtuale come mezzo di comunicazione nei musei

La Realtà Virtuale Immersiva

La realtà virtuale nasce per indicare una realtà simulata, in cui lo spettatore viene completamente immerso in una situazione proiettata attraverso un monitor. L’utente può interagire con oggetti presenti nelle ambientazioni ricreate attraverso joystick appositi, rendendo il tutto più appassionante. La prima realtà virtuale fu creata dal MIT nel 1977. L’Aspen Movie Map era una simulazione di una cittadina del Colorado in cui gli utenti potevano muoversi, scegliendo le condizioni meteorologiche o la rappresentazione poligonale della città.

Il senso a cui viene data maggior importanza è la vista, poiché considerato il senso dominante nell’uomo; per tale motivo spesso si propongono realtà virtuali 3D o con alte qualità grafiche, perché sono quelle che riescono a coinvolgere maggiormente lo spettatore, dando un’importanza secondaria agli altri sensi (ne è un esempio il World Wide Web). Quando anche altre parti sensoriali vengono coinvolte e viene costruito un vero e proprio ambiente intorno all’utente, si parla di realtà virtuale immersiva o RVI.

Tramite l’uso di visori, auricolari e guanti, lo spettatore diventerà protagonista della scena e riuscirà quasi del tutto a isolarsi e distaccarsi dalla realtà per entrarne in una virtuale. Le animazioni e le interazioni con gli oggetti assumeranno un ruolo fondamentale, poiché persuaderanno maggiormente l’utente a non badare agli stimoli provenienti dal mondo esterno.

Maria Roussou, co-fondatrice del sistema virtuale makebelieve, in un’intervista condotta dalla giornalista Silvia Scarafaggi afferma:
Paragonandola agli altri sistemi multimediali basati sul computer, è credito comune che l’efficacia della VR nell’apprendimento sia maggiore di qualsiasi altro metodo convenzionale. Nonostante questo, la ricerca in questo ambito è ancora minima e, ad oggi, non abbiamo a disposizione elementi chiari ed evidenti per affermare che le applicazioni VR portino quel ”valore aggiunto” all’apprendimento, soprattutto per i ragazzi.

Nonostante l’assenza di statistiche reali, è chiaro che queste nuove tecnologie abbiano un’attrattiva non indifferente verso i fruitori, soprattutto se essi appartengono alle nuove generazioni, le quali difficilmente riescono ad immaginare un mondo senza tutto ciò.

Gli Head-Mounted Display: l'evoluzione e le caratteristiche
La VR è un insieme di situazioni uniche ed indescrivibili. Il Senior Manager di PlayStation ha esordito:

Ho deciso che descrivere la realtà virtuale a una persona che non l’ha mai provato è praticamente impossibile. Come l’atto di gustare, annusare o vedere, la Realtà Virtuale (VR) è un’esperienza sensoriale che bisogna provare in prima persona per essere capita. Le parole non le rendono giustizia.

I mezzi più efficaci per far vivere queste esperienze sono gli head-mounted display (HMD), ovvero dei visori da appoggiare sul volto o in testa dello spettatore attraverso un apposito casco tramite cui sono proiettate delle immagini, dei video, o altri progetti multimediali.
Già verso la fine degli anni 50, Morton Leonard Heilig, regista, iniziò a lavorare sul progetto di Sensorama, un dispositivo meccanico ideato per il cinema dell’esperienza che facesse vedere la televisione in 3D, convogliando i sensi del tatto, dell’udito e dell’olfatto, a quello della vista. Brevettata nel 1962, la macchina non trovò fondi sufficienti per essere sviluppata ed applicata al cinema come voleva il suo inventore, poiché oggetto di una visione troppo futuristica rispetto all’epoca.

Da quest'idea partirono Ivan Sutherland e Bob Sproull, creando nel 1967 il primo sistema di realtà virtuale con visore, la Spada di Damocle. Questo era molto primitivo sia in termini grafici che in termini di fruizione. Negli ultimi vent’anni questi sistemi di proiezione virtuale sono stati introdotti sul mercato.Uno dei primi HMD disponibili in commercio è stato il Forte VFX-1, rilasciato nel 1995 da Forte Technologies al prezzo di 695 dollari. Esso era composto da un casco con display LCD a colori doppio, un controller palmare e una scheda di interfaccia ISA ed era dotato di audio, video e eye-tracking [fig. 2.1].

Un’azienda pioniera in questo settore è stata la Sony che, nel 1997, ha fatto uscire il Glasstron. Anche questo possedeva due schermi LCD a colori e due auricolari. A differenza dei predecessori, in questo modello è stato inserito anche un sensore di posizione che permetteva all’utente di visualizzare i dintorni. Attualmente il progresso è in costante avanzamento. Il classico HMD è costituito da uno o due piccoli display con lenti e specchi semitrasparenti incorporati in un casco, occhiali o visiera. I monitor possono essere in CRT, LCD, a cristalli liquidi su silicio o OLED. Alcuni fornitori inseriscono diversi micro-display per aumentare il campo visivo. Si possono distinguere due tipologie di head-mounted display: il primo utilizza la visualizzazione di un’immagine generata da computer o cellulare, generalmente indicata come immagine virtuale; il secondo combina quest’ultima con il mondo reale, creando una realtà aumentata.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’immersività nell’arte - La realtà virtuale come mezzo di comunicazione nei musei

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Filieri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Architettura
  Corso: Design e Comunicazione Visiva
  Relatore: Gianluca Paravati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

museo
realtà virtuale
museum
virtual reality
allestimento
vr
munch
head-mounted display
visori
immersivo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi