Skip to content

I resti scheletrici umani di Su Sercone (Orgosolo)

Indicatori a carattere adattativo: cenni di paleopatologia

Il termine paleopatologia venne coniato nel 1892 da Shufeldt (palaiòs, antico; logos, studio; pathos, sofferenza) e significa studio delle malattie antiche. Per definizione è la "scienza delle malattie che possono essere dimostrate dei resti animali ed umani del tempo antico" secondo una definizione di Armand Ruffer del 1924. Secondo Nemeskèri i risultati dello studio forniscono una "ricostruzione biologica totale dell'uomo".

La prima vera trattazione di paleopatologia è opera di Leòn Pales che nel 1930 pubblicava un trattato dal titolo "Palèopathologie et pathologie comparative" nonostante già nel 1774 ci fossero sporadici studi di paleopatologia già con Esper (1774).

Se nel passato tale scienza era rivolta allo studio di singoli casi, oggi le ricerche, a seconda della scuola di pensiero di riferimento, tendono ad evidenziare le malattie presenti in determinate aree geografiche e a stabilire rapporti patogenetici con l'ambiente (Capasso, 1985) e con le condizioni socio biologiche e culturali.

Sarà perciò uno studio rivolto a rapportare le malattie delle popolazioni del passato per capire le malattie delle popolazioni attuali.

I reperti oggetto di studio della paleopatologia sono quelli resistenti al tempo (quali denti, calcificazioni, calcoli, scheletri, mummie) e non solo.

I resti umani, si distinguono, a seconda delle modalità di conservazione in quelli preservati naturalmente e quelli conservati artificialmente (mummie artificiali e preparati anatomici). Oltre ai reperti ossei (nei quali non si possono trovare segni di tutte le malattie, ma solo di quelle proprie dell'osso o delle articolazioni o di quelle che lasciano tracce sull'apparato scheletrico) ci si avvale, come materiali di studio anche di parti più delicate, quali gli organi, i tessuti, le articolazioni. In taluni casi ci si avvale anche di fonti iconografiche, di sculture e vari oggetti d'arte.

Anche l'esame dei capelli fornisce utilissime informazioni per la possibilità di estrarre il DNA.

Il reperto viene esaminato attraverso tappe che prevedono dapprima l'esame macroscopico e poi quello radiografico. I successivi esami, istologico e istochimico, possono essere effettuati sia su materiale osseo sia sui tessuti mummificati. Recentemente è stato introdotto l'uso del microscopio elettronico a scansione che permette la visualizzazione di forme parassitarie ed i microrganismi, nonché tracce di patologie dentarie non visibili a occhio nudo.

Un altro strumento diagnostico è la tomografia assiale computerizzata.

Questo brano è tratto dalla tesi:

I resti scheletrici umani di Su Sercone (Orgosolo)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Sarigu
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Facoltà di Biologia e Farmacia
  Corso: Scienze della natura
  Relatore: Rosalba Floris
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antropologia
paleopatologia
su sercone
osteologia umana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi