Skip to content

L'internazionalizzazione delle imprese italiane: tre casi di studio nel settore alimentare

I distretti industriali italiani: la Terza Italia

Il concetto di distretto industriale (DI) è stato riscoperto dall'economista italiano Becattini. Egli lo definì come un'entità socio territoriale caratterizzata dalla compresenza, in un'area territoriale circoscritta, di una comunità di persone e di una popolazione di imprese industriali. Nel distretto le comunità e le imprese tendono a interpenetrarsi a vicenda. (Becattini 2000, 58-59). La comunità di persone è importante perché ha al suo interno dei valori di etica di lavoro, famiglia e attività (ibidem, 59).

La popolazione di imprese industriali è composta dalle PMI indipendenti che appartengono ad uno stesso settore produttivo; ciò fa si che esse conseguano un livello efficiente e competitivo in ogni fase del processo produttivo (Ramella 2013, cap.7 - p.2).

Secondo Marshall il settore di specializzazione del DI oltre a comprendere l'attività produttiva essenziale (ad es. calzature, industria tessile, mobili), comprende anche quelle industrie fornitrici, attraverso i macchinari, materiali e i servizi specializzati (Becattini 2000, 55). Marshall distingue le economie interne da quelle esterne: le prime dipendono dall'organizzazione efficiente e dalle risorse delle singole aziende, mentre le seconde dipendono dallo sviluppo generale dell'industria a cui quelle imprese appartengono. L'economista inglese inoltre, quando parla di DI fa riferimento alle economie esterne, creando così tre tipi di vantaggi per le PMI (ibidem, 52):

1. economie di specializzazione, derivano dalla presenza di tanti fornitori e aziende che costruiscono macchinari specifici ad ogni fase di lavoro (Becattini 2000, 53)

2. mercato di lavoro qualificato e specializzato, mette a disposizione delle PMI capitale umano: la socializzazione avviene in famiglia, a scuola, nelle imprese, creando così una predisposizione al lavoro industriale (Marshall 1920);

3. l'ultimo vantaggio comprende due aspetti: la conoscenza delle informazioni e gli spillover di conoscenza. Riguardo il primo aspetto, esso è collegato alla facilità di ottenere informazioni importanti per gli scambi commerciali (ad es: qualità dei prodotti, prezzi, affidabilità fornitori); sono tutti elementi che fanno ridurre i costi di transazione delle attività economiche. Il secondo aspetto riguarda la presenza di uno stock di conoscenze e competenze specifiche, che agevolano così la produzione di idee nuove, diffondendole poi tra le PMI. Queste conoscenze sono soprattutto informali e possono essere acquisite solamente tramite processi di socializzazione piuttosto lunghi (Becattini e Rullani 2000, 105).

Il DI per diversi motivi rappresenta un ambiente favorevole per l'innovazione. Ci sono le ragioni economiche, legate per lo più alla competizione e divisione del lavoro; poi le ragioni normative collegate all'etica del lavoro e alla reputazione professionale.

Infine ci sono le ragioni sociali legate alle relazioni che agevolano la nascita di idee e la diffusione delle innovazioni. L'introduzione di innovazioni tecnologiche all'interno di un DI prende una caratteristica diffusa e collettiva, quindi un processo sociale che coinvolge imprese e popolazione (Becattini 2000, 72). Nel distretto inoltre, molti produttori e i diversi attori economici si confrontano con gli stessi problemi, tentando nuove strade e proporre innovative soluzioni: le informazioni tra questi circolano mediante le relazioni con fornitori, concorrenti, clienti, parenti, amici; dunque vengono condivisi sia errori e fallimenti, che soddisfazioni e successi. Viene introdotta nello stesso distretto la capacità innovativa diffusa, quindi tutte quelle forme di apprendimento derivanti da esperienza, da conoscenze pratiche cresciute operativamente dai produttori (learning by doing) e dagli utilizzatori (learning by using), o che derivano da loro relazioni (learning by interacting). Tutto ciò fa si che vengano introdotti miglioramenti sia ai prodotti che ai processi produttivi, migliorando la capacità innovativa del DI (Bellandi 1989, 150). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'internazionalizzazione delle imprese italiane: tre casi di studio nel settore alimentare

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luigi Dassisti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze internazionali e diplomatiche
  Relatore: Francesco Ramella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi