Skip to content

Politiche per favorire la competizione per le imprese - l'Antitrust

L’antitrust nella Comunità Europea

Anche a livello comunitario l’affermazione dell’economia concorrenziale non fu affatto senza contrasti.
Il Trattato istitutivo dell’Unione Europea meglio conosciuto come Trattato di Roma, reso esecutivo con la legge 14 ottobre 1957, nr. 1203, prevede, si, negli artt. 85 e segg. disposizioni che colpiscono le intese restrittive e gli abusi di posizioni dominanti delle imprese, ma all’inizio era pur vero che tali principi erano stati concepiti in un contesto ben più limitativo. Da un lato erano circondate da altre norme che ne sottolineavano il valore ancillare ed accompagnate dall’esplicita affermazione che il Trattato era neutrale rispetto alla proprietà pubblica o privata dell’impresa e dall’altro si scontravano con le politiche industriali ed agricole e con gli interventi ripetuti che venivano attuati, tipo assegnazione di quote produttive alle imprese, o il divieto di importazione a prezzi competitivi.

Difficilmente si sarebbe usciti da questo equilibrio chiaroscurale, senza la presenza all’interno della Commissione di una forte posizione pro-concorrenza, stimolata anche dalla crescita dell’economia e dalla graduale liberalizzazione del mercato internazionale.
Con il Trattato di Maastricht si giunse all’affermazione della concorrenza come principio fondamentale ed all’assunzione della politica industriale  al livello comunitario, intendendola non più come porto franco della concorrenza, ma come rinnovamento dell’economia in chiave competitiva e, quindi, con la liberalizzazione di quei settori ancora coperti da diritti di esclusiva.

Il Trattato di Maastricht è forse il più conosciuto e famoso Trattato europeo, in quanto con esso si inizia la strada che ha portato, nel 2002, all'entrata in circolazione della moneta unica chiamata Euro.  
Il Trattato di Maastricht non è importante soltanto perchè segna il primo passo concreto verso l'Unione Economica e Monetaria, bensì anche perchè con esso si passa dalla Comunità Europea alla Unione Europea, si rafforza la cooperazione tra gli Stati membri nel campo della politica estera e si arriva al concetto di cittadino europeo.


Il Trattato di Maastricht fu firmato il 7 febbraio 1992 a Maastricht, un piccolo paesino dell'Olanda, vicino al confine con la Germania e il Belgio. 
Ma subito dopo firmato, il Trattato non ebbe vita facile. Proprio perchè segnava un importante passo in avanti sul percorso dell'integrazione europea, alcuni Paesi non lo videro di buon occhio, soprattutto i paesi meno "europeisti". Nel giugno 1992, con referendum, la Danimarca disse NO alla ratifica del Trattato di Maastricht. In Francia, invece, fu sottoposto a referendum, ottenne il SI dal 50,4% dei voti: una mezza vittoria e un colpo di arresto per l'Europa. 
Ma nonostante questo, il Trattato di Maastricht andò avanti, si cercarono delle soluzioni politiche all'esito del referendum danese e si superò, un po' alla volta, anche il NI dei francesi.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Politiche per favorire la competizione per le imprese - l'Antitrust

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Massimo De Viti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Antonio Marino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 32

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi