Skip to content

Voce e luoghi nel Galateo in Bosco di Andrea Zanzotto

Intertestualità e retorica

Per intertestualità si intende, in linguistica testuale, l’insieme di rapporti che un testo intrattiene con altri e che permette al lettore di identificare la tipologia testuale a cui appartiene ciò che sta leggendo. In teoria della letteratura, si tratta dell a rete di relazioni che un testo intrattiene con altri testi dello stesso autore o con modelli letterari della stessa o di altre epoche.

Zanzotto è sicuramente uno tra i poeti contemporanei a sfruttare maggiormente le potenzialità dell’intertestualità ed a fare un uso sistematico dei richiami intertestuali. Se nei versi giovanili (periodo 1938-1942) si rintraccia facilmente l’influenza sia degli ermetici - Luzi, Sereni, Gatto - sia di Rimbaud, Leopardi e Hölderlin autori, questi ultimi, a cui poi si rifarà costantemente è con La Beltà, Pasque ed il Galateo che Zanzotto va sempre più delineando il suo rapporto con i modelli letterari, e non solo.

Tutti coloro che abbiano avuto certe esperienze poetiche, si trovano, grandi o piccoli, precedenti o successivi, entro una sola corrente profonda, rientrante in se stessa come l’omerico fiume Oceano, rapiti in essa, testimoni di essa, più o meno consapevolmente non importa. Né importano «plagi», imitazioni, o altri tipi di contatti tra autori, che non sono mai casuali, mentre importa che vi sia questa communio, questa circolazione, questo dare e ricevere, questo rubacchiare in una specie di ipnotica cleptomania [...]

In particolare, l’utilizzo volontario o, nel caso di inconsapevoli richiami a testi letti in precedenza, involontario delle citazioni da parte di Zanzotto va modificandosi nel tempo fino ad includere, oltre ai rimandi letterari: tentativi di creazione di un linguaggio prelinguistico (come quello del petèl), prelievi dal mondo dei fumetti, della musica, della filosofia, della pubblicità.

L’attitudine citazionistica dell’autore si è evoluta nel senso dell’estensione dei prelievi e dei richiami meramente letterari (che nel primo libro costituiscono già «un grande mosaico») ai materiali verbali più eterogenei.

Si produce così nel Galateo una «miscela linguistica ricchissima» che, se da una parte può sfruttare la presenza di materiali eterogenei per creare un interessante tessuto linguistico, dall’altra deve fare i conti con la possibilità di generare incomprensione ed, eventualmente, rifiuto da parte del lettore meno preparato, a cui si accennava già nel capitolo precedente. D’altro canto, però, è lo stesso Zanzotto ad essere consapevole di
quanto la poesia contemporanea venga considerata difficile. Questa attitudine citazionistica va a sommarsi alle sperimentazioni compiute dalle avanguardie novecentesche che l’autore ha ben presenti ed alla mescolanza di immagini tipiche della letteratura con quelle, sempre specialistiche, delle discipline tecnicoscientifiche.

Il conseguente cortocircuito che si viene a creare, oltre a non essere affatto inconsapevole, è giustificato da ben precisi intenti stilistici.

C’è una comprensibilità che si realizza in modo immediato, ma è quella che può avere un articolo di giornale, anzi che è indispensabile in un articolo di giornale. Nella poesia non è così (…). Pensate al filo elettrico della lampadina che manda la luce, il messaggio luminoso, proprio grazie alla resistenza del mezzo. Se devo trasmettere corrente a lunga distanza, mi servo di fili molto grossi e la corrente passa e arriva senza perdite a destinazione. Se metto, invece, fili di diametro piccolissimo, la corrente passa a fatica, si sforza e genera un fatto nuovo, la luce o il colore. Così accade nella comunicazione poetica, nella quale il mezzo è costituito dalla lingua. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Voce e luoghi nel Galateo in Bosco di Andrea Zanzotto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Libori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere Moderne
  Relatore: Stefano Ghidinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura italiana
linguistica
voce
avanguardia
retorica
poesia contemporanea
tipografia
non luogo
poesia sperimentale
andrea zanzotto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi