Skip to content

La rappresentazione delle informazioni socio-ambientali nel Bilancio di Esercizio: il caso Enel SpA

I pilastri dell’etica aziendale

Enel, ormai da tempo, poggia la sua attività su alcuni pilastri di orientamento etico, seguendo una serie di regole che tutti i soggetti coinvolti sono tenuti ad applicare giornalmente e che hanno un carattere dinamico. Tali pilastri sono rappresentati dai seguenti documenti: il codice etico, il Modello 231, il piano “Tolleranza zero alla corruzione” e la politica di Business and Human Rights.
Per quanto riguarda il Codice Etico, esso è stato introdotto nel 2002, e rappresenta delle regole che indirizzano tutti i soggetti a comportamenti trasparenti, rispettosi, corretti. Il codice vincola tutti i collaboratori che agiscono all’interno del Gruppo, tenendo conto dei paesi in cui operano le varie sedi e quindi della diversità culturale ed economica presente tra di essi.

In virtù di queste regole, qualsiasi stakeholder ha il diritto di segnalare eventuali violazioni della linee di condotta stabilita dal codice.
L’obiettivo di Enel ê quello di soddisfare azionisti, clienti, persone che lavorano all’interno mantenendo con tutti un rapporto di fiducia. Diventa fondamentale la buona reputazione, una risorsa immateriale essenziale in quanto, all’esterno, favorisce gli investimenti degli azionisti, la fedeltà dei clienti, l’attrazione delle risorse umane migliori, si ê affidabili agli occhi dei creditori. Ma i vantaggi sono anche all’interno, dove le decisioni vengono prese senza conflitti e non è necessario un controllo di tipo burocratico e autoritario poiché ognuno seguendo le regole del codice rispetta gli altri.

Il codice etico è strutturato in diverse parti: La prima parte comprende i principi generali sulle relazioni con gli stakeholder, che definiscono i valori di riferimento nelle attività di Enel. La seconda parte indica il comportamento concreto che ognuno deve avere per essere rispettoso. Alla base del codice vi è la cooperazione, per cui ognuno deve agire rispettando il proprio ruolo e quello degli altri La terza parte è costituita dai meccanismi di attuazione, che indicano in che modo si controlla il rispetto del codice etico. dai meccanismi di attuazione, che descrivono il sistema di controllo per l'osservanza del codice etico e per il suo continuo miglioramento.

Il codice trova applicazione a tutte le società del Gruppo Enel, pertanto anche le imprese controllate o collegate dovranno essere vincolate a rispettare i principi in esso contenuti. Per quanto riguarda il Modello 231, esso è stato introdotto con decreto legislativo n. 231/2001, revisionato poi nel 2014 per introdurre nuove figure di reato, ha lo scopo di completare il codice etico e di prevenire il rischio che vengano commessi reati di corruzione pubblica e privata. I principi contenuti in questo modello sono estesi anche alle società estere del gruppo.

Per quanto riguarda il Piano “Tolleranza Zero alla Corruzione”, esso si unisce al modello 231 e al codice etico e serve per rafforzare l’impegno del Gruppo contro la corruzione. Il piano è stato adottato nel 2006 allo scopo di rendere concreta l’adesione di Enel al Global Compact dell’Onu e al Paci.

Per quanto riguarda, infine, la politica di Business and Human Rights, essa risponde alle linee guida dettate dall’Onu in materia di diritti umani e nel 2013 Enel ha approvato la Politica sui diritti Umani attraverso la quale esprime il suo impegno in questo ambito, facendo riferimento ai diritti di appaltatori, fornitori e partner d’affari. Enel ha anche messo in atto un processo di risk assessment il cui obiettivo è di identificare i principali rischi legati ai Diritti Umani in cui l’azienda può incorrere nello svolgimento delle proprie attività all’estero.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La rappresentazione delle informazioni socio-ambientali nel Bilancio di Esercizio: il caso Enel SpA

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Bruno
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Simona Marchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bilancio sociale
informazioni socio-ambientali
caso enel spa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi