Skip to content

Il Medio Oriente: Dalla crisi dell'Impero Ottomano ai Regimi Post-Coloniali come focus sull'Egito

Le principali fasi sistemiche del MO nel bipolarismo

Riassumendo l'evoluzione della struttura del sistema regionale mediorientale, nel corso della Guerra Fredda, possiamo identificare le seguenti fasi.

Appena delineatasi la gestione bipolare del SI, le potenze occidentali cercano di imporre in Medio Oriente un ordine in chiave anti-comunista, sfruttando le compiacenti oligarchie locali. Questo provoca la reazione dell'Egitto, con Nasser che tenta di creare un regime panarabo con un sistema di "sicurezza collettiva" per cosi dire interna, in grado di tener testa a Israele e di frenare la penetrazione dell'Occidente.

La seconda fase è caratterizzata dalla reazione degli altri paesi arabi che, temendo l'egemonia nāṣṣeriana, formano una coalizione anti-egemonica rafforzando in questo modo le esigenze dei singoli Stati e indebolendo l'ordine panarabo.

La guerra del 1967 spazza via l'ordine panarabo, avente come perno l'Egitto, e si viene a formare un modello alternativo che pone l'accento sulla sovranità degli Stati, a scapito naturalmente del panarabismo. Si forma così un triangolo di Stati (i più rappresentativi del mondo arabo: Egitto, Arabia Saudita e Siria), utile a creare consenso inter-statale.

Dopo la guerra del 1973, anche questo ordine viene spazzato via, segnatamente dall'Egitto che fa il grande passo verso la pace separata. In tutto il Medio Oriente, aumenta il tasso di self-help, e il "dilemma del prigioniero" produce i suoi effetti devastanti sostituendo ai conflitti ideologici, conflitti ben più violenti, segnatamente tra il Centro arabo e la Periferia.

Successivamente, si delinea con gradualità l'affermarsi di un ordine vestfaliano, in cui il ruolo di stabilizzatore esterno (offshore balancer) è esercitato dagli Stati Uniti, divenuti poi con l'implosione dell'URSS, unica superpotenza.

Washington, sulla base della propria nozione geostrategica di Grande Medio Oriente, ha identificato da qualche tempo in Medio Oriente "tre sub-sistemi regionali"; e la sua strategia è stata sempre quella di cercare di mantenere in equilibrio questi tre sub-sistemi:

1) Israele / Palestinesi

2) Iraq / Iran

3) Pakistan / India

Ma in seguito alle "guerre contro il terrore" volute dal Presidente G. W Bush dopo l'attentato alle Torri Gemelle dell'11 settembre del 2001 (la guerra contro il regime talebano in Afghanistan che ha destabilizzato il Pakistan, e la guerra contro Saddam Hussein del 2003, che ha in pratica distrutto l'Iraq), l'equilibrio di tutti i sub-sistemi regionali appaiono distrutti, compreso quello tra Israele e Palestinesi.

Che cosa fare? Com'è noto, la strategia del Pentagono sotto la Presidenza di Obama nei confronti del Medio Oriente, soprattutto nel secondo mandato, è profondamente mutata: è sufficiente ricordare da una parte la politica del pivot to Asia (secondo cui il perno strategico degli USA non è più il Mediterraneo e quindi Medio Oriente, ma il Pacifico Occidentale per controbilanciare la Cina), dall'altra la conciliazione con l'Iran, che ha posto fine a più di trentacinque anni di contrapposizione .

Allo stato attuale, è impossibile prevedere il futuro ordine sistemico della regione.

Quel che si può dire è che molto dipenderà dall'esito della guerra "di tutti contro di tutti" che sta insanguinando il Medio Oriente e che a molti appare una "guerra sistemica", cioè proprio alla ricerca di un nuovo sistema regionale che sia più funzionale al Sistema Internazionale di oggi, che non solo è ridiventano multipolare ma che è anche "multicentrico".

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Medio Oriente: Dalla crisi dell'Impero Ottomano ai Regimi Post-Coloniali come focus sull'Egito

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nabila aly abotaleb El Melegy
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Studi Orientali
  Corso: RELAZIONI ISTITUZIONI DELL'ASIA E DELL'AFRICA
  Relatore: Franco Mazzei
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 191

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi sistematica del medio oriente
medio oriente con focus sull'egitto
primi movimenti nazionalisti fino al 1952
gli ufficiali liberi e la rivoluzione
il risveglio della fratellanza, l’assassinio sadat
il ruolo dei paesi dell’opec, e la crisi petrol

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi