Skip to content

I fondamentali del beta

Beta di mercato vs fondamentali contabili

La ricerca dei fondamentali utili a spiegare il beta del CAPM inizia con lo studio BKS del 1970. Lo studio è basato sull'analisi di 307 imprese non finanziarie (le imprese finanziarie – imprese assicurative, bancarie e intermediari in generale – sono escluse a causa di una differente struttura del capitale e un conseguente diverso significato degli indici di bilancio). L'arco temporale è tra il 1947 e il 1965 compresi, diviso in due sotto-periodi di dieci anni (1947-1956) e nove anni (1957-1965) rispettivamente. La ripartizione del periodo totale in due sotto-periodi (120 osservazioni nel primo periodo e 108 nel secondo) ha permesso l'analisi della stazionarietà nel tempo della relazione tra beta e fondamentali nonché una verifica della capacità delle informazioni contabili (considerate determinanti nel modello) di prevedere il beta nel periodo successivo.

I fondamentali considerati sono: il dividend payout ratio, il tasso di sviluppo, il leverage, la liquidità, la dimensione di impresa, la volatilità degli utili e il beta contabile. Il beta di mercato viene stimato con la regressione dei rendimenti di mercato della singola impresa con i rendimenti del portafoglio di mercato (cfr. § 1.2); il beta contabile da analoga regressione, ma con utili contabili. Viene analizzata, per ogni sottoperiodo, la relazione tra il beta di mercato e le sette variabili contabili. La stessa analisi viene fatta sia per i titoli considerati individualmente che a livello di portafoglio11. La misura di rischio di ciascun portafoglio è ottenuta come la media aritmetica dei beta relativi ai 5 titoli che lo compongono. L'importanza dell'analisi a livello di portafoglio è coerente con la portfolio theory, in base alla quale le decisioni d'investimento non vengono assunte considerando individualmente i titoli; ne discende che la volatilità del rendimento di portafoglio è il concetto rilevante in termini di rischio. La media della stima del beta di mercato presenta un valore che si discosta molto poco da quello teorico (0.991 e 0.987 rispettivamente primo e secondo periodo).

L'intervallo di valori del β è ampio (da 0.17 a 2.15 del primo periodo e da -0.05 a 2.19 del secondo) così da poter tenere in considerazione un ampio spettro di valori del rischio sistematico. La deviazione standard è simile ai risultati di studi precedenti: 0.336 e 0.342 per i rispettivi sotto-periodi. Per verificare la stazionarietà del beta di mercato tra i due periodi vengono calcolati i coefficienti di correlazione di Spearman e di Pearson, pari rispettivamente a 0.626 e 0.594. Si rileva quindi un'associazione positiva tra il valore di β nel primo periodo e nel successivo: pur se non perfetta, l'assunzione di stazionarietà non può dirsi non soddisfatta in quanto la correlazione a livello di portafoglio è maggiore che non a livello individuale. Infatti, a livello di portafoglio di 20 titoli cadauno, l'associazione è quasi perfetta. I due coefficienti di correlazione sono praticamente di eguale valore, pari al valore teorico (0.989 e 0.965). Il valore della stima del beta contabile è molto vicino a 1 nel primo sotto-periodo e diminuisce nel secondo (0.979 e 0.908): presenta lo stesso andamento del beta di mercato ma, a differenza di questo, ha una deviazione standard molto più elevata, circa quattro volte (1.164 e 1.280). Infatti la stima del beta contabile risulta negativa nel 9% e 12% delle stime nel primo e secondo sotto-periodo rispettivamente. La causa della maggiore deviazione standard può essere sicuramente trovata anche nel limitato numero di osservazioni del beta contabile (nove per ogni sotto-periodo, in considerazione del timing dei risultati di bilancio), che genera un errore di campionamento molto grande. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

I fondamentali del beta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Cerqua
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Daniela Venanzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 45

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

capm
rischio d'impresa
beta
decisioni d’investimento
finanza aziendale
modelli di pricing
ottimizzazione di portafoglio
indici contabili
residual income model
costo del capitale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi