Skip to content

Le lettere di Cesare, Lucrezia e Ludovico Borgia ai Priori di Todi (1499-1503)

Studi relativi alle lettere appartenenti a Lucrezia Borgia

Le cinque lettere che appartengono a Lucrezia Borgia presenti all’interno del corpus oggetto di analisi, contrariamente a quelle del fratello Cesare, di cui tratterò in seguito, sono già state oggetto di studio. Ripercorrerò ora brevemente la storia di questi studi, che non furono fin da subito compiuti e sistematici.

La lettera n. 1 fu edita per la prima volta, con delle imprecisioni e delle lacune, da Carlo Guzzoni nel 1851 in Saggio di documenti inediti di storia umbra. Della lettera n. 3 nel 1858 una prima, tuttavia imprecisa trascrizione ci è data da Lorenzo Leonij all’interno della sua opera Vita di Bartolomeo di Alviano. Queste due missive furono poi riprese successivamente da Achille Sansi che le menziona in Storia del Comune di Spoleto dal secolo XII al XVII, vol. II.

In tempi a noi più recenti , tutte e cinque le lettere furono edite da Franco Mancini, in un contributo intitolato Lucrezia Borgia governatrice di Spoleto, pubblicato nel 1957 sulla rivista «Archivio Storico Italiano». Rispetto a questa edizione, la trascrizione da me effettuata presenta delle differenze: Mancini scelse di apporre la punteggiatura, al fine di agevolare la lettura, e non trascrisse i nomi dei destinatari che compaiono sul verso delle lettere; in merito alle lettere nn. 2, 4, e 5, quest’ultimo riportò la trascrizione della titolatura apposta in calce in maniera incompleta; infine, per ciò che concerne lo scioglimento delle abbreviazioni Mancini preferì usare nella trascrizione l’italiano contemporaneo, come ad esempio nella lettera n. 3 «lettere»>«littere».

Sull’argomento tornò poi nel 1979 Giorgio Comez, il quale pubblicò nel periodico «Volontà Nuova» un breve articolo dal titolo Lucrezia Borgia e i Priori di Todi. Le lettere, nel 2000, furono nuovamente analizzate da Maria Grazia Nico Ottaviani nel suo saggio Cesare e Lucrezia Borgia nei loro rapporti con le città e i castelli dell’Umbria.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le lettere di Cesare, Lucrezia e Ludovico Borgia ai Priori di Todi (1499-1503)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Virginia Gregori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Beni e attività culturali
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Erminia Irace
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

umbria
lettere
alessandro vi
valentino
todi
cesare borgia
lucrezia borgia
ludovico borgia
conquista romagna
politica borgia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi