Skip to content

La notizia internazionale in formato fotografia

Gli scatti dell'orrore e la spettacolarizzazione del dolore

Partiamo dallo scatto che forse, tra tutti quelli presi qui di seguito in esame, è il più straziante: il ritratto del corpicino senza vita del piccolo Aylan Kurdi (o Alan Kurdi) riverso supino sul litorale di una costa della Turchia.

Scattata il 2 settembre 2015 da Nilüfer Demir, una foto-reporter di origini turche, questa scena è oggi considerata il simbolo-denuncia della drammatica tragedia dei rifugiati, iniziata a cavallo tra il 2014 e il 2015 – e ancora in corso – a seguito del clamoroso fallimento delle cosiddette “Primavere Arabe”, movimenti di protesta e agitazione popolare sorti nei paesi del Medio Oriente (Egitto, Marocco, Libia, Turchia, Tunisia, Giordania, Siria, tanto per citarne alcuni) tra il 2010 e il 2011 il cui scopo era sovvertire i vari regimi dittatoriali nazionali e istituire sistemi politici democratici sulla base dei principali modelli occidentali.

I numeri che raccontano questa moderna diaspora sono a dir poco mostruosi: si stima che nel 2014 (ma in realtà i primi sbarchi risalgono già al 2011-2012) siano arrivati sulle coste mediterranee – via mare o via terra – circa 216 mila persone, per poi salire a un milione nel 2015 e ridiscendere a “soli” 361.678 nel 2016. In questi tre anni, le vittime annegate durante la cosiddetta “traversata della salvezza” nel Mediterraneo sono state più di dieci mila. Solo in questi primi mesi del 2017 i profughi arrivati in Europa sui barconi sono già più di 32 mila e 826 risultano morti o dispersi. La maggior parte proviene dai paesi arabi e si stima che il 42,5% siano donne e bambini.

Il piccolo Aylan era uno di loro: in fuga con la sua famiglia dalla Siria, un paese costantemente al centro della cronaca internazionale a causa dei bombardamenti di una guerra civile senza fine e delle azioni terroristiche dell’Isis, un’organizzazione jihadista presente anche in Iraq il cui intento è l’instaurazione di un unico grande Stato Islamico. Per scappare dalla morte e dalla disperazione, la famiglia di Aylan ha tentato la fortuna, sfidando le onde del Mediterraneo in cerca di un nuovo futuro, in un viaggio pericoloso e inumano conclusosi poi nel peggiore dei modi sulla spiaggia di Bodrum in Turchia. Il suo nome, così come quello del fratellino più grande di appena due anni, ritrovato a pochi metri di distanza insieme alla mamma, è andato ad arricchire un già – purtroppo – lungo elenco di nomi di piccoli angeli strappati ad una vita che non avevano ancora veramente incominciato a vivere.

Vittime innocenti di un mare assassino e di un fato crudele, di spietati pregiudizi e scellerate politiche di persone affariste e senza scrupoli che, anziché prodigarsi (come dovrebbe essere loro responsabilità) a costruire un mondo di pace per le generazioni future, si barricano dietro le loro maschere d’ipocrisia e ai loro freddi discorsi d’indifferente retorica, che alla fine però lasciano sempre il tempo che trovano.

La fotografia del piccolo Aylan ha scosso l’opinione pubblica mondiale in un modo che forse solo poche altre immagini simili e relativamente recenti avevano saputo fare: innumerevoli dibattiti ne sono sorti attorno, alcuni dei quali a proposito della sua possibile (probabile) strumentalizzazione da parte dei media di tutto il mondo; ma prima di addentraci nuovamente in discorsi di tipo etico-deontologico, proviamo a vedere quali sono gli aspetti di questa fotografia che hanno contribuito dapprima alla sua selezione e poi alla sua diffusione virale avvenuta per mezzo di giornali, riviste, programmi televisivi e social network. Perché proprio quest’immagine, dunque? Perché non quella che include anche i corpi senza vita del fratellino e della mamma di Aylan, riversi immobili a pochi metri da lui? Perché non una di quelle migliaia scattate ben prima di questa particolare tragedia? [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La notizia internazionale in formato fotografia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Biffoni
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Informazione ed Editoria
  Relatore: Marina Milan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

giornalismo
fotografia
icone
social network
notizia internazionale
foto-giornalismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi