Skip to content

Tra l'Aura e lo Choc: le possibilità dell'arte nel pensiero di W. Benjamin e Th. W. Adorno

Il giovane Adorno e la filosofia interpretativa

Le vicende bibliografiche e intellettuali di T. W. Adorno sono segnate, come per altri pensatori tedeschi, dal trauma per l'avvento del nazismo, la guerra, e lo sterminio del popolo ebraico. Lo stesso Adorno fece i conti con le persecuzioni, l'esilio e il senso di colpa per essere sopravvissuto alla tragedia nella quale anche i suoi più cari amici, tra cui Walter Benjamin, trovarono la morte; sarebbe impossibile comprendere a pieno il suo pensiero senza riferirsi al suo tentativo di spiegare le catastrofi del Novecento e misurarsi ad esse con l'uso della ragione. I venti volumi che costituiscono l'opera omnia di Adorno tracciano la figura poliedrica di questo pensatore dalle diverse anime che saranno attive in tutto l'arco della sua produzione saggistica e monografica caratterizzata, come sottolinea Wiggershaus, da una certa continuità; “il suo ideale era un pensiero enciclopedico: organizzato razionalmente e al contempo discontinuo che si rimette in questione in forma letteraria”, una forma a metà strada tra il linguaggio fenomenologico e il linguaggio creativo, proprio della poesia. Secondo Wiggershaus, in sostanza, sarebbe difficile riconoscere tra le sue opere quelle che si possano definire fondamentali a discapito di quelle minori. Sull'argomento la critica si è a lungo divisa prendendo partito chi per Dialettica negativa, chi per Dialettica dell'illuminismo, chi per Minima Moralia; questi testi, insieme alla postuma Teoria Estetica, considerati come i più noti di Adorno, si rimandano tra loro sia per le tematiche che per la struttura. Il disegno di insieme si riflette nella frammentarietà e questa è la modalità più adatta, per il pensatore, ad esprimere l'attualità del mondo. Sia che si tratti di teoria estetica, musicologia, sociologia, politica o filosofia, l'influenza di Adorno sulla storia del pensiero moderno è incontestabile.

Egli nacque l'11 settembre 1903 a Francoforte sul Meno dove trascorse l'infanzia serenamente. Dopo il diploma, conseguito a soli 17 anni, si iscrisse, nel 1921, all'Università di Francoforte per studiare filosofia, psicologia, sociologia e scienze musicali. Ma, le esperienze determinanti per la sua formazione, furono extra accademiche: come scrisse egli stesso, lo segnarono profondamente le letture della Critica della ragion pura che faceva da liceale con l'amico Kracauer; ma ciò che lo influenzò maggiormente in gioventù fu l'amicizia con Benjamin, conosciuto nel 1923. Di questo primo incontro Adorno scrive: “Non è una fantasia a posteriori se io dico che ebbi a prima vista di Benjamin l'impressione di uno degli uomini più significativi che avessi mai incontrato (…). Trovo a fatica le parole appropriate per descrivere, senza cadere nel Kitsch di espressioni esagerate, l'intensità della mia prima impressione. Era come se mi fosse diventato per la prima volta chiaro che cosa la filosofia avrebbe dovuto essere, quand'essa avesse realizzato ciò che promette, e ciò che non mantiene da che è stata scavata la scissione kantiana tra ciò che resta all'interno dell'esperienza e ciò che oltrepassa i limiti della possibilità dell'esperienza”.

Dopo la tesi di laurea, conclusa nel 1924 e intitolata La coscienza del cosale e del noematico nella fenomenologia di Husserl, Adorno presenta, nel 1927, la dissertazione per ottenere la libera docenza che reca il titolo Il concetto di inconscio nella dottrina trascendentale dell'anima, la quale fu però rifiutata. La delusione del rifiuto fu presto superata e, nel 1929, Adorno, entrato in contatto con il teologo politicamente impegnato Paul Tillich, concordò con lui una tesi di abilitazione su Kierkegaard con la quale, nel 1931, ottenne la libera docenza in filosofia. Nonostante sia stata scritta a pochi anni di distanza, la tesi non aveva nulla a che vedere con quella scritta in precedenza: si tratta di un lavoro assolutamente personale e creativo, fortemente ispirato dagli scritti di Walter Benjamin, in particolare a Dramma barocco tedesco, testo con cui, tra l'altro, Benjamin non era riuscito ad ottenere l'abilitazione che sperava di conseguire. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Tra l'Aura e lo Choc: le possibilità dell'arte nel pensiero di W. Benjamin e Th. W. Adorno

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuliana Bozzi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Maria Teresa Catena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

estetica
arte
filosofia
rivoluzione
benjamin
adorno
aura
riproducibilità tecnica
dialettica negativa
choc

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi