Skip to content

Assicurazioni sanitarie e sanità integrativa. Scenario attuale e prospettive di sviluppo.

Piani sanitari e organizzazioni di gestione della salute (HMO)

I Piani Sanitari hanno generalmente una dimensione regionale e prevedono un'area di validità territoriale (Service Area) all'interno della quale l'utente può scegliere l'erogatore di servizi sanitari; essi possono anche essere proprietari o gestori di strutture sanitarie, anche se più frequentemente organizzano contratti con medici, erogatori di servizi e ospedali per garantire la copertura sanitaria ai propri iscritti. I Piani hanno l'obiettivo di fornire servizi di alta qualità a costi più contenuti rispetto alle assicurazioni private, il tutto nel rigoroso rispetto di standard qualitativi prefissati e controllati.

In tal senso si inserisce il ruolo dei PRO (Peer Review Organizations), gruppi di esperti retribuiti dal governo federale per controllare e testare le cure erogate a livello ospedaliero, ambulatoriale e di servizi, e proporre nuovi modelli organizzativi. Il costo del premio, che varia fortemente in funzione delle condizioni e dall'area geografica, nel 2009 ammontava in media a 402 $ mensili per una copertura singola, mentre per una copertura familiare occorrevano 1.115 $ mensili.

Oltre all'ammontare del premio, l'utente sostiene dei co-pagamenti per ogni visita ambulatoriale e per la maggior parte dei servizi. La forte concorrenza fra i Piani tende ad eliminare il rischio di qualità scadente e contribuisce a mantenere un contenimento dei prezzi. Le condizioni di copertura sono maggiormente correlate alle condizioni di salute del gruppo di assicurati rispetto alle classiche assicurazioni private; l'impostazione di fondo è sempre di tipo assicurativo, ma sono stemperati significativamente gli aspetti di mercato classici, adattati alle particolarità del settore della cura e della tutela della salute. I Piani Sanitari più noti e diffusi sono le Health Maintenance Organizations (HMO) e le Preferred Provider Organizations (PPO); le prime sono più vincolanti, le seconde prevedono che l'iscritto possa rivolgersi a providers anche al di fuori del circuito stabilito ma richiedono, in tal caso, un premio più alto.

Il vantaggio principale che deriva dall'adesione a tali Piani è dato appunto dal fatto che le spese complessive tendono ad essere più basse e più prevedibili; inoltre non c'è bisogno di compilare dei moduli per ottenere un rimborso ad ogni visita, cosa che succede con le classiche assicurazioni private, ma è sufficiente presentare la carta di adesione al Piano. Il principale punto debole sono invece la limitazione nella scelta di dottori e strutture di cure cui ci si può rivolgere, e i tempi medi di attesa più elevati. Inoltre, se tale sistema permette una razionalizzazione dei costi, porta però anche ad una ridotta autonomia clinica dei medici, impegnati a non superare i costi delle cure sanitarie contrattati col Piano Sanitario di riferimento. Per esempio nel caso delle Indipendent Practice Associations, uno dei Piani Sanitari, l'assicurazione non fornisce i servizi sanitari ma si rivolge a strutture o professionisti che ricevono in alcuni casi una quota annuale per ciascun assicurato.

Il rischio economico della malattia è così condiviso tra assicurazione e professionista sanitario, poiché a carico di quest'ultimo sono le prestazioni eccedenti il forfait ricevuto dall'organizzazione. Tale meccanismo incentiva la medicina preventiva, che risulta economicamente vantaggiosa per le strutture sanitarie (che evitano di dover sopportare i costi gravosi di una malattia in stato avanzato), ma non mancano le perplessità derivanti da un sistema che ha una finalità prevalentemente economica e che prevede, in alcuni casi, la riduzione dei salari dei medici che erogano prestazioni troppo costose, o il mancato pagamento della retribuzione al personale medico fino al momento in cui non sia definito il costo dei pazienti.

Negli ultimi decenni il numero dei Piani Sanitari è cresciuto notevolmente, passando dai 174 del 1976 ai 577 del 2008. Sono anche gli interlocutori privilegiati anche dei programmi pubblici Medicare e Medicaid, con cui hanno stabilito contratti e forme di copertura sanitaria. Oggi quasi uno statunitense su quattro dispone di copertura sanitaria tramite un piano sanitario di questo tipo. Varie leggi, sia dei singoli Stati che del governo federale, sono dedicate alla regolazione di questo settore.

La prima legge è la HIPAA (Health Insurance Portability and Accuontability Act) del 1966, che regola il settore delle assicurazioni in campo sanitario. Le norme federali stabiliscono che le HMO devono corrispondere servizi sanitari a fronte di un versamento periodico, prescindendo dall'epoca di effettuazione delle prestazioni e dalla frequenza e portata delle prestazioni erogate. Il DHHS (Department of Health and Human Services) è l'ente che vigila sui Piani Sanitari e in particolare su qualità delle prestazioni e una sana gestione economica, disponendo le clausole che devono essere contenute nei contratti stipulati per la fornitura di servizi, e ad esso vanno consegnate delle relazioni periodiche.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Assicurazioni sanitarie e sanità integrativa. Scenario attuale e prospettive di sviluppo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Battani
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Bancaria, Finanziaria ed Assicurativa
  Relatore: Antonella Cappiello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 310

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sanità
servizio sanitario nazionale
assicurazioni
sistemi sanitari
sanità integrativa
riforma obama
assicurazioni sanitarie
assicurazioni private
sistemi sanitari pubblici
sistemi sanitari privati

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi