Skip to content

Dall'indifferenza alla Noia: Alberto Moravia

Moravia: uno scrittore esistenzialista?

In questa sede possiamo affermare che i concetti fondamentali dell'opera moraviana non si differenziano in modo rilevante da quelli dell'esistenzialismo: molti critici sono concordi nel definire Gli indifferenti un romanzo pre-esistenzialista, non solo per ragioni cronologiche (La nausea di Jean-Paul Sartre uscì nel 1938, L'étranger di Albert Camus nel 1942), ma anche e soprattutto perché tutti i temi dell'esistenzialismo (l'assurdo, lo scacco, ecc.) sono già presenti fin dal primo romanzo, sia pure allo stato embrionale. Chi meglio di Dacia Maraini, scrittrice e compagna di tante avventure con Moravia, può illuminarci sul Moravia esistenzialista; riportiamo uno stralcio dell'intervista rilasciata a La Stampa:

[…] Il romanzo Gli indifferenti ha proposto un nuovo modo di guardare il mondo che si allontanava dal verismo e dal naturalismo; stava proponendo quello che in Francia ha trionfato con il nome di esistenzialismo. Jean-Paul Sartre e Albert Camus ci arrivarono dopo. Moravia questo romanzo l'ha scritto negli anni '20; è stato un assoluto precursore rispetto al tema dell'esistenzialismo. L'esistenzialismo non è stato solo un atteggiamento mentale, filosofico ma anche un linguaggio distaccato, che comprendeva il dolore ma ne prendeva le distanze; questa era una novità per la letteratura mondiale ed è quello che ci hanno restituito Camus con "Lo straniero" e Sartre con "La nausea": un dolore proiettato sulle cose che non si racconta ma si rappresenta in maniera cruda e distaccata […] Ne "Lo straniero" di Camus, il protagonista Meursault viene condannato a morte e non ha reazioni, non si commuove per la morte di sua madre. Ci sono modi di interiorizzare il dolore e di farlo diventare parte della propria carne, rendendo impossibile raccontarlo. Rileggendo questo libro ho capito quanti legami ci siano fra la prosa di Camus e quella di Moravia e, inoltre, che Camus sia entrato nel solco dell'esistenzialismo quando Alberto l'aveva già ampiamente tracciato. Certo, io non ho mai sentito Moravia dire "io l'ho detto prima", ma è la verità: se si legge prima "Gli indifferenti" poi Camus e Sartre si vede che lui è stato premonitore e anticipatore di questo stile [...]

Le differenze con Sartre sono comunque marcate: Sartre e Camus erano filosoficamente consapevoli quando composero i loro testi, Moravia invece più istintivo; in merito, riportiamo le dichiarazioni dello stesso Moravia a Oreste Del Buono:

[...] Agli inizi della mia carriera di scrittore non riuscivo a mettere in croce due ragionamenti, mi esprimevo solo per immagini e dialogo, avevo, insomma, un altissima capacità rappresentativa e quasi nessuna riflessiva. Quando scrissi Gli indifferenti non sapevo nulla dell'esistenzialismo. I problemi che i miei personaggi tentavano di risolvere erano, in ultima analisi, i problemi stessi della mia vita, e il fatto che fossero anche, a mia insaputa, i problemi dell'epoca si deve alla facoltà che allora avevo di stabilire un rapporto con la realtà, senza alcun diaframma estetico e ideologico […]

Inoltre il protagonista del romanzo di Sartre non è tanto il personaggio principale, quanto La nausea stessa; l'impostazione narrativa è in questo caso un espediente, strumento ‘esemplificativo' di concetti filosofici. In Moravia, viceversa, Dino rimane protagonista in senso assoluto, è la crisi esistenziale (La nausea che avverte Roquentin, l'indifferenza di Michele, la noia di Dino) ad essere un espediente, di tipo narrativo: l'elemento filosofico esiste in funzione dell'azione romanzesca. L'attitudine narrativa di Moravia ha sempre la meglio su quella teorico- esplicativa, pur presente, specie nelle opere del dopoguerra. Limentani ci fornisce la sua ermeneutica di Moravia e Sartre:

[…] Moravia è molto più artista di Sartre, senz'altro orientato alla rappresentazione, mentre del francese non ha l'incisività di pensiero, lo straordinario mordente dialettico, o diciamo senz'altro la genuina attitudine filosofica […]

I rapporti di Moravia con Sartre, letterari e amichevoli, saranno molto stretti. Egli traduce in italiano il famoso capitolo di La nausea sulla "radice del castagno, traduzione che compare con il titolo Le sei di sera nel secondo numero di "Quaderni internazionali-All'insegna della medusa", rivista diretta per Mondadori da Gianna Manzini (marzo 1946). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Dall'indifferenza alla Noia: Alberto Moravia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Ordile
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi della Basilicata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Studi Letterari, Linguistici- Storico-Filosofici
  Relatore: Carla Pisani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi