Skip to content

Spirito e Polvere: Il Vitalismo nella poetica cinematografica di John Huston

Itinerari nel Vitalismo

Una storia lunga, che non nasce su pellicola, ma tra appunti di pensatori sparsi in lungo e largo per il mondo. Alla ricerca di qualcosa di comprovato vitalismo, mantenendo sempre densa in mente la doppia lucentezza del termine: da un lato la materia classica, quella che racchiude secoli di elaborazioni, divise tra esperimenti medico-biologici e concitati intrugli filosofici, dall'altro la nuova pelle, meno esagitata e più ancestrale, diretta da Huston.

Chiamarsi Vitalismo è una grande responsabilità; difatti, agli albori, si trattava di avere a che fare con molto più della semplice vita o di affiatati aloni umorali, di vissuti, come la intende Huston; a essere coinvolti erano direttamente il suo senso, il suo funzionamento, il suo "come vivi" e "perché esisti". C'entrano sempre i fenomeni, ma non quelli del caso-causa, bensì quelli molecolari-anatomici: frequenza degli impulsi che attraversano i nostri nervi, doti psicosomatiche dell'individuo, tensioni muscolari, stato di salute, valori corporei diventano l'indiscusso parametro di giudizio, la finta saggezza di una pseudo-certezza, la clausola responsoriale con cui avvalersi di protezione davanti a tutti i tipi di colpe, sempre misurate e sentenziate in virtù di un'ineccepibile legge e filosofia propria dell'organismo. Non c'era pensiero, sentimento e comportamento, la cui spiegazione apparisse insondabile; doveva sempre trattarsi necessariamente di una appurabile modalità di manifestazione del meccanismo fisico-celebrale della persona in questione. Si trattava di ridurre la vita a risultato di componenti fisiologiche, di gradazioni alchemiche di grassi e proteine, di reazioni metaboliche e sistematiche scientificamente dimostrabili.

Un materialismo in versione naturalistica, che già in parte era stato avvertito in opere come il De Vita di Marsilio Ficino (i quattro umori come residuo dei processi di espulsione messi in atto dalla bile, dalla cistifellea e dal pancreas), nella teoria dell'epifisi di Cartesio e, ancora prima, nella medicina ippocratica-galenica. Lo spirito incorporeo di Huston veniva sostituito dall'epidittico della perfezione nella forma dell'uomo-macchina. Niente era aspettato e inseguito, ma tutto costrittivamente espresso da un intrinseca obbedienza strutturale ad apparati ed organi, superbamente messa a punto, terribilmente impeccabile: gli scatti non erano decisione, ma solo liquidi che si incontravano al momento giusto nel posto giusto; i baci "prodotto" del concatenarsi fissato di regolamentari azioni psicofisiche; i bisogni e le parole, non esperiti, ma richiesti da sensori di auto-gestione microbiotica. La chiamano omeostasi.

L'espiazione di uno stato d'animo non era più il mondo che giungeva su di noi (come in Huston), ma l'organizzarsi (in questa traduzione, il Vitalismo sembra effettivamente occuparsi di qualcosa di molto simile al vegetale, semplicemente "messo al mondo") verso l'alterità che ci ronzava intorno, senza che mai interferisse con i sottoscritti, poiché, in un tale equilibrio ambientale tra "oggetti", nulla fa niente per nessuno, ma tutto imperituramente si dà (in primis "a noi", dal nostro corpo), quasi gratuitamente, né ricercato né impegnato dal feticcio della fatica. Nessun'anima, pura contemplazione, niente metempsicosì o orfismo; è questa la tesi sostenuta dal Vitalismo di discendenza medico-scientifica teorizzato da studiosi quali Leclerc de Buffon, Caspar Friedrich Wolff, Hermann Lotze, Claude Bernard: "Nei corpi viventi, continua il Bernard, c'è una disposizione, una specie di ordine che non si potrebbe trascurare di mettere in rilievo, perché essa è veramente il carattere più spiccato degli esseri organizzati. (…) I fenomeni vitali hanno certo le loro condizioni fisico-chimiche rigorosamente determinate: ma all'istesso tempo si subordinano e si succedono in un concatenamento e secondo una legge fissati in precedenza. Esiste come un disegno prestabilito nella struttura e nell'accrescimento di ciascun organismo e di ciascun singolo organo". Una progettistica fisiologica che imposta l'intera gamma delle attività e dei desideri inappellabili di cui costantemente l'uomo è schiavo. La folle teologia dell'etica spinoziana è qui applicata alla lettera: la conquista della libertà nella totale consapevolezza di un asservimento incondizionato: "Pensieri e idee, come tali, non hanno, va da sé, la minima forza di smuovere una massa o, in genere, di produrre un movimento; ma possono conseguire una tale forza in quanto sono modificazioni, o determinati stati o movimenti d'un che reale, d'una sostanza (…). Di guisa che, dunque, degli stati di una sostanza concreta fanno riscontro agli stati di altre sostanze concrete, essendo questi e quelli egualmente partecipi all'esistenza. Però il principio di causa ed effetto vale in tutta quanta la realtà, senza distinzione di corpi o spiriti. In tal modo viene superata ogni difficoltà. Per mezzo del concetto di sostanza, che è comune così allo spirito come al corpo, tutto riesce comprensibile. (…) Rappresentazioni, sentimenti, appetiti sono puri modi di manifestarsi, che gli stati interni della sostanza psichica [e fisica, NdC] assumono davanti alla nostra propria osservazione. (…) All'opposto quegli stati dell'anima, in quanto sostanza, interni, inconsci, sottraentisi per sempre all'esperienza, e non mai accessibili alla nostra percezione, possono, uniti agi stati di quell'altro reale che è il corpo, acquistare l'impulso da produrre un effetto sopra una massa ponendo un inizio di moto assolutamente nuovo".

Queste varianti dell'ilozoismo, del fisicalismo, del funzionalismo, non mancano di essere affiancate, all'altro polo, in una parallela corrispondenza, stavolta in funzione filosoficateorica, da una totale revisione degli argomenti, costruita nel corso dei secoli e secondo un preciso indirizzo umanistico. È a questo punto che veniamo ad occuparci di quella che, con ogni probabilità, è la tendenza maggiormente raffigurativa e comune con cui si è soliti immaginarsi il Vitalismo: l'uomo sulla soglia di un "magma incandescente", di un "flusso di vita", "espansiva eversione dell'io". A tal proposito, gli esempi illustri abbondano: Epicuro, tra i primi, parlava nei termini di una felicità da cogliere in ogni momento della vita, da inseguire testardamente, da ricercare in sé, al di là delle influenze portate dall'altro, amico o nemico che sia. Schopenhauer attestava il rinvenimento di una forza cosmica, la Volontà, in grado di aprire le porte ad una realtà incondizionata ed inesplorata (l'ascesi al Nirvana).

Nietzsche, sull'orlo di una posizione assai discutibile e forse intollerabile, cantava di un doppio movimento dialettico, chiuso e concatenato in sé, di distruzione e creazione successiva, in cui l'oltre-uomo (Ubermesch), stravolti i normali limiti spazio-temporali, avrebbe conferito a tutti l'ammirabile visione di una super-arte, cioè di un mondo che, scomparsa la concretezza meschina e svenevole degli inconvenienti e delle finalità, si inabissa nell'infinita durata di inestimabili avvistamenti sensoriali, di "lunghi (cioè interminabili, nell'idea che Nietzsche ha dell'amor fati) quadri".

Ma tutte queste sono soltanto formulazioni prive di una loro dichiarata sistemazione.
Perché ciò possa avvenire bisogna aspettare Henri Bergson, che del Vitalismo come teoria della "volontà di potere" è sicuramente il padre. Nasce con lui una corrente, definita e chiara, votata a sostenere i diritti per un dottrina che manifestasse, rigorosamente e metodologicamente, le crescenti difficolta umane nel continuare a stare con gli altri (a lavoro, in società, per strada, e non solo), l'incessante bisogno di un'elevazione, verso più agiate "dimensione della persona", una più armoniosa fidelizzazione ogivale dei "se spersonalizzati" che dilaniano le nostre forze emotive. Ma c'è una differenza fondamentale con Huston: Bergson annuisce all'uomo, il regista americano a situazioni dimensionali empiriche, disseminate dagli anni, rassicuranti nella loro conditio di indefinitezza, contenenti l'irrinunciabile necessità di essere godute, attraversate, sperimentate. Lo spirito, la qualità interiore primigenia, in Bergson si innesta nel singolo individuo, in Huston si espande (già la differenza di lessico dovrebbe dare la misura superiore, in termini quantitativi, della spazialità a cui ci riferiamo) uniformemente lungo il "farsi presente", nel senso di "momento per momento", dell'avvolgente disbrigo dell'ilare stasi vitalistica. È l'alleanza, un mettersi d'accordo, un patto tra lo stato dell'uomo e lo stato-vita. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Spirito e Polvere: Il Vitalismo nella poetica cinematografica di John Huston

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Enrico Caruso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Monica Dall'Asta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema
neorealismo
irrazionalità
spirito
bertolucci
preghiera
vitalismo
john huston
cinema novo
poetica cinematografica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi