Skip to content

Il recesso dai trattati internazionali tra diritto internazionale e diritto dell'Unione europea: il caso Brexit

Le conseguenze della Brexit a livello nazionale: il caso Miller

Come visto, le conseguenze della Brexit sono state molte ed importanti, ma non si sono esaurite solo sul piano internazionale: l'interpretazione dell'art. 50 del Trattato di Lisbona ha infatti creato scompiglio all'interno della politica britannica. Il caso Miller si è aperto ad opera di Gina Miller, businesswoman britannica di origini sudamericane, che ha presentato nell'ottobre 2016 un ricorso all'Alta Corte britannica contro la decisione della Primo ministro Theresa May, la quale ha deciso di invocare l'art. 50 nel marzo prossimo, senza prima sottoporre il procedimento ad un voto del Parlamento.

La decisione della Miller è stata guidata dal suo personale sconcerto seguito alla vittoria del Leave, e l'ha portata a rivolgersi ad uno dei più prestigiosi studi legali della City. In molti avevano criticato la scelta di Downing Street: parlamentari dell'opposizione ma anche dello stesso partito conservatore, finanziari e banchieri; nessuno tuttavia aveva mai pensato di porre un ostacolo concreto nel cammino di Theresa May.

Le argomentazioni della Miller sono di due tipi: la prima prettamente legale, infatti il Governo sostiene di non aver bisogno di un voto del Parlamento, per via della cosiddetta Royal prerogative, l'insieme di poteri un tempo esercitati dal monarca del Regno Unito e che ora competono all'esecutivo. Questa tesi è insostenibile, secondo la ricorrente, in una decisione storicamente importante come quella di portare il Regno Unito fuori dall'Unione Europea: se è vero che un governo, in forza della Royal Prerogative, può firmare un trattato internazionale, è anche vero che il Parlamento deve poi ratificarlo perché diventi legge nazionale. Secondo la ricorrente, inoltre, uscire dall'Ue senza consultare il Parlamento sarebbe una violazione dei diritti garantiti dall'Atto delle comunità europee del 1972 che ha incorporato la legislazione europea in quella del Regno Unito.

La seconda argomentazione sarebbe invece più politica: una delle motivazioni alla base del Leave stava proprio nel voler ripristinare la sovranità parlamentare, cosa che, secondo la donna, sarebbe inutile senza prima ascoltare l'opinione in materia del Parlamento. L'Alta Corte britannica il 3 novembre 2016 si è pronunciata a favore di Gina Miller e degli altri ricorrenti. Sebbene non sia scritta, la Costituzione britannica è una delle più rigide, ed il principio costituzionale che la regge è la sovranità parlamentare, e che la legge promulgata dalla Corona con consenso di entrambe le Camere, sia suprema.

Non esiste infatti alcuna normativa sovraordinata al Parlamento, a meno che quest'ultimo non lo consenta. Il Governo ha annunciato ricorso alla Corte Suprema, tribunale di ultima istanza del Paese che ha analizzato la questione tra il 7 e l'8 dicembre 2016 ma ha reso nota la sentenza il 24 gennaio 2017. Il ricorso del Governo è stato respinto con una maggioranza di otto a tre: la Brexit dovrà passare dal Parlamento, la Corte Suprema ha inoltre stabilito che non dovranno essere consultati i parlamenti scozzese irlandese e dell'Irlanda del Nord. La domanda che scuote il Paese è se la decisione della Corte Suprema, nel caso fosse la stessa dell'Alta Corte, potrà bloccare la Brexit. La risposta è no: potrebbe però influenzare i negoziati tra Regno Unito ed Unione Europea e quindi rallentarli. I deputati infatti non vogliono ignorare il voto di 17 milioni di concittadini. La conseguenza potrebbe però essere un recesso più “soft”: con questo termine si intenderebbe l'uscita dalle istituzioni ma con la possibilità di rimanere all'interno del mercato unico, così come concesso a Norvegia e Svizzera.

Al contrario, una “hard Brexit”, così come auspicata dai sostenitori del Leave, significherebbe abbandonare tutti i trattati e le istituzioni europee di cui il Regno Unito fa parte e l'uscita dal mercato unico.

Un terzo scenario è quello sostenuto da Theresa May: il “mild Brexit”, ovvero una completa indipendenza dall'Unione Europea mantenendo però contemporaneamente un accesso al mercato unico alle imprese britanniche. Soluzione però irrealizzabile: le istituzioni dell'Unione hanno più volte ribadito che non ci possa essere l'accesso al mercato unico laddove non ci sia una libera circolazione delle persone; questa decisione non può essere presa solo dal Regno Unito ma dovrebbe infatti essere discussa durante i negoziati. L'Economist ha definito l'obiettivo della May “impossibile da raggiungere”.

Un'altra sentenza è stata resa nota nell'ottobre 2016: un attivista dei diritti umani, Raymond McCord ha presentato un ricorso all'Alta Corte di Belfast contro la volontà di lanciare la procedura di uscita senza previa consultazione del Parlamento regionale nordirlandese.

In virtù della legge sull'Irlanda del Nord del 1998 e degli Accordi del Venerdì Santo, i nord-irlandesi sono sovrani in caso di revisione costituzionale, sostiene McCord. La sentenza dell'Alta Corte di Belfast è stata molto diversa da quella di Londra: ha respinto il ricorso sostenendo che i legislatori non hanno bisogno di alcun voto per iniziare il conto alla rovescia che porterà alla Brexit. Il Giudice Paul Maguire, nel leggere il verdetto, ha affermato che le implicazioni del recesso per l'Irlanda del Nord sono ancora incerte e che non si sa ancora come potrà essere gestita la situazione dei confini.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il recesso dai trattati internazionali tra diritto internazionale e diritto dell'Unione europea: il caso Brexit

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Irene Venturino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Simone Carrea
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 62

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi