Skip to content

La prima protesi a conduzione ossea transcutanea: The Bonebridge

The BoneBridge

ll Bonebridge è la prima protesi semi impiantabile a conduzione ossea diretta transcutanea ideata dalla casa costruttrice tedesca Med-el, fu lanciata nel 2012, ad oggi è già impiantato in più di 200 centri in tutto il mondo. Viene definita così poiché, è il primo impianto che utilizzando la via ossea lascia la pelle intatta.

E' costituito da due parti:
* Audioprocessore
* BCI (bone conduction implant)

L' Audioprocessore
L'audioprocessore costituisce la parte esterna del BB ed è a sua volta composto da:
- due microfoni
- un processore digitale
- una batteria
- un magnete

I microfoni captano l’energia vibratoria e la trasformano inimpulso elettrico, per questo motivo sono anche detti trasduttori elettroacustici. Le onde sonore vengono convogliate nella membrana microfonica, ponendola in vibrazione; la membrana consiste in un foglio molto sottile di materiale leggero; la qualità del microfono dipende proprio dalla membrana e dalla facilità con cui vibra. Le tecnologie con cui vengono realizzati i microfoni sono diverse e questo ci permette di avere a disposizione una vasta gamma di soluzioni a seconda del contesto in cui ci troviamo a operare. A causa delle differenze costruttive, vi sono microfoni più o meno sensibili ai diversi livelli di pressione, con diverse direzionalità, con una loro caratteristica risposta sonora e queste differenze creano risposte non uniformi, cioè distorsioni, in fase e in frequenza. Anche se per applicazioni scientifiche lo scopo è avere una risposta quanto più uniforme possibile, non sempre è così e ciò potrebbe comportare delle problematiche perché il microfono può enfatizzare in maniera eccessiva la voce e anche eventuali disturbi esterni.

Come già accennato, i microfoni sono dei trasduttori elettroacustici e in base a come avviene questa trasduzione, si possono classificare in microfoni elettromagnetici, microfoni ceramici, microfoni a condensatore o electret (elettrici permanenti). Quest'ultimi sono i più utilizzati per gli apparecchi acustici ed inoltre sono di qualità sicuramente superiore rispetto ai microfoni elettromagnetici e ceramici perchè hanno una maggiore sensibilità, una risposta in frequenza più lineare ed estesa e un rumore di fondo bassissimo, ma si possono danneggiare se sottoposti a pressioni sonore molto elevate.

Le principali caratteristiche che definiscono le prestazioni di un microfono sono:
1. Risposta in frequenza: cioè il modo di variare della sensibilità infunzione della frequenza dell’onda sonora.
2. Sensibilità: è il rapporto fra ampiezza del segnale elettrico uscente (tensione d’uscita) dal microfono e ampiezza del segnale acustico;
3. Rumore interno (o di fondo): è generato dai componenti elettriciall'interno del microfono in assenza di pressione acustica;
4. Massimo livello di pressione sonora misurabile: valore oltre ilquale si ha l’insorgere di distorsione o danni irreversibili al microfono;
5. Campo dinamico: è costituito dalla differenza tra il massimo livello di pressione sonora misurabile ed il livello equivalente del rumore di fondo
6. Caratteristica di direzionalità: un fattore importantissimo daconsiderare è la direzionalità del microfono, cioè la variazione nel suono che produce a seconda della direzione da cui esso proviene.

La direzionalità esprime la capacità del microfono di captare più o meno bene i segnali in base alla direzione di provenienza, cioè il modo di variare della sensibilità con l’angolo di incidenza del fronte d’onda.

In base alla direzionalità possiamo distinguere:
- I microfoni non direzionali, o omnidirezionali (detti anche panoramici), hanno la stessa sensibilità per tutti i suoniindipendentemente dalla direzione da cui provengono, cioètrasducono il suono proveniente da qualsiasi direzione allo stesso livello di ampiezza.
- I microfoni direzionali, captano a 360° ma rinforzano nella maggior parte dei casi i suoni che provengono frontalmente infunzione dell’angolo di provenienza dei suoni stessi, evitando così una scarsa captazione sonora. Sono di questo tipo quelli unidirezionali, che hanno la massima sensibilità per i suoni provenienti dalla parte anteriore e si suddividono in cardioide,supercardioide e ipercardioide; quelli bidirezionali, sensibili ai suoni provenienti davanti e dietro; superdirezionali.

Questa tipologia di microfoni è ormai da parecchi anni utilizzata negli apparecchi acustici, quale soluzione già più volte dimostrata e volta ad ottimizzare la percezione del parlato in presenza di rumore di sottofondo, risultato a cui si giunge tramite il miglioramento del rapporto S/R. La direzionalità adattativa si regola minimizzando il livello di rumore presente lateralmente e dalle spalle del paziente, anche quando il rumore (o il paziente) sono in movimento. Oltre alla direzionalità adattativa, viene utilizzato anche un sistema ad alta risoluzione per la riduzione adattativa del rumore. I sistemi con che utilizzano i microfoni direzionali migliorano oggettivamente le prestazioni del parlato nel rumore, mentre la riduzione adattiva del rumore tende a ridurre gli effetti fastidiosi del rumore di sottofondo e diminuire l’affaticamento dell’ascolto, senza però interferire con la percezione del parlato e dell’ambiente sonoro del paziente.

Le differenze quindi sono proprio legate al diverso angolo di sensibilità ai suoni che ne condiziona la ripresa e di conseguenza l'utilizzo.
Quando si desidera una ripresa totale con la riverberazione dell'ambiente, maggiore libertà dell'effetto prossimità, basso costo; si utilizzano microfoni omnidirezionali.
Quando si vuole evitare di riprendere le caratteristiche acustiche dell'ambiente, il rumore di fondo, attuare tecniche di registrazione stereofoniche, si utilizzano microfoni direzionali.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La prima protesi a conduzione ossea transcutanea: The Bonebridge

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Emanuela Cucinotta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Tecniche Audioprotesiche
  Relatore: Rocco Bruno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sordità
orecchio
udito
protesi acustiche
conduzione ossea
bonebridge
protesi impiantate
transcutanea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi