Skip to content

Identità collettiva e benessere psicologico negli adolescenti Rom: un contributo di ricerca secondo la prospettiva del Positive Youth Developement.

Leggi nazionali e locali sulle minoranze e la situazione dei gruppi Rom e Sinti

Come descritto in precedenza, le popolazioni rom presenti in Italia sono diverse e non possono essere classificate in un unico gruppo, in quanto portatrici di identità culturali profondamente diverse.
Tra questi diversi gruppi possiamo distinguere il gruppo di cittadini italiani come i Sinti e Camminanti e i gruppi di immigrati (con diversi periodi di immigrazione) come Rom rumeni, Rom provenienti dalla ex – Jugoslavia, Rom bulgari e Rom polacchi.
Questa distinzione, può essere utile per comprendere la diversità culturale, linguistica, storica di questi gruppi che solitamente vengono semplicisticamente definiti rom e sinti.
Il mancato riconoscimento delle specifiche diverse identità di questi gruppi ha avuto delle ripercussioni anche a livello legislativo, politico e istituzionale.
In Italia le minoranze linguistiche sono protette dal VI articolo della Costituzione italiana, ma la normativa attuale (Legge 482/ 1999) non include il romanì, dal momento che lo statuto di minoranza è legato all'appartenenza territoriale, mentre il romanì è un linguaggio senza un territorio definito di circolazione (Dell'Agnese e Vitale, 2007; Tavani, 2013).
Le politiche nazionali relative alle questioni che, ancora oggi, vengono definite “questioni nomadi” (termine ancora più generico utilizzato per riferirsi a persone di origine Rom e Sinti in Italia) hanno seguito approcci differenti al problema nel corso degli anni.
Uno dei pochi interventi in questo senso è stata la Circolare 207/1986, in cui il Ministero della Pubblica Istruzione ha riaffermato la responsabilità della scuola pubblica nel favorire in tutti i modi il completamento della scuola dell'obbligo da parte dei Rom e dei Sinti.
Purtroppo, malgrado questo tentativo, la mancanza di integrazione e di coordinamento con le altre politiche sociali, ha determinato un successo limitato delle misure nel campo educativo.
Inoltre, allo stesso tempo, il Ministero degli Affari Interni ha iniziato a trattare la questione dei Rom e dei Sinti come un "problema di ordine pubblico" (Dell'Agnese & Vitale, 2007).
A fronte di questo problema dunque, la tendenza generale è stata quella di affidare alle singole regioni la protezione delle persone Rom e Sinti: lo schema generale adottato è stato quello di elaborare politiche a livello locale sulla base delle politiche regionali.
Secondo Dell'Agnese e Vitale, l'Italia manca di forme di coordinamento orizzontale tra organi e forme di corresponsabilità multi-livello, con gravi conseguenze per le comunità Rom, che, in questo modo, subiscono gravi disuguaglianze di reddito, salute, alloggio, istruzione e occupazione.
In Italia la "questione Rom" si risolve con la segregazione in "campi nomadi", ovvero insediamenti autorizzati previsti per le popolazioni Rom e Sinti, che hanno dato vita a forme di ghettizzazione in aree solitamente collocate nelle zone periferiche delle città, dove Rom e Sinti non sono visibili agli occhi degli autoctoni.
I primi "campi nomadi" in Italia appaiono nella prima metà degli anni sessanta come risultato di un movimento di attivismo anti-Rom che si opponeva al "diritto di sosta/ parcheggio", come in quei comuni dove veniva proibito a Rom e Sinti di fermarsi utilizzando cartelli con scritto "agli zingari è proibito fermarsi qui".
Anche a causa di questo tipo di interpretazione della loro cultura, nell'immaginario collettivo Rom e Sinti sono associati all'idea di popolazioni nomadi, in perpetuo viaggio alla ricerca della libertà.
Sempre a causa del mancato riconoscimento delle diversità all'interno di questo gruppi, i campi “nomadi” sono spesso destinati a diventare dei “camping etnici” dove clan diversi compressi sono costretti a convivere con altre famiglie con le quali possono non avere niente in comune; queste situazioni spesso possono portare a episodi di conflitto aumentando il disagio e i rischi per la vita di queste persone.
Inoltre, queste misure hanno contribuito ad ampliare la visibilità e l'immagine negativa di questi esotici "altri", rafforzati anche dal pessimo lavoro dei mass media (Piasere, 2006).
L'arrivo dei gruppi Xoraxan e gruppi Dassikané dall'ex-Jugoslavia, che in una fase iniziale non ha creato problemi, si è trasformato in un vero e proprio flusso migratorio al momento dello scoppio dei conflitti dei Balcani durante gli anni novanta.
Queste popolazioni hanno occupato diverse aree, un tempo abitate da Sinti Italiani, ed è in questo periodo che le aree hanno iniziato a prendere le forme di veri e propri campi profughi piuttosto che di accampamenti di roulotte .
Secondo Sigona (2003) l'etichettatura dei Rom balcanici come "nomadi", invece che come "rifugiati" è stata una scelta politica che ha avuto un profondo impatto sulla loro protezione e sul loro futuro in Italia.
Le precarie condizioni abitative di Rom e Sinti in Italia hanno sollevato l'interesse di diverse organizzazioni internazionali che hanno definito l'Italia come un “paese campo” e hanno criticato aspramente tali scelte politico sociali.
Ulteriori misure, che sono state proposte nel primo decennio del 2000, sono state fortemente contrastate dal centro Europeo dei Diritti Umani dei Rom all'interno del loro report del 2008 “Sicurezza a la Italiana: violenza estrema e molestie”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Identità collettiva e benessere psicologico negli adolescenti Rom: un contributo di ricerca secondo la prospettiva del Positive Youth Developement.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Maria Hopps
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Cristiano Inguglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza
identità nazionale
identità etnica
rom
pyd
positive youth development

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi