Skip to content

Essere padri. Affettività e genitorialità in carcere

Esercitare la paternità

Per sentirsi padri in carcere, per poter conservare il legame con i figli, è necessario poter esercitare la paternità anche all'esterno dell'Istituto Penitenziario, attraverso una serie di condizioni materiali e di gesti visibili che rendono concreto e riconoscibile il ruolo paterno.

Il rapporto padre-figlio deve essere vissuto, condiviso, accettato anche nel rifiuto o nella sospensione.

I figli e il contesto familiare devono rappresentare un'occasione di crescita, motivo di soddisfazione e di realizzazione affettività per i papà detenuti.

E. Goffman scrive "le istituzioni totali sono incompatibili con un elemento fondamentale della nostra società, la famiglia" (Goffman,1968, p.2), ma poter vivere la paternità non è una concessione bensì un diritto. Questo può avvenire attraverso la possibilità di incontrarsi e di ricominciare a conoscersi.

La distanza forzata ed il silenzio possono avere evidenti ripercussioni sulle possibilità di recupero del detenuto, ma possono anche influire negativamente sulla vita dei figli, rischiando di sviluppare un comportamento deviante e ricalcando così le orme dei padri.

All'interno delle istituzioni carcerarie si perde la dimensione sentimentale, si allentano i legami con tutta la rete parentale a partire dai figli, si annullano le relazioni amicali, che vengono poi sostituite forzatamente dalla frequentazione dei compagni di detenzione.

I bambini purtroppo sono coloro che più subiscono le restrizioni imposte al genitore. Queste condizioni di oppressione provocano inquietudine e disagio nei figli, tanto da spingerli ad opporsi all'incontro con il padre o ad affrontarlo con ostilità preventiva.

La perdita di vivacità degli scambi che le alterazioni diversificate consentono può provocare come conseguenza a reazioni di sfida, ribellione, provocazioni e accanimenti da parte dei detenuti.

Un papà detenuto riguardo alle visite dei suoi figli: "Non sono venuti e non penso che vengano, ma neanche a me farebbe piacere che venissero qua. […] Qua è una brutta situazione, non mi piace farli venire in carcere."

Tra le mura carcerarie i detenuti vivono in una condizione incerta e indefinita circa il proprio futuro, senza chiarezza o risposte precise in merito al tempo a venire, essi denunciano di patire attese infinite per avere soddisfazione anche delle più piccole cose, come le risposte alle domandine, e di perdere così la possibilità di progettazione di sé.

I detenuti restano così come in un limbo.

In questa condizione di “immobilità” vengono a trovarsi anche i rapporti con i figli, a cui viene sottratta la possibilità di una pianificazione, della previsione di un incontro, o di un eventuale ricongiungimento.

Quest'ombra calata sul futuro della sfera degli affetti suscita sentimenti ambivalenti: paura, attrazione, repulsione, desiderio, preoccupazioni, ma anche disorientamento per una situazione avvertita come sconosciuta.

Goffman sostiene che due sono le minacce che adombrano il ritorno alla normalità del detenuto: la “disculturazione” e la “stigmatizzazione” (Goffman, 2001, p.100) che potremmo ricondurre alla mancanza di conoscenza necessarie per riprendere la relazione padre-figlio e alla vergogna, sentimento che rischia di intaccare il rapporto, provocando distanza ed estraneità.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Essere padri. Affettività e genitorialità in carcere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Rossella Galbignani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Servizio Sociale
  Relatore: Chiara Scivoletto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

genitorialità
carcere
legislazione
figli
verità
legami
affetto
carcerazione
essere padri in carcere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi