Skip to content

La politica europea di vicinato. Siria e Ucraina in prospettiva comparata

La danza con l'orso: l'UE e le difficili relazioni con la Federazione russa nella crisi ucraina

L'azione di Bruxelles nello spazio post-sovietico risulta avere un carattere "concorrenziale", come si è precedentemente osservato. Invero, oltre all'UE, gli attori più attivi nella regione orientale sono la Federazione russa, gli Stati Uniti e la Cina.

Nell'analisi dell'Osservatorio di Politica internazionale, effettuata un anno dopo il suo scoppio, la crisi in Ucraina rappresenta il culmine di un ventennio di malintesi e di incoerenza nei rapporti tra Russia, Stati Uniti e Unione europea che hanno messo a nudo la fragilità dell'attuale ordine internazionale. Ciò ha particolare rilevanza rispetto alla "sindrome dell'accerchiamento" vissuta da Mosca a causa dell'espansione della NATO nell'emisfero orientale. Tuttavia in questo spazio ci si limiterà a osservare come l'UE ha prima "contribuito" e poi reagito alla crisi scoppiata in Ucraina nel 2013.

Come notano Giusti e Penkova, l'azione dell'UE si inserisce in un contesto in cui l'identità europea non è maggioritaria e non incontra il favore di un clima di predisposizione al cambiamento come quello degli anni successivi al crollo dell'URSS che permise la firma degli accordi con i PECO.

Nel caso dell'Ucraina il processo di avvicinamento all'UE, che sembrava tra i più promettenti, è stato rallentato da un abbassamento della qualità della democrazia e da un progressivo assoggettamento di Kiev a Mosca.

Si potrebbe affermare che nelle relazioni tra l'UE e l'Ucraina si è manifestata un'eterogenesi dei fini di Bruxelles, il cui intento di rafforzarvi i legami ha invece prodotto il risultato di un allontanamento che a sua volta ha accentuato le forti divisioni interne dell'Ucraina, poi degenerate nel conflitto civile. Ciò è avvenuto in coincidenza della proposta di Bruxelles di sottoscrivere con Kiev l'AA che avrebbe dato luogo all'area di libero scambio.

Nel luglio 2008 Bruxelles e Kiev annunciarono il progetto per la realizzazione dell'accordo. In quel momento, il consenso dell'Ucraina su tale iniziativa era ampio e diffuso, tra gli altri, anche dal presidente filo-russo Viktor Yanukovych. Per contro, la prospettiva di un'ipotetica adesione al club dell'UE di un paese ritenuto arretrato – sebbene non vi fosse fatta alcuna menzione al riguardo nel testo dell'AA –incuteva timore nei leader europei.

Nel marzo del 2012 la bozza dell'accordo era ormai pronta, tuttavia la serie di eventi scatenatasi l'anno successivo ha condotto a una temporanea fase di stallo e a un deterioramento dei rapporti tra l'UE e la Federazione russa. Nella valutazione di Giusti e Penkova, l'errore di Bruxelles sarebbe stato quello di ignorare la divisione etno-linguistica (figura 10) e economica dell'Ucraina seguendo il progetto del PO, senza una visione strategica delle proprie decisioni. Lo ha fatto, inoltre, senza tenere conto delle posizioni di Mosca. Il risultato si è dunque concretizzato in un inasprimento della frattura pro-UE e pro-Russia all'interno del paese, soprattutto nella parte orientale.

Nonostante i passi compiuti dal Parlamento ucraino – dietro pressioni dell'UE – nella direzione di una più stretta integrazione, come ad esempio il recepimento di una parte dell'acquis comunitario e il varo delle riforme anticorruzione e del sistema penitenziario, il 21 novembre 2013 il governo ucraino annunciò il suo passo indietro sulla firma dell'AA che avrebbe istituito la DCFTA con l'UE. Tale decisione fu giustificata dalla necessità di tutelare la sicurezza nazionale e lo scambio commerciale con la Russia e con i membri della Comunità degli Stati indipendenti (CSI). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

La politica europea di vicinato. Siria e Ucraina in prospettiva comparata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giorgio Rezk
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Barbara  Pisciotta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 137

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
europa
siria
mediterraneo
pesc
ucraina
politica europea di vicinato
international relations
politica estera ue
azione esterna europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi